Ora investitori e acquirenti di case sanno che tutto sarà davvero diverso

Un inferno di un aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti, una riunione di emergenza della Banca centrale europea e un aumento dei tassi di interesse nel Regno Unito e in Svizzera. I mercati azionari occidentali che sono caduti di oltre il 20 per cento dal loro recente picco – la definizione del cosiddetto mercato degli alcolici† Il tasso di interesse a lungo termine olandese (il tasso di interesse effettivo su un titolo di Stato a 10 anni) è del 2,15%, il più alto degli ultimi nove anni. E sì, bitcoin, che ha appena scambiato il limite di $ 20.000, è appena un anno e mezzo dopo che la criptovaluta ha raggiunto il picco di $ 68.000.

E questo in una settimana. Ora, questo fine settimana, investitori, banchieri e politici sono ancora in piedi. E sorge la domanda: perché quasi tutti gli interessati erano nella posizione sbagliata, così che le reazioni erano – o avrebbero dovuto essere – così violente? È questo l’inizio di un processo di aggiustamento dell’economia globale che diventerà più lungo e doloroso? E dove ha avuto inizio tutto questo?

Puoi tornare indietro tutte le volte che vuoi, perché ognuno ha il suo motivo. Ma la ricerca potrebbe iniziare con la crisi finanziaria del 2008, che, in un arco di sette miglia, ha portato a una massiccia recessione che non ha mai realmente compensato. L’economia mondiale, in particolare quella occidentale, è entrata in un’era di bassissima inflazione e bassa crescita economica e, nonostante tutte le risorse immaginarie dei governi e delle banche centrali, non ha voluto sfuggirvi. Guarda i paesi della zona euro. Di questo, la crescita nei 10 anni prima della crisi finanziaria è stata in media del 2,4%, con l’inflazione al 2%. Ma nel decennio che ha preceduto la pandemia del 2020, la crescita economica è stata in media di appena l’1,4%, con un tasso di inflazione di appena l’1,3%.

stagnazione e stagnazione

Sono stati scritti libri sul perché questo accade, se è negativo e cosa fare al riguardo. Uno dei punti di vista più interessanti è stato quello dell’economista americano Larry Summers. Nel 2014 ha fermato un concetto semi-dimenticato: la “stagnazione secolare”: una situazione in cui la ripresa non vuole continuare, soprattutto perché la domanda dei consumatori di prodotti non vuole riprendersi. L’economista Alvin Hansen, che ha coniato il termine, sembra averlo fatto nel 1938. La Grande Depressione all’epoca sembrava essere finita all’inizio, ma l’economia ha continuato a crollare.

Come questo sarebbe accaduto in quel momento non si sa mai, perché la seconda guerra mondiale ha capovolto tutto. Ma dopo la crisi finanziaria di questo secolo, le banche centrali in particolare si sono rivolte allo stimolo monetario per stimolare il lato della domanda dell’economia e promuovere una bassa inflazione. Perché la deflazione e l’abbassamento dei prezzi sono un incubo: le persone poi rimandano gli acquisti perché domani tutto potrebbe costare meno. Risposta: tassi di interesse record, che si sono rivelati negativi nella stessa zona euro; il settore bancario, che è stato ficcato in gola come un’oca per i prestiti su larga scala alle imprese e ai consumatori; e acquisti su larga scala di prestiti (governativi) da parte della banca centrale per abbassare i tassi di interesse a lungo termine.

