La legge anti-odio scozzese ha portato a migliaia di segnalazioni e non punisce i tweet di JK Rowling

Noos Notizie

In seguito all’emanazione di una nuova legge contro l’incitamento all’odio, in pochi giorni gli scozzesi hanno già presentato più di tremila denunce alla polizia. La legge, entrata in vigore lunedì, vieta l'incitamento all'odio contro tutti i tipi di gruppi. Ma un gran numero di notizie sono “false e inquietanti”, afferma il segretario di Stato scozzese per la sicurezza Brown. Una serie di tweet controversi dell'autrice di Harry Potter, JK Rowling, non sembrano meritare una punizione.

La nuova legge rende un crimine insultare le persone in base all’età, alla religione, alla disabilità o all’orientamento sessuale, proprio come insultare o minacciare le persone trans e intersessuali. Il Pubblico Ministero non deve dimostrare che questo atto sia stato intenzionale, ma è sufficiente dimostrare che poteva essere percepito come un insulto o un odio. La pena è della reclusione fino a sette anni. L’incitamento all’odio razzista è già vietato in Scozia.

Secondo il ministro degli Esteri scozzese, le numerose denunce senza senso presentate alla polizia a seguito delle nuove norme sono frutto di “disinformazione”. Dice Alla BBC A suo nome è stata addirittura presentata una falsa denuncia.

La maggior parte dei rapporti si riferiscono a una dichiarazione dell'attuale primo ministro scozzese, Humza Yousaf, il quale in un discorso di quattro anni fa affermò che molte delle posizioni di vertice del paese erano ricoperte da bianchi. Clip sul proprietario di X, Elon Musk, che definisce Youssef un razzista in risposta alla clip.

“Non vediamo l'ora di arrestarli.”

Da tempo vi sono critiche alla legge da più parti. La scrittrice JK Rowling, che vive nella capitale scozzese di Edimburgo, lunedì ha immediatamente messo alla prova le nuove regole inviando una serie di tweet in cui si riferiva deliberatamente alle donne trans che si identificano come uomini.

Ha anche scritto che la legge anti-odio “va a scapito dei diritti e delle libertà delle ragazze e delle donne reali”. Rowling ritiene che con l’aiuto di questa legislazione gli attivisti possano mettere a tacere gli altri. Secondo lei, le persone non potranno più pronunciarsi, ad esempio, contro i bagni neutrali rispetto al genere e contro la partecipazione delle donne trans a competizioni sportive o di altro tipo.

L’autore ha affermato: “L’opinione e la libertà di espressione sono condannate in Scozia se descrivere accuratamente il sesso biologico di un individuo è un reato”. Ha detto che non vedeva l'ora di essere arrestata “se quello che ho scritto qui costituisce un crimine secondo la nuova legge”.

La polizia scozzese ha annunciato ieri che i tweet della Rowling non sono soggetti a punizione e che non avrà luogo alcun procedimento giudiziario. La polizia aveva ricevuto segnalazioni sui tweet.

Il segretario Brown oggi afferma che il limite per perseguire effettivamente le persone è “estremamente alto”. “Siamo molto chiari nella legge sul fatto che non si tratta di limitare la libertà di espressione. Si tratta di proteggere le persone”.

Obbligatorio

Tuttavia, il caso della Rowling spinge alcuni scozzesi a chiedersi se la legge anti-odio sia utile e possa essere implementata. Un deputato conservatore ha criticato la BBC per il carico di lavoro aggiuntivo che le nuove regole impongono alla polizia. “Passano il loro tempo a valutare denunce del tutto ridicole per la stessa somma di denaro. (…) Sarei sorpreso se una delle denunce portasse ad un procedimento giudiziario.”

READ  I revisori della fotocamera Niccolls e Drake passano da DPReview a PetaPixel - Immagine e suono - Geeks

Altri ritengono che la legge sia incompleta. Ad esempio, i gruppi femministi sono critici perché gli insulti basati sul genere non sono specificamente menzionati nella legge. Il governo scozzese ha promesso di introdurre in un secondo momento una legge separata contro la misoginia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24