Potere sul tempo

Ci piace decidere quando pioverà, e soprattutto: quando non pioverà. Gli scienziati sognano anche di controllare gli uragani e ridurre la temperatura della Terra. Ma quanto è bello il tempo con cui giocare?

Dubai, uno degli stati petroliferi del Golfo Persico che compongono gli Emirati Arabi Uniti, è uno dei dieci paesi più aridi al mondo. Ora sono molto bravi a costruire una splendida struttura una per una, grazie in gran parte ai petrodollari, ma la siccità sta diventando un problema crescente man mano che la popolazione aumenta bruscamente.

Ci sono meno di 100 mm di pioggia all’anno, quindi nel 2017 Dubai ha risparmiato circa 13 milioni di euro per un programma di ricerca per il miglioramento della pioggia. La ricerca viene eseguita in tutti i modi per ottenere più precipitazioni. Questo era già possibile, con risultati alterni, nel modo descritto da KIJK nel 1973. Ecco perché le nazioni petrolifere hanno usato più di duecento volte gli aerei negli ultimi anni per spruzzare le nuvole (vedi illustrazione). Secondo il Dubai Meteorological Institute, questo è stato un successo, poiché si dice che le precipitazioni nei paesi del Golfo siano aumentate dal 10 al 15 percento all’anno.

La proliferazione dei droni

Un altro metodo che viene ora esplorato negli Emirati Arabi Uniti è l’uso dei droni. Alia Al Mazrouei, la direttrice del suddetto programma, ha dichiarato ad Arab News in un’intervista che i droni portano a bordo strumenti in grado di fornire una carica elettrica alle particelle d’aria nelle nuvole. Quindi si uniscono, per così dire, rendendoli molto pesanti e cadendo come pioggia. Ma quanto è davvero efficace la modifica del clima? Le organizzazioni specializzate in questo credono fermamente che la tecnologia funzioni. All’inizio dei Giochi Olimpici del 2008 a Pechino, il governo cinese ha lanciato 1.100 razzi carichi di sostanze chimiche speciali in modo che la pioggia torrenziale prevista cadesse prima che raggiungesse la città.

READ  "Come posso ottenere un cambiamento comportamentale - ma ora è reale"

Alla fine, in realtà è rimasto asciutto per tutta la cerimonia di apertura, ma è stato a causa dei razzi? Secondo lo scienziato del cloud Stefan de Rood di TU Delft, non è così. “Non puoi mai garantire un clima perfetto”, dice. “È noto che alcune nuvole si comportano diversamente dopo l’impollinazione delle nuvole, ma con le nuvole temporalesche, ad esempio, è impossibile prevenire le precipitazioni. Una nuvola temporalesca ha l’energia di alcune centrali nucleari. Quindi puoi disperdere quello che vuoi, ma tu non sarà in grado di mungere l’intera nuvola”.

E quando paesi aridi come il Sudafrica, lo Zimbabwe, Israele e gli Emirati Arabi Uniti lo fanno per generare più pioggia, i benefici sono limitati. “Se ci sono 30 gradi sul terreno, dovresti già piantare a 4 o 5 chilometri di distanza”, afferma De Roode. “Poi la pioggia cade così a lungo che l’acqua evapora lungo la strada.” Puoi risparmiare più pioggia creando le tue nuvole. Può sembrare fantascienza, ma la produzione di cloud è abbastanza semplice; Vengono creati quando l’aria calda in aumento si raffredda.

Alla fine degli anni ’70, gli scienziati dell’URSS lo stavano già provando in un modo davvero sorprendente. Vicino al lago Sevan in Armenia, hanno lanciato sei motori a reazione per riscaldare l’aria circostante a 1.100 gradi Celsius e produrre un enorme flusso di aria in aumento. E infatti: in poche ore, nel cielo azzurro e limpido sono apparse delle nuvole. Purtroppo il progetto non ha potuto continuare. I motori a reazione consumavano molto carburante per rendere redditizio questo metodo.

Uragano Katrina

combattere gli uragani

L’effetto del tempo non si limita alla manipolazione della pioggia. Per anni, gli scienziati hanno cercato di mitigare tempeste, uragani o tornado. L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha chiesto pubblicamente se si potesse fermare un uragano facendo esplodere una bomba atomica in una posizione strategica. Chiaramente, non aveva pensato che i venti avrebbero diffuso grandi quantità di precipitazioni radioattive sulla Terra. Ma alcuni scienziati hanno anche escogitato strane idee per affrontare un uragano. Ad esempio, il meteorologo americano William Gray ha affermato che è possibile rallentare un uragano mettendo le navi sul suo percorso e bruciando petrolio sui ponti di quelle navi. Il suo connazionale, il