READ  Conte rompe la politica del Tottenham dopo '130 milioni di affitto': questo è strano

Poi è arrivata la pandemia di inizio 2020, che ha costretto gran parte dell’economia al collasso. Risposta: Un sacco di sostegno del governo. E ancora più stimolo monetario, con nuovi programmi di acquisto di attività e tassi di interesse intorno allo zero. Ma pochi potevano contare su quello che sarebbe successo dopo. Nell’estate del 2021, le redini sono state nuovamente celebrate un po’ ovunque. L’economia è rimbalzata e i risparmi dei cittadini sono stati liberati in un colpo solo. Ma la comunità imprenditoriale era ancora confusa da tutte le rotte commerciali interrotte, le catene di produzione interrotte, i container che erano nel posto sbagliato e una politica anti-coronavirus molto severa nella regione industrializzata del mondo: la Cina.

estate a destra

L’esplosione della domanda da parte dei cittadini è stata accompagnata da un’offerta (da parte delle aziende) che non tutti riuscivano a tenere il passo. Queste sono le condizioni ideali per aumentare l’inflazione. Inoltre, all’inizio del 2021, l’amministrazione Biden ha lanciato un massiccio programma di migliaia di miliardi di dollari sull’economia. L’intervento che Summers e Olivier Blanchard, il papa della macroeconomia in gran parte contemporanea, hanno affermato sul posto è stato esagerato e potrebbe portare a un aumento dell’inflazione. Questa differenza di politica tra Europa e Stati Uniti potrebbe spiegare perché l’inflazione statunitense è in aumento da qualche tempo ed è più ampia dei prezzi dei generi alimentari e dell’energia.

Tuttavia, ci può essere una certa comprensione dell’affermazione delle banche centrali nel 2021 secondo cui l’inflazione potrebbe essere rimbalzata, ma è stata temporanea (“transitorio‘). Era probabile che l’economia stagnante tornasse prima della pandemia, quindi sembrava meglio non aumentare i tassi di interesse, o non troppo presto. Quindi inserisci la cronologia. L’invasione russa dell’Ucraina a febbraio ha fatto salire alle stelle i prezzi di petrolio, gas, cibo e altre materie prime. Il riemergere dell’inflazione non si è rivelato temporaneo. È peggiorato: oltre l’8 percento su entrambe le sponde dell’oceano. È così che i banchieri centrali si sono trasformati in turisti che attraversavano le strade di Londra. Hanno guardato attentamente a sinistra per assicurarsi che l’economia non fosse troppo debole per essere investita da destra accelerando l’inflazione. Tutto ciò spiega la sorpresa e la fretta con cui occorre ora riformare la politica monetaria.

READ  L'aumento dei tassi di interesse causerà problemi ai paesi del sud dell'euro come l'Italia?

Manovra di sorpasso

Così, una settimana e mezzo fa, è iniziata una manovra di recupero da parte delle banche centrali, che non è stata agevole, soprattutto in Europa. La copertina è iniziata il 9 giugno con due volti confortanti su uno stand all’Hermitage Museum di Amsterdam. Si è concluso, la scorsa settimana, con un forte aumento dei tassi di interesse nei mercati obbligazionari e perdite nei mercati azionari di tutto il mondo.

Quei volti soddisfatti erano il presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde e il presidente della Banque de Nederlandis Klaas Knott. Il consiglio direttivo di 25 membri della Banca centrale europea ha convenuto all’unanimità che i tassi di interesse sarebbero aumentati gradualmente e, se necessario, di oltre 0,25 punti percentuali dopo l’estate. A proposito, la Banca centrale europea non è riuscita ad aumentare immediatamente i tassi di interesse, il che significa che ha iniziato a rimanere notevolmente indietro rispetto alle altre banche centrali. Perché nei giorni scorsi la Federal Reserve americana, la Bank of England e la banca centrale svizzera hanno alzato i tassi di interesse, nel caso della Fed e della Swiss Bank anche di 0,75 e 0,5 punti percentuali.

