Passaporto corona obbligatorio per chi lavora in Italia: ‘Venti per cento dello stipendio in prova’

Nei Paesi Bassi, il codice QR è obbligatorio per il settore della ristorazione. In Italia si stanno preparando per la prossima tappa. Dal 15 ottobre il QR code sarà obbligatorio per tutti i 18 milioni di italiani che lavorano.

L’Italia ha già deciso ad agosto di rendere obbligatorio il pass per i dipendenti del settore pubblico, e presto il provvedimento si applicherà a tutti i lavoratori. Coloro che non sono vaccinati dovrebbero essere testati ogni pochi giorni a proprie spese.

“Il governo sta lavorando molto duramente per evitare nuove chiusure”, ha detto il primo ministro Mario Draghi in una conferenza stampa la scorsa settimana. “Il Corona Pass è uno strumento per tutelare la libertà e la sicurezza dei cittadini”. Quattro milioni di lavoratori in Italia non sono stati vaccinati. La maggior parte degli italiani pensa che sarebbe bello se prendessero un po’ di spazio adesso. I nemici pensano che il dovere vada troppo oltre.

‘Vaccinato, ma non perché lo voglio’

Secondo il rappresentante sindacale Agostino Freda, l’impatto su alcuni lavoratori è significativo. Cita come esempio l’azienda di cucine Electrolux. Hanno una grande fabbrica in Veneto, nel nord Italia. “Qui lavorano 1.400 persone e un terzo del personale non è vaccinato”, stima Freda. “Se vengono testati, costerà 180 euro al mese, con uno stipendio da 1200 a 1500 euro. Se spendi dal quindici al venti per cento del tuo stipendio per i test, i lavoratori non potranno farlo”.

Tanti dipendenti scelgono comunque di farsi vaccinare. “Ho fatto il primo colpo e prenderò il secondo, ma non perché lo voglia”, ha detto Antonella, 35 anni. Altrimenti vai a scuola. “Molti italiani lo considerano: una settimana dopo l’annuncio della nuova legge, il numero di vaccini somministrati è aumentato del 19 per cento.

READ  Crypto Exchange Accounting dovrebbe interrompere le operazioni in Italia

Tutti gli italiani che lavorano devono mostrare un coro

Freda dice che i sindacati in Italia sono a favore del vaccino in linea di principio. Ma chiama la mossa discriminazione. “Per aumentare il numero di persone vaccinate, il governo sta violando importanti politiche sulla privacy”. Un sondaggio della società di ricerche Ipsos mostra che il 10% degli italiani condivide questa opinione.

‘Controlla una volta ogni due giorni, altrimenti non vengo a scuola’

Aspettare che i lavoratori non vengano vaccinati tra due settimane è una realtà quotidiana per il maestro Roberto Zerubini da un mese. “Prenoto un appuntamento, vado dal farmacista, faccio il test e prendo un pass verde che mi permette di entrare”, dice. “Lo faccio una volta ogni due giorni, a mie spese. Altrimenti non entrerò a scuola”.

Cherupini e colleghi stanno valutando un’azione legale. Lui e il suo avvocato consideravano il dovere di Coronabas incompatibile con la costituzione italiana. “È vero che potresti aver bisogno di cure mediche legali. Ma le persone dovrebbero anche leggere l’ultima frase di quell’articolo. Si afferma che non dovresti mai prendere il sangue di qualcuno”.

Ha le ricevute per i test PCR. “Il direttore della scuola è responsabile della salute del personale. Gli insegnanti non dovrebbero pagare per quegli esami. Dovrebbe essere il datore di lavoro, il ministero dell’Istruzione. Vogliamo che ci ripaghino”.

Ovviamente questa è una costrizione. Ma quella compulsione fa bene a tutti.

Alberto Janatti, amministratore delegato di Technica, un produttore di startup Sky

Alla Technica, azienda veneta produttrice di scarponi da sci, il manager Alberto Sanatti dice di non aver pensato di pagare i test. “Ha a che fare con le pari opportunità. Per rispetto a chi è stato vaccinato, non possiamo essere ciechi di fronte a chi non lo ama”.

Janati afferma che Technica ha subito enormi perdite durante il blocco lo scorso anno. “Nei giorni in cui di solito addebitiamo tre o quattro milioni di euro al giorno, era zero”.

“Scena dell’orrore incostituzionale”

Gli viene assicurato che tra due settimane tutto il suo staff riceverà il Corona Pass. “Certo che è una forma di compulsione. Ma quella compulsione fa bene a tutti. Abbiamo gli strumenti giusti come quel vaccino per far lavorare il nostro personale in sicurezza e per mantenere la baia.

Ad esempio, il pass corona forzato è una soluzione gradita per lui. Per altri, potrebbe essere un orrore incostituzionale. Mentre i tassi di vaccinazione continuano ad aumentare, il governo del primo ministro Drake continua. Ora accettano che le persone non vaccinate paghino una tassa per le loro polizze.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24