“Non stanno facendo abbastanza per aiutare gli ostaggi”.

Gli israeliani manifestano contro la Croce Rossa a Tel Aviv

Noos Notizie

  • Sostenere l'amato di Dio

    Corrispondente per Israele e Territori Palestinesi

  • Sostenere l'amato di Dio

    Corrispondente per Israele e Territori Palestinesi

Ci sono ancora 134 ostaggi israeliani tenuti a Gaza. Non è chiaro come stiano e chi sia ancora vivo. Parenti e amici sono molto preoccupati per la salute dei loro cari, e ogni settimana si tengono manifestazioni contro il governo perché credono che non stia facendo molto per liberare gli ostaggi.

Ma la rabbia non si limita solo al governo israeliano. Nel mirino anche la Croce Rossa in Israele. Ritengono che l'organizzazione umanitaria stia facendo poco per visitare gli ostaggi e fornire assistenza medica.

Il figliastro ventenne di Doron Zixer è tra gli ostaggi ancora detenuti a Gaza. Dexer è ad una riunione nel centro di Tel Aviv, in una piazza ora chiamata “Piazza degli ostaggi”. Centinaia di persone si riuniscono lì ogni giorno per agire, esprimere il loro sostegno o trovare conforto. “La Croce Rossa non ha fatto nulla per gli ostaggi e non è andata a trovarli nemmeno una volta”, dice Dexer. “Penso davvero che possano fare molto per aiutare queste persone”.

Solo gli ostaggi ora liberati finiscono alla Croce Rossa. L'organizzazione umanitaria li preleva da Hamas e poi li trasporta in Israele. Ecco perché molti israeliani chiamano sarcasticamente la Croce Rossa “il servizio taxi di Hamas”. Anche Zexer la pensa così. “Stanno solo trasferendo gli ostaggi in Israele”, dice, “ma non abbiamo bisogno della Croce Rossa per farlo”.

Sarah Davies è portavoce della Croce Rossa a Gerusalemme e afferma che l'organizzazione umanitaria sta facendo quello che può, ma dipende da Hamas. “Abbiamo bisogno di un accordo tra Israele e Hamas per compiere maggiori sforzi. Ci sono molte sfide, è una zona di conflitto e non sappiamo dove sono tenuti gli ostaggi. Non possiamo bussare alla porta o fare cose che potrebbero solo esacerbare la situazione. situazione.” “Colpisce gli ostaggi”, dice Davis. Il che aumenta la loro esposizione al pericolo.

READ  Il governatore Yoon Seok-yeol vince le elezioni sudcoreane dopo una corsa testa a testa

Ma molte persone sulla scena non credono che la Croce Rossa stia facendo tutto il possibile. Alcuni credono addirittura che l'antisemitismo sia il motivo per cui l'organizzazione umanitaria non ha ancora visitato gli ostaggi. “Non penso che stiano facendo quello che possono”, dice una donna venuta a esprimere il suo sostegno. “Non stanno facendo nulla e penso che sia perché siamo ebrei, perché siamo Israele. Posso non credere a quello che stanno facendo.” Dicono.” Anche Dixer la pensa allo stesso modo: “È antisemitismo, perché riguarda il popolo ebraico. Questo è l'unico motivo per cui non hanno ancora raggiunto gli ostaggi.”

Hagai Levin è il capo dell'équipe medica dell'organizzazione degli ostaggi. Si rende conto che la Croce Rossa non può semplicemente andare a prendere gli ostaggi, ma crede che l'organizzazione possa fare di più. “Sono, ovviamente, neutrali su questo argomento e lo rispettiamo”, dice Levin, “ma è anche il loro compito parlare apertamente della situazione, inclusa la violazione delle leggi umanitarie da parte di Hamas”.

Ma la Croce Rossa è cauta con queste affermazioni, perché l'organizzazione umanitaria è anche in trattative dirette con Hamas per vedere cosa è possibile. “Non posso commentare il contenuto di quelle conversazioni, ma stiamo facendo del nostro meglio dietro le quinte”, dice Davis. “Siamo in Qatar e stiamo parlando con Hamas. Ma sappiamo per esperienza che è meglio non condividere queste informazioni essenziali. Comprendiamo la frustrazione tra le famiglie e gli amici degli ostaggi riguardo a questa questione. Vogliono più trasparenza. Ma in realtà stiamo facendo ciò che è necessario”. noi possiamo.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24