Tuttavia, il percorso modesto dei tassi di interesse della BCE si è rivelato troppo per la banca centrale, che deve condurre una politica monetaria unica per i diciannove paesi dell’eurozona, da chiedere. Immediatamente, i tassi di interesse sui titoli di Stato italiani e altri titoli di Stato dell’Europa meridionale sono aumentati più dei loro omologhi del nord Europa. elevati differenziali di interesse (margini) sono sani di per sé, secondo diversi dirigenti della BCE. È stato molto basso negli ultimi anni, a causa dell’acquisto di debito pubblico da parte della Banca centrale europea per aumentare l’inflazione ultra bassa. Questo rimuove la disciplina dei governi dell’Europa meridionale per organizzare i bilanci. Ma quando i margini sono aumentati troppo rapidamente, la Torre della BCE a Francoforte ha fatto eco alla crisi dell’euro del 2010-2012, la seconda, ovvero la disposizione europea della crisi finanziaria del 2009. Mercoledì è stato fissato frettolosamente un incontro, dopo di che la BCE ha promesso di acquistare privati debito Sud Europa nel prossimo futuro.

Leggi anche: Paure economiche in Italia: “Chi chiamiamo Mario Draghi?”

È più chiaro che mai che la BCE persegue simultaneamente obiettivi in ​​conflitto tra loro, soprattutto in questi tempi di iperinflazione. La stabilità dei prezzi è l’obiettivo principale ed è citata in bianco e nero nel Trattato UE (in seguito definito dalla Banca come inflazione al 2 per cento). Non nel trattato, ma l’attuale politica è di mantenere unita l’area dell’euro. Lui lei Qualunque cosa tu prenda, qualunque cosa costi Mario Draghi, predecessore di Lagarde – che nel 2012 aveva promesso di fare “tutto il necessario” per tenere unito l’euro – potrebbe essere aggiunto al trattato già dieci anni dopo. Questo mentre questo compito appartiene effettivamente alla politica.

READ  140 casi di corona virus a Cuba America ora

Al fine di mantenere bassi i tassi di interesse nell’Europa meridionale combattendo al contempo un’inflazione fuori controllo con l’aumento dei tassi di interesse nell’eurozona, la Banca centrale europea dovrà attuare acrobazie monetarie e legali.

Poche ore dopo la riunione di emergenza della Banca centrale europea, da Washington è arrivato un messaggio che la Federal Reserve sta alzando i tassi di interesse di 0,75 punti percentuali in un colpo solo. Questa era la normale aspettativa sui mercati finanziari, perché l’inflazione è al suo apice. Per la Fed, proprio come le altre banche centrali, sarà una scelta tra combattere l’inflazione ed evitare una recessione. Perché i segnali di stagnazione iniziano ad accumularsi. Il presidente della Fed Jerome Powell ha sottolineato che la Fed “non stava cercando di creare una recessione”. L’ennesima stagnazione economica, anche in Europa, potrebbe essere il prezzo per mantenere la credibilità delle banche centrali che si sono prefissate un obiettivo di inflazione del 2%.

Leggi anche: L’inflazione negli Stati Uniti costringe Biden a fare balzi d’emergenza

Gli investitori sono scesi la scorsa settimana: i tempi sembrano essere già cambiati e i tassi di interesse sono in forte aumento. Almeno fino a quando i timori di recessione non domineranno le autorità monetarie.

Questo apparirà ovunque nell’economia, indipendentemente dal tuo profilo di consumatore, imprenditore, investitore o proprietario di una casa. In Olanda i tassi di risparmio negativi stanno iniziando a scomparire: Rabo, ING e Bunq hanno (quasi) tutti eliminato questi tassi negli ultimi giorni. A causa del rapido aumento degli interessi ipotecari (al 3,5 per cento per un “fisso decennale”, di oltre l’uno per cento alla fine dell’anno), gli acquirenti esistenti possono prendere in prestito meno. I prezzi delle azioni – un rifugio sicuro per gli investitori in cerca di rendimento dopo la crisi finanziaria – stanno trovando solidità sulla strada. E chi è appassionato di criptovaluta, la macchina di ritorno più in voga degli ultimi tempi: allacciare le cinture.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24