Norman Reedus: “Penso che ci sarà un secondo Death Stranding” – Gaming – Notizie

Spero che Kojima possa tornare alle sue radici e creare giochi di storia “buoni” invece di un gioco uno sconosciuto Storia possibile Giusto per essere “diversi”…

C’è un nome per questo: fantascienza surreale. Innanzitutto, il gioco/storia è molto simile all’attuale pandemia sia in senso simbolico che letterale. (Il gioco è uscito prima che il mondo affrontasse il COVID19.) In secondo luogo, anche “strano” è soggettivo. Se conosci Kojima, sai che i suoi giochi sono pieni di filosofia, politica, ambivalenza, psicologia e in Death Stranding c’è una dose di scienza culturale e antropologia. È stato spiegato in dettaglio da alcune mostre, ma principalmente da materiali di lettura (mail, interviste). Tutto è ben supportato. (pseudoscienza).

L’MGS5 non era un vero ingranaggio di metallo solido e l’incaglio con la morte non aveva importanza se si vedeva la prima illusione.

Preferiresti che sfrutti il ​​suo concetto facendo la stessa cosa più e più volte? Secondo me deve soprattutto rimanere lo stesso rimanendo innovativo nelle sue idee. Il suo successo varia, ma lo definirei tutt’altro che un disastro. Ad esempio, MGSV ha il miglior gameplay di tutte le parti e puoi classificare il migliore tra i giochi con i migliori elementi di gioco in cui la creatività e la libertà vengono prima di tutto.

Proprio perché non c’entrava niente, è stato un sollievo per i miei occhi. Ho sentito da altri che durante i periodi difficili (blocco) hanno riguadagnato un po’ di respiro attraverso Death Stranding e sono diventati meno tesi. Altri hanno davvero apprezzato il fatto che tu possa aiutare gli altri senza vederli con il multiplayer asincrono. C’erano anche persone che si sono emozionate molto per la storia (soprattutto i genitori). Insomma, dal momento che era “esotico” e impeccabile, il gioco aveva molto valore aggiunto per le persone, e quindi ha davvero più che sufficiente per esistere nella sua forma attuale.

Speriamo di rendere Kojima Part 2 un gioco che attirerà un pubblico molto più ampio.

Penso che sia un complimento che stia andando per la sua strada e non si innamori delle meccaniche economiche che i fan stavano aspettando. Certo, si tratta di profitto, ma puoi combinarlo con la testardaggine. È interessante che tu non abbia finito con il gioco, ma hai ancora molto da dire al riguardo. Ad ogni modo, diciamo solo che non è il tuo tipo/gusto e ciò non significa necessariamente che ci sia qualcosa di fondamentalmente sbagliato nel gioco per i motivi sopra menzionati. Sapevo già di che tipo di gioco si trattava, quindi l’ho comprato. È un peccato che ci siano molte persone che (anche) acquistano un gioco alla cieca e sono deluse per le ragioni sbagliate. (Aspettatevi più azione, la gestione dettagliata è stata una sorpresa, i veicoli passano facilmente su tutto, pianificano percorsi, si incazzano per la caduta di Sam, ecc.)

READ  Medium Creator collabora con Konami, forse lavorando su Silent Hill - Gaming - Notizie

Nota: il gioco, come qualsiasi altro, ha sicuramente dei difetti. Sfortunatamente, ha davvero bisogno di un editor che trasmetta la sua anima in modo più semplice, soprattutto perché le prime ore sono troppo dure e in totale puoi sicuramente prenderci qualche ora prima di finirlo. L’interfaccia utente non è intuitiva, super combattiva, le animazioni possono essere omesse/accorciate e qua e là i dialoghi sono troppo lunghi (filettati).

[Reactie gewijzigd door Enigmus op 29 augustus 2021 22:24]

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24