TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Piano di ripresa dell’UE: il piano Marshall per l’Italia non è una priorità per i Paesi Bassi

Oggi è l’ultimo giorno in cui i paesi dell’UE possono presentare un piano di spesa per il Fondo di ripresa dell’UE. Al fondo sono stati stanziati 800 miliardi di euro. Mentre altri paesi hanno già presentato i loro piani, il governo olandese non sembra ancora lavorare su un piano.

Piano Marshall

“Sicuramente è visto qui come un’opportunità unica e forse ultima per trasformare veramente l’Italia”. Lo dice la corrispondente dall’Italia Pauline Falknet. L’Italia otterrà la maggior parte dei soldi, circa 200 miliardi di euro. Questo denaro è molto gradito, poiché l’Italia è stata duramente colpita dalla crisi economica a causa del Coronavirus.

Leggi anche | Germania e Francia iniziano con un fondo di recupero

Aggiornare

Secondo Valkenet, l’Italia ha elaborato un grande schema per utilizzare il denaro. Gran parte di questo va alla sostenibilità, come i pannelli solari e il rendere le case più efficienti dal punto di vista energetico. Anche la digitalizzazione è un punto importante del piano. “L’Italia vuole installare fibre nei paesi più piccoli”.

Leggi anche | Il Fondo europeo di ripresa è all’ordine del giorno a Bruxelles

Poca priorità del gabinetto

Mentre l’Italia attende con impazienza il sostegno, non esiste ancora un piano di ripresa nei Paesi Bassi. Questo mentre i Paesi Bassi possono richiedere da cinque a sei miliardi di euro. Il corrispondente dell’Unione Europea Stefan de Vries lo descrive come “ridicolo”. “Mark Rutte sta assumendo la forma di sviluppare un piano che va oltre la formazione, perché solo il nuovo governo può farlo”. I Paesi Bassi potrebbero ancora presentare un piano in un secondo momento e rivendicare la propria quota del fondo.

READ  Fuori: Magallan segna il primo gol e Kroll ferma il calcio di rigore

Leggi anche | Root: l’Italia sta acquisendo molto peso politico con Draghi

Dubbi

Secondo De Vries, ci sono dubbi sui piani ambiziosi del governo italiano. L’economia in Italia corre da molto tempo, anche prima che scoppiasse la crisi Corona. Secondo De Vries, il primo ministro italiano ha uno status, perché era anche presidente della Banca centrale europea. Alla fine, tuttavia, de Vries afferma che l’UE non ha molte opzioni. “L’intera economia europea dovrebbe migliorare, e se le cose andranno meglio per l’Italia, migliorerà anche per l’Unione europea”.