New Asian Film Festival ǀ Bioscoopagenda

Il festival belga mette in risalto i film taiwanesi poco conosciuti di quegli anni

Il nuovo Electric Shadows Asian Film Festival lancia l’evento online “Voices of Youth”. Film taiwanesi invisibili degli anni ’60 – Recentemente è stata scoperta una selezione di film taiwanesi degli anni ’60. Dal 15 aprile al 21 aprile 2021.

New Asian Film Festival

I lungometraggi “I Didn’t Dare Tell You” (1969) e “The End of the Path” (1970) furono tra i primi lavori di Mu Tun Fei. Questo regista di origine cinese è fuggito con la sua famiglia a Taiwan nel 1949, dove la legge marziale è stata applicata fino al 1987. Mo era famoso per shock controversi come “Men Behind the Sun” (1988), una rappresentazione dei crimini di guerra giapponesi durante la seconda guerra mondiale .

Anni prima di entrare a far parte dei famosi Hong Kong Xu Brothers e farsi un nome come regista di exploitation – una qualifica che disprezzava – Mo iniziò come assistente alla regia con il suo mentore Bai Cheng Joy. Electric Shadows ha scelto da esso il cortometraggio “A Morning in Taipei” (1964), che Bay ha diretto poco dopo il suo ritorno dall’Italia. Lì ha preso coscienza del realismo neo-italiano durante i suoi studi cinematografici, la conoscenza che ha impartito a Mo. Questo effetto è particolarmente evidente nel suo libro Non ho osato dirti e The End of the Path.

Tuttavia, il governo nazionale cinese che all’epoca governava Taiwan ha vietato entrambi i film. Il realismo di Musa guidato da un’esperienza di forma e temi sociali si è scontrato con il “realismo sano” ufficiale che diffonde il melodramma ottimistico. La sua prima apparizione potrebbe essere stata amputata da un censore che poi ha ritenuto, secondo Mo, che il tono cupo del suo secondo film avrebbe danneggiato i giovani. Tuttavia, anche l’interesse per argomenti esotici potrebbe aver avuto un ruolo.

READ  La polizia interviene contro un tifoso di Formula 1

“End of Path” accompagna il cortometraggio Run (1966) di Han Hsiang-ning, che alcuni anni fa ei suoi contemporanei hanno avuto un ruolo nel rivelare film underground degli anni ’60 che spesso solo di recente potevano essere visti per la prima volta dopo il loro ultimo restauro. Questa ricerca faceva parte di “Imagining the Avant-garde: Film Experiments of the 1960s”, un programma sponsorizzato dal Taiwan International Documentary Film Festival.

Il programma “Voices of Youth” è stato catalizzato. I film taiwanesi mai visti negli anni ’60 saranno presentati da Victor Fan, professore al King’s College di Londra specializzato in film provenienti dalla Cina e da Hong Kong.

Sabato 17 aprile, Wafa Ghermani, un conoscitore del cinema taiwanese, terrà una conferenza dal titolo “Mo Tun nella sua posizione nella storia del cinema taiwanese”, seguita da domande e risposte dirette con entrambi i relatori.

Voices of Youth è il primo evento pubblico di Electric Shadows, un nuovo festival ad Anversa che mira a esplorare la cultura del cinema asiatico storico e contemporaneo.

Questo evento online è una collaborazione tra Electric Shadows, De Cinema, Taiwan Film and Audiovisual Institute, con il supporto del Flemish Audiovisual Fund. I programmi dei film possono essere guardati gratuitamente in tutta Europa. La conferenza, le domande e le risposte sono disponibili in tutto il mondo.

Collegamenti:

  1. Cinema (Belgio)

Rimani in contatto!

E iscriviti alla nostra newsletter.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24