“Non perdere il lavoro così in fretta a Hurley.”

Lo ha sognato per tutta la vita. Giocare e allenare hockey nei Paesi Bassi. Enzo Torossi, 34 anni, argentino, è qui da otto anni. Ha giocato nella big league e ha fatto il suo debutto ufficiale come capo allenatore della rookie league di Hurley qualche settimana fa.

Torossi – nome completo: Enzo Augusto Torossi Macchio – è cresciuto a Cordoba: la seconda città più grande dell’Argentina. Il luogo dove è iniziato il suo amore per il gioco. Sia dentro che fuori dalle righe. All’inizio ha anche allenato diverse squadre giovanili nel suo paese natale.

L’Olanda si è rivolta sempre a Torosi. Nel 2009 e nel 2010 ha trascorso due volte tre mesi nell’ambiente dei suoi sogni. camminò Allenamento per l’inalazione a Leusden e MOP, ma non potevano rimanere più a lungo per motivi di visto.

Fino al 2013. “I miei nonni erano italiani”, dice Torossi, che parla fluentemente olandese. In questo modo ho ottenuto il passaporto europeo e ho potuto restare nei Paesi Bassi più a lungo. Ho giocato una stagione nella “Overgangsklasse” di Breda. Sarebbe stato bello restare qui per un periodo più lungo, ma dopo quell’anno decisi di tornare in Argentina per completare lì i miei studi di ingegneria civile. Pensavo che avrei potuto fare carriera in questo modo.

Dopotutto non è un ingegnere

Le cose sono andate diversamente. Torosi ricevette una telefonata da Bert Bonnick, allora allenatore dello Zwolle. “Saresti disposto a giocare con loro nella ‘Overgangsklasse’? Un’offerta allettante, ma avevo appena trovato un lavoro e stavo per finire i miei studi. Così ho rifiutato la sua offerta. Sono venuto lì solo per poche settimane in Novembre, durante le mie vacanze.

READ  L'ex presidente del Consiglio italiano Berlusconi è stato ricoverato a Milano

Ma il suo breve soggiorno a Zwolle gli ha fatto desiderare di più. “In realtà non trovavo affatto interessante l’ingegneria civile. Giocare a hockey in Olanda era ciò che desideravo di più nel mio cuore. Così sono tornato dopo la pausa invernale. Da allora non me ne sono più andato.”

Da giocatore ad allenatore

La vita da hockey di Torosi è decollata da lì. Si trasferisce nella Piccola Svizzera – che era ancora una divisione transitoria – e inizia a lavorare come allenatore. “Dopo una stagione, siamo stati promossi nella massima serie. Ottimo, ovviamente. Ho vissuto con i miei compagni di squadra a L’Aia. Questo è anche il luogo in cui ho costruito la mia vita sociale. Attraverso KNHB, ho seguito diversi corsi di formazione e sono diventato un allenatore locale e allora vice allenatore della nazionale olandese Under 15. Una festa meravigliosa.’

Enzo Torossi nella partitella della Svizzera. Foto: John Simmons

Tre anni fa Torosi è passato dal ruolo di giocatore a quello di vice allenatore della Piccola Svizzera, insieme all’allenatore Omar Schlingmann. “Con lui mi è stata data molta libertà di organizzare l’allenamento come penso sia meglio. Omar è più un manager delle persone. In questo modo ho potuto applicare tutto ciò che avevo imparato in precedenza dal mio ex allenatore Carlos Castaño. Molto istruttivo .

Fuori dalla zona di comfort

Lo scorso gennaio, Torosi, ex calciatore d’angolo, ha informato il consiglio di amministrazione del KZ che si sarebbe dimesso da vice allenatore dopo tre stagioni. Conoscevo tutti nel club e mi sentivo come un pesce nell’acqua. Vivevo completamente nella mia zona di comfort. E anche quello era il problema. Sei troppo giovane per essere nella tua zona di comfortUn amico ha detto. In realtà ero d’accordo con lui su questo.

READ  Conoscenza interna | 5 frecce termiche nell'antincendio

Dopo aver discusso con diversi club della Rookie League, Torossi ha ingaggiato Hurley. “È un club per famiglie con i migliori sport. Ovviamente non ha la stessa storia della KZ, ma mi piace davvero far parte di un tipo diverso di club ora. Men 1 ha l’ambizione di giocare nella big league, ma Lui Egli dovrebbe NO. Come allenatore la pressione non è molto alta e non perderai subito il lavoro se le cose non vanno bene, come il passato ha dimostrato. Questo mi fa sentire bene e sicuro. Inoltre, mi piace la mentalità di Amsterdam: bocca larga, un po’ di arroganza, ma in modo divertente.

Torosi ora sta sempre più prosperando nel suo nuovo ruolo. “Ora sono impegnato anche con cose diverse dagli allenamenti e dai programmi di rotazione. Ad esempio, mantenere la comunicazione con il consiglio, gli sponsor, lo staff e i fisioterapisti. Questo è qualcosa di nuovo e dà alla formazione una dimensione diversa.

Enzo Torossi come nuovo allenatore dell’Hurley Men’s Team 1. Foto: Hurley

Nessun attrito

Torosi ha ormai ricevuto il suo battesimo del fuoco. Con un pareggio contro l’SCHC (4-4) e una sconfitta contro Busch (2-3), c’è ancora margine di miglioramento in termini di risultati.

L’allenatore non è preoccupato per questo. Abbiamo grandi giocatori e Karel Klavier è uno dei migliori assistenti dell’Olanda. Avendo giocato ad alto livello, sa cosa comporta lo sport di punta dal punto di vista tattico, tecnico e mentale. Sono convinto che questo ci porterà lontano in questa stagione.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24