Pogacar vince la seconda giornata del Giro d'Italia | Notizie RTL

Tadej Pogacar ha vinto la seconda tappa del Giro d'Italia. Il viaggio si è concluso con la salita al Santuario di Oropa. Lo sloveno della squadra emiratina, primo favorito per la vittoria assoluta, ha subito preso il posto di Jonathan Narvaez in maglia di leader. L'ecuadoriano dell'Ineos Grenadiers ha vinto la tappa di apertura di sabato in cui Pogacar è arrivato terzo.

Il colombiano Danny Martinez ha conquistato il secondo posto in meno di mezzo minuto, direttamente davanti al britannico Geraint Thomas. Pogacar punta al successo sia al Giro che al Tour de France quest'anno. Lunedì ci sarà una tappa relativamente pianeggiante da Novara a Fossano, forse la prima opportunità per i corridori.

Pogacar ha detto nella breve intervista che vincere una tappa al Giro era nella sua lista dei desideri. “Adesso ho vinto di tappa in tutti e tre i Grandi Giri. È qualcosa per i ciclisti.”

In vista dello spettacolo è apparso un gruppo di cinque leader tutto italiano. Gli ostacoli erano nel tratto finale con due salite di categoria tre e il raggiungimento del Santuario de Europa, una salita di 11,8 chilometri con una pendenza media del 6,2%.

Dopo la corsa intermedia, Andrea Piccolo ha proseguito da solo verso la prima pista dell'Oasi Zegna. Il corridore di EF Education – EasyPost è stato il primo a raggiungere la vetta, come ha fatto anche durante la seconda salita. Ma alle sue spalle l'inseguimento cominciò sul serio. Quando il leader ha iniziato la salita finale, aveva ancora un minuto e mezzo di margine. Poco prima che il gruppo raggiungesse la base, Pogacar è caduto con una gomma a terra. Lo sloveno è risalito velocemente in moto e si è riagganciato al gruppo.

READ  Jota Leerdam brilla dopo NK Racing con il terzo titolo e Hein Otterspier (34) Vincitore più anziano tra gli uomini | Snowboard

“Sono rimasto molto calmo, e c’era anche un po’ di confusione, perché in macchina volevano che cambiassi moto dopo la curva, mentre io volevo farlo prima della curva, ma i miei compagni di squadra mi hanno riportato indietro velocemente”.

L'avventura di Piccolo si è conclusa 6 chilometri prima del traguardo. L'UAE Team Emirates ha guidato il ritmo. Il polacco Rafal Majka è stato l'ultimo assistente di Pogacar, che ha attaccato 4,5 chilometri prima del traguardo. “Si trattava di dove volevo arrivare. Volevo vincere la tappa, ma anche mettere alla prova le mie gambe. La maglia rosa è un sogno e ora voglio rilassarmi un po' di più per qualche giorno”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24