Nina Crowell soffre di anoressia e deve raccogliere 15.000 euro

Nina, 20 anni, soffre di grave anoressia e shock. Ha già subito diversi trattamenti, ma senza risultati duraturi. Ovunque si rivolga per chiedere aiuto, viene rifiutata. Ma ora ha finalmente trovato una clinica in Sud Africa che può aiutarla. Nina ha riposto le sue speranze in Imani, ma deve raccogliere almeno 15.000 euro. Ecco perché ha lanciato una campagna di crowdfunding.

Nina è cresciuta a Gorinchem. Si è poi trasferita in una struttura abitativa protetta a Hunderlo per persone con disturbi alimentari, che è fallita. Vive da sola da un anno in un monolocale ad Apeldoorn. “Le cose non stanno andando bene”, dice. Si sente molto sola. “L'anoressia mi impedisce di vivere una vita normale. L'intera giornata consiste nel mangiare, e a volte devo mangiare qualcosa e poi mi sento in colpa per questo. Mi sento arrabbiato e lotto costantemente. Faccio fatica anche con il desiderio di fare esercizio. Anche quando è Piove, è inevitabile.” “Non posso uscire a fare una passeggiata. È molto faticoso.”

I problemi di Nina sono iniziati in tenera età. “Ero una ragazza sensibile e insicura che captava i sentimenti di tutti gli altri.” All'età di otto anni è finita su Pro Platform, un forum in cui le ragazze si incoraggiano a vicenda a perdere più peso possibile, imbrogliando o sputando cibo. Ha anche iniziato a farsi del male. Quando aveva 11 anni, i suoi disturbi alimentari divennero evidenti perché aveva perso peso. Il medico di famiglia l'ha indirizzata ad una clinica di Leida, dove anche i suoi genitori sono stati coinvolti nel trattamento. Di conseguenza, ha dovuto perdere molte lezioni a scuola.

Quando Nina aveva 15 anni, a sua madre fu diagnosticato un cancro al pancreas. “Mia madre era una persona che non parlava dei suoi sentimenti. Non parlava con nessuno della sua malattia. “Scomparve solo cinque mesi dopo. Questo fu molto intenso per Nina, che era lì quando sua madre esalò il suo ultimo respiro “Nel momento in cui ho perso mia madre, ho perso tutto il mio entusiasmo” per la vita. “Ho ancora speranza per questo.”

Nina Crowell (20 anni) soffre di anoressia e deve raccogliere 15mila euro:
Nina con sua madre. Propria foto.

Panico da biscotto

La sua depressione è peggiorata. A causa del dolore per la perdita della madre, non riusciva a mandar giù nulla. “Ho pensato: che senso ha la vita? Ero in uno stato così pessimo che avevo smesso completamente di mangiare”. È stata ricoverata con la forza in ospedale per riprendersi attraverso l'alimentazione tramite sonda. È arrivata, ma quando è tornata a casa per una settimana, Le cose sono peggiorate di nuovo e lei deve fare di nuovo le valigie per tornare in ospedale: “Quell'anno sono stata ricoverata sette volte”, dice.

Il suo indice di massa corporea era troppo basso per molte cliniche per disturbi alimentari. C'erano anche tempi di attesa lunghi. Di conseguenza, Nina dovette trasferirsi a Tienen, in Belgio. “Anche se volevo così tanto migliorare, il mio disturbo alimentare ha preso il pieno controllo di me. Sono andato nel panico per un biscotto. Siamo arrivati ​​alla conclusione che non ha funzionato in quel modo. In ospedale, ero completamente pieno di energia una sonda per l'alimentazione, ma non osavo nemmeno mangiare o bere.

È stato rifiutato dalle cliniche

Questo è stato seguito da un altro periodo di ricovero in cliniche, dove è stata costantemente mandata via. Quando lei chiamò disperata il suo medico di famiglia, lui le disse: “Hai rovinato tutto da solo”. Non c'è nessuno che possa aiutarti adesso. “Poi c'è stato un cambiamento in me”, dice Nina. Non voleva più vivere e ha preso un'overdose. Al pronto soccorso le è stata fatta una pompa allo stomaco.

Alle sue spalle è stata presentata domanda per una “licenza giudiziaria” che significa che puoi essere curato involontariamente. È stata ricoverata in un reparto chiuso a chiave, il suo peggior incubo. “C’erano tutti i tipi di persone con tendenze suicide e l’ambiente era pessimo”. Ha ceduto fisicamente ed è finita in ospedale. Il sedativo le è stato somministrato tramite un tubo, quindi non ne ha assunto molto.

Seguirono molti trattamenti, alcuni dei quali portai a termine. Ma continua a ricadere in un disturbo alimentare. Alla fine, i praticanti sospettano che Nina abbia problemi di personalità e si sottopongono a cure per questo. “Mi è stato diagnosticato un disturbo borderline, che è qualcosa con cui non riesco a fare i conti. In realtà sono una ragazza ansiosa, che ha paura di discutere, ma sono stata messa in un gruppo con tutti i tipi di rabbia, emotività persone. Era del tutto inappropriato.”

Alla fine, tutte le opzioni terapeutiche furono esaurite e Nina non poté più ricevere aiuto da nessuna parte. “Il problema più grande con l'assistenza sanitaria nei Paesi Bassi è che non possono fare nulla con diagnosi multiple. Se ricadi in un disturbo alimentare, il trattamento verrà interrotto. Anche il trattamento shock non era possibile a causa del disturbo alimentare. Quindi prova a mordersi la gola. E anche le liste d'attesa sono lunghissime”.

