Oldani regala a Van der Poel la vittoria nella seconda tappa del Giro e Limerez terza | proprio adesso

Stefano Oldani ha ottenuto la sua prima vittoria da professionista giovedì nella 12a tappa del Giro d’Italia. Il compagno di squadra Alpecin-Fenix ​​dell’italiano Matteo van der Poel ha sconfitto i compagni rifugiati Lorenzo Rota e Gijs Leemreize a Genova.

Leemreize ha provato a sorprendere gli avversari italiani con un attacco a 900 metri dal traguardo, ma Rota e Oldani sono tornati al guinzaglio del 22enne olandese. Allora Oldani era il più forte del nemico.

È la seconda vittoria di tappa di Alpecin-Fenix ​​al Giro. Van der Poel, che giovedì era anche lui nel gruppo di testa, ha vinto la prima tappa due settimane fa.

Pukki Mullima è arrivato quarto, a 57 secondi da Oldani. Wilko Kieldermann era sesto allo stesso tempo e Pascal Einkorn ha tagliato il traguardo decimo. Facevano parte di un gruppo di pionieri che inizialmente consisteva in 27 passeggeri, inclusi non meno di sei olandesi.

Risultato della tappa 12 del Giro d’Italia

  • 1 – Stefano Oldani (ETA)
  • 2. Lorenzo Rota (Ita) zt
  • 3. Gijs Leemreise (Ned +0.02 min
  • 4. Bok Molyma (Ned) +0,57 min
  • 5. Santiago Buitrago (colonnello) zt
  • 6. Wilko Kielderman (Ned) + zt
  • 7. Lucas Hamilton (Australia) zt
  • 8. Andrea Vendram (ETA) +1,44 min
  • 9. Rin Tarama (estone) +1,49 min
  • 10. Papà Monococco (NED) +2,55 min
  • 20. Matthew van der Poel +7.45 min

Il Rit era un omaggio a Wouter Weylandt

La dodicesima tappa è riservata in onore di Wouter Weylandt, il corridore belga caduto il 9 maggio 2011 durante il Giro d’Italia alla discesa del Paso del Boco e poi scomparso.

Ha percorso il Giro Paso del Poco per la prima volta da quel fatidico incidente di giovedì. Il presidente del Giro Mauro Vigne depone fiori al memoriale di Weylandt.

READ  Caos dopo il primo fischio di Coppa d'Africa: una conclusione incomprensibile | calcio

Lo spagnolo Juan Pedro Lopez ha mantenuto la maglia rosa di leader. Il Giro prosegue venerdì con una tappa di 150 chilometri da Sanremo a Cuneo, ancora una volta calzante sulla carta per gli attaccanti.

Monumento a Wouter Wellandt a Paso del Boco.


Monumento a Wouter Wellandt a Paso del Boco.

Monumento a Wouter Wellandt a Paso del Boco.

foto: Getty Images

Van der Poel è molto attivo nella fase per gli attaccanti

Il sentiero di montagna della tappa più lunga di questo giro (204 chilometri). Il podio era molto adatto per gli attaccanti e quindi molti piloti hanno voluto fare una bella corsa giovedì. Ciò ha assicurato che il gruppo percorresse almeno 55,3 chilometri nella prima ora e nessun gruppo di testa guadagnasse spazio.

Dopo circa 60 km un gruppo di 27 passeggeri si è separato. Molto energico fin dall’inizio, Van der Poel ha visto di avere due compagni di squadra (Oldani e Oscar Rijsbeek) e cinque connazionali (Rysiebeek, Mollema, Keldermann, Enkhorn e Limeries).

Presto si è scoperto che il vincitore sarebbe arrivato dal gruppo di testa. Sul versante de La Colletta, a poco meno di 50 chilometri dal termine, Rota ha attaccato e raggiunto solo da Leemreize e Oldani. Il trio ha ottenuto un distacco di 50 secondi dagli inseguitori.

Nell’ultima salita di giornata, Falico de Trinsco di Categoria Tre, Van der Poel ha dovuto arrendersi e Kieldermann e Mollema sono scivolati via con Lucas Hamilton e Santiago Buitrago. Questo quartetto sembrava essere sulla buona strada per unirsi al trio inesperto in testa, ma i primi hanno continuato a lavorare bene insieme e hanno potuto correre per la vittoria a Genova.

Leemreize sapeva di essere il pilota più lento dei tre a correre, quindi il giovane olandese di Jumbo-Visma ha tentato un attacco a sorpresa a 900 metri dal traguardo. Questa accelerazione non ha avuto l’effetto desiderato, dopo di che Oldani è stato leggermente più veloce di Rota in volata.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24