Politica climatica radicale o cambiamento climatico radicale, questa è la scelta ora – Lavoro

Oggi

Tempo di lettura 4 minuti

573 opinioni

6029140774_3249f057c1_k

© foto cc: Giro 555

Lo scienziato del clima Ernst-Jan Kuiper afferma: la mia intervista con lui.

C’è un enorme divario nelle discussioni pubbliche sul cambiamento climatico. Come conversatore, riconosco modelli coerenti in queste discussioni che sono già stati descritti in larga misura, ad esempio l’etica in cui la politica climatica è in ritardo o il Modelli di negazione della scienza Che viene utilizzato – anche negli istituti scientifici. Inoltre, le discussioni di dibattito sono spesso contaminate da cose del tutto irrilevanti, come il fatto che un attivista per il clima stia condividendo una foto del nuovo libro di Jessica Dean Otter con lo smalto per unghie. Tutto ciò che non si vede nel buco.

Il foro divisorio è facile da spiegare. Resistiamo collettivamente al riconoscimento dei fatti se il riconoscimento ci rende responsabili del cambiamento del nostro comportamento. “Responsabilità” è ciò che i conversatori chiamano ciò che può essere tradotto come “responsabile di”. Lo sappiamo anche nel sistema legale: il sospettato sapeva che quello che stava facendo era contro la legge? L’indagato intendeva commettere il reato? Il sospettato era sano di mente? Tutti questi fattori influenzano se e fino a che punto qualcuno può essere ritenuto responsabile di ciò che è accaduto. E al momento noi, collettivamente, come governo, come istituzioni, non siamo responsabili delle conseguenze del nostro comportamento e delle nostre politiche in questo senso.

Almeno, questa è la domanda ora. Urgenda ha Ha fatto causa con successo al governo olandese Perché non ha aderito agli obiettivi climatici. Milieudefensie è stato un successo Shell citato in giudizio Perché le sue operazioni commerciali vanno contro l’obiettivo di 1,5°C e contribuiscono a pericolosi cambiamenti climatici. Oltre a queste azioni legali, i Paesi Bassi hanno anche firmato l’Accordo di Parigi, in base al quale ci siamo impegnati a limitare il riscaldamento globale a meno di 2°C e a lavorare per limitare il riscaldamento a 1,5°C, dato che noi come paese ricco. La colpa è del riscaldamento fino ad ora, così come dell’opportunità di fare di più. Concretamente, secondo Kuiper, ciò significa che dovremmo essere climaticamente neutrali entro il 2030. Il 2050 climaticamente neutrale è comunque molto tardi. Tuttavia, il governo si è impegnato per una riduzione del 60% nel 2030 rispetto al 1990, senza contare che la politica è lontana da tale obiettivo.

READ  Le persone stanno - letteralmente - diventando più fredde e una nuova ricerca potrebbe aiutare a spiegare perché

Qual è il divario nella discussione? Ciò di cui si tratta principalmente è ciò di cui tratta anche la comunità: i numeri. “I numeri si stanno avvicinando a noi” – ma non è vero. Proprio come la comunità di un metro e mezzo, la comunità di un grado e mezzo non è solo un numero. 1,5°C rappresenta una grave crisi sanitaria. 1,5°C non è “sicuro”, come si pensava durante la stesura dell’Accordo sul clima di Parigi. Più di 1,5°C significa che i Paesi Bassi sono meno abitabili alla fine di questo secolo, inoltre dovremo fare i conti con uno tsunami di rifugiati climatici. Il riscaldamento in Europa è due volte più veloce della media globale e le giornate calde stanno aumentando quattro volte più velocemente. Quindi una media di 1,5°C a livello globale significa 3°C in Europa e 6°C in condizioni meteorologiche estreme. Quindi un’ondata di calore che normalmente è di 30°C diventa 36°C.

Lasciando 1.5C, scegliamo consapevolmente questo scenario migliore lascialo. Ma cosa significa scegliere una società a due classi? Quindi scegliamo centinaia di milioni di rifugiati climatici. Una media di 4 gradi Celsius più calda in Europa. Per un’ondata di caldo che non è di 30°C o 36°C, ma di 38°C. Dichiareremo quindi i Paesi Bassi un paese abitabile, almeno a lungo termine. Questo non è un paese in cui vuoi che tuo figlio o tuo nipote cresca, e probabilmente non è un paese in cui scelgono ancora di avere figli.

Noi – governo, istituzioni e media – collettivamente non riusciamo a evitare e trattare questa storia onesta, questa scienza, come un tabù. Sembra che non crediamo che la scienza esista se non la riconosciamo. Le persone parlano spesso di numeri difficili, ma la realtà dietro quei numeri è dura.

I media all’epoca consideravano la neutralità come un compromesso tra scienza e negazione della scienza e dovrebbero esserne ritenuti responsabili. Ma 1.5C sembra essere un caso giudiziario, a causa della violazione dei diritti umani e della violazione delle nostre convenzioni e trattati che questa limitazione della vivibilità rappresenta.

Il libro appena pubblicato di Jessica de Outer diritti della natura Quindi è necessario. Il giudice non sarà soddisfatto di tutte le nostre scuse e scuse. È inaccettabile che i governi mettano a rischio la propria gente spingendo per politiche oltre 1,5°C, così come lo sono le aziende che lavorano contro la fattibilità di questo mondo sfruttando nuovi combustibili fossili. Noi – tutti noi – dobbiamo ora adottare un approccio di crisi alla crisi climatica. Quindi anche 1,5 °C è ancora possibile.

Se non scegliamo collettivamente una politica climatica radicale, sii onesto con i nostri figli: sceglieremo un cambiamento climatico radicale. Questo ci obbliga a fornire loro un’educazione che li prepari a un mondo in cui non hanno più la stabilità ei privilegi di cui noi possiamo godere per un po’.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24