L'ultima goccia

Poi, tramite un conoscente, finisce nella clinica privata di Imani che offre cure in Sud Africa. È l'ultima goccia a cui si sta ancora aggrappando. “Sono vivo da tanto tempo, non è più possibile per me così. È appena possibile, mi sveglierò presto. Se non avessi trovato la mia fede, avrei iniziato il processo di eutanasia”.

Nina si sente a suo agio con Imani fin dal primo contatto. “Ho sentito subito un'enorme differenza: il modo in cui il personale ti parlava, la comprensione. Fin dall'inizio mi hanno detto: 'Non devi farlo da solo, noi ti proteggiamo'. Spesso ho parlato con un medico senza essere “Non mi ha fatto pagare nulla. Mi ha dato speranza. È stato anche liberatorio”. Lettere di difesa di uno psichiatra, perché le mie cure non sono rimborsate dalla cassa malattia. Purtroppo senza risultati.”

Ciò che la attrae è l'approccio olistico. “Mi considerano un individuo. Lavorano anche con gli animali. Penso anche che questo possa aiutare. La mia speranza è di poter vivere di nuovo la vita di un normale ventenne. Di poter ritrovare il mio entusiasmo per la vita, che posso gestire il cibo e fare esercizio fisico”. In modo naturale.

Trova difficile guardare al futuro, ma ha sogni e desideri. “Il mio sogno è aiutare altre ragazze con un disturbo alimentare più tardi, quando mi riprenderò, per dare loro speranza e sostegno. Trovo molto difficile darlo a me stessa, ma voglio guarire per aiutare gli altri.

Un aumento significativo delle denunce tra le persone con malattie mentali

“Questo è molto tragico”, è la reazione dello psichiatra e professore Jim van Os alla storia di Nina. “Negli ultimi anni abbiamo assistito a un aumento significativo dei disturbi psicologici tra i giovani. Questo gruppo sta soffrendo molto. Negli ultimi 15 anni, il numero di giovani con disturbi psicologici è quasi raddoppiato. Van Os ritiene che ciò sia in parte dovuto alla società , dove il successo è una scelta”. La perfezione è la norma e non c'è più spazio per la debolezza. “Le persone diventano molto infelici se devono crescere in una società del genere.”

Egli sottolinea che sono soprattutto le ragazze ad affrontare un problema. “Vediamo molte ragazze con disturbi alimentari. E sotto c'è disprezzo per se stesse e molte paure. Devi sempre guardare cosa c'è sotto, cioè le persone che si autodefiniscono, si odiano, non si amano. E in Nei casi più dolorosi si arriva infine alla richiesta di eutanasia, cosa che avviene regolarmente anche tra i giovani.

I pazienti complessi vengono rifiutati

Van Os dice che il caso di Nina non fa eccezione. È molto comune che i pazienti che hanno un disperato bisogno di aiuto vengano respinti per il trattamento. Van Os spiega che questo ha a che fare con il modo in cui è organizzata l'assistenza sanitaria mentale nei Paesi Bassi. “È un modello economico di mercato, in cui è tutta una questione di fattibilità, efficienza e misurabilità. Si basa su pazienti rispettosi, motivati ​​a migliorare e che si presentano agli appuntamenti in tempo.

Ma la realtà in molti casi è selvaggia, a causa della complessità del problema. Se hai una diagnosi, è facile, diretta ed economica. Ma una volta che si arriva a qualcosa di più, diventa rapidamente “troppo complesso” e troppo costoso per le assicurazioni sanitarie e gli istituti di salute mentale, che devono competere tra loro.

“Se soffri, ad esempio, di una combinazione di autismo grave, dipendenza cronica e tendenza al suicidio, o manifesti un comportamento fuggitivo o hai problemi gravi e potenzialmente fatali come l'anoressia, semplicemente non puoi affrontare questo problema. Ciò crea un accesso ineguale alle cure. “Più i problemi sono gravi, più è difficile raggiungerli”, afferma Van Os. In altre parole: le persone che hanno più bisogno di aiuto vengono lasciate fuori.

respiro profondo

I problemi complessi solitamente non vengono risolti entro un anno. Come operatore sanitario, devi essere persistente al riguardo, afferma Van Os. “Si tratta di faticare, tirare, spingere, fustigare, cercando di motivare le persone a cambiare. In realtà c'è bisogno di 'giocatori acrobatici relazionali', che provano a fare cose che presentano problemi molto difficili. Questi tipi di dipendenti valgono il loro peso” gold, ma non si adattano al sistema DBC attuale.

Secondo van Os, è necessario un cambiamento verso un sistema sociale in cui i professionisti lavorino insieme in modo creativo nel quartiere e vi sia un’offerta integrata di cure, piuttosto che l’attuale divisione tra OMM nel comune e assistenza medica (compresa la salute mentale) (assistenza sanitaria) nel comune Legge sull’assicurazione sanitaria e l’assistenza sanitaria mentale per i giovani nel comune. Su questo si sta già lavorando, sotto il nome di “ecosistema socio-sanitario”, con dieci regioni che cercano di passare a un modello sociale, piuttosto che a un modello medico, in cui molte persone vengono dichiarate malate e devono ricorrere a cure di salute mentale. “Dobbiamo lavorare di più insieme e ci deve essere più spazio per pensare fuori dagli schemi”.

Puoi donare a Nina tramite questo link.

A Patricia è stato diagnosticato un cancro tre volte ed è rimasta traumatizzata: “Devi scoprire tutto da sola, altrimenti non succederà nulla”

Le donne con problemi cardiaci vengono spesso rimandate a casa: 'Il cuore delle donne è molto diverso da quello degli uomini'

Hai notato un errore? Scrivici. Ti siamo grati.

Commenti

READ  La dieta mediterranea è stata ancora una volta votata come la migliore dieta. Questa è la top 10 – Wel.nl

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24