Normalmente a Pasqua si può camminare in alto, ma ora a Gerusalemme è tutto tranquillo

I fedeli si preparano oggi per la processione del Venerdì Santo

Noos Notizie

  • Robert Chessall

    Redattore straniero

  • Robert Chessall

    Redattore straniero

Il fine settimana di Pasqua è solitamente molto affollato a Gerusalemme. Migliaia di cattolici romani e protestanti da tutto il mondo seguono le orme di Gesù sulla Via Dolorosa – la Via Dolorosa – e visitano la Chiesa del Santo Sepolcro, nel luogo in cui Gesù fu crocifisso.

Ma durante la Settimana Santa e la Pasqua, i credenti stranieri se ne stanno lontani a causa delle tensioni a Gerusalemme e delle violenze nella Cisgiordania occupata e nella Striscia di Gaza. La situazione è più tranquilla del solito nella regione cristiana, che dipende fortemente dal turismo e dai pellegrinaggi dall'estero. Anche i cristiani olandesi si sono astenuti dal fare un viaggio di gruppo in Terra Santa.

“In questo periodo abbiamo sempre un certo numero di prenotazioni per viaggi di gruppo e individuali in Israele. Non quest'anno”, dice Jan van den Bosch, proprietario dell'agenzia di viaggi cristiana Peter Oyt ad Alphen aan den Rijn. “Il rischio è molto alto e il tempo non è buono. Abbiamo dovuto cancellare centinaia di voli.”

Avviso di viaggio

“Sono stato in Israele 150 volte nel corso degli anni. Puoi sempre perderti la Pasqua ebraica, è così affollata”, dice Van den Bosch, fondatore e ospite di lunga data della Giornata della Gioventù EO. “Il nostro ufficio in Israele non ha niente da fare quest'anno. Abbiamo alcuni militanti che vengono dall'America, ma questo è tutto.”

Van Bussel nota che i suoi clienti hanno bisogno soprattutto dell'aiuto dei tour operator cristiani palestinesi. “È difficile per loro esistere. Molte aziende del settore turistico non riusciranno a sopravvivere. In passato le abbiamo sostenute finanziariamente perché vogliamo mantenere le infrastrutture di viaggio. È ancora difficile”.

Quest'anno il corteo sulla Via Dolorosa è molto meno affollato del solito

Anche i cristiani palestinesi provenienti da luoghi come Betlemme e Ramallah in Cisgiordania trovano quest’anno più difficoltà del solito a visitare il quartiere cristiano. Anche prima del 7 ottobre dovevano richiedere con largo anticipo il permesso ufficiale per tale visita. Ora le restrizioni stanno diventando più stringenti.

Questo può essere visto in questo rapporto di Al Jazeera.

La mancanza di turismo religioso significa una significativa perdita di reddito per la regione. Molti lo chiedono all'abate benedettino Nicodemus Schnabel del monastero della Dormitio di lingua tedesca a Gerusalemme Attenzione Ecco perché sulla stampa internazionale.

Ha aggiunto: “La sfida più grande ora sono le nostre risorse finanziarie”. National Catholic Reporter, una pubblicazione cattolica romana ben letta. “Viviamo di pellegrini e turisti. Oggigiorno vendiamo forse quattro tazze di caffè al giorno. Questo non copre nemmeno il costo dell'elettricità”.

Messaggio misterioso

Un'altra voce oggi è venuta dalla diocesi della Chiesa cattolica romana di Israele, Palestina, Giordania e Cipro, il Patriarcato latino di Gerusalemme. Ciò non presta attenzione alla necessità economica dei social media oggi. La diocesi cita invece la Bibbia: “Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno”.

Secondo Van Geest, il cardinale è particolarmente preoccupato anche per la situazione della minoranza cristiana in Israele e Palestina, che costituisce circa il 2% della popolazione. Ad esempio nella Striscia di Gaza, dove nonostante la guerra si festeggia ancora la Pasqua.

“La tendenza a lungo termine è che in Israele e in Palestina vivono meno cattolici”, spiega van Geest. “Ecco perché arriva la guerra a Gaza. La Via Dolorosa è solitamente piena di gente in questo giorno. Questa è una situazione eccezionale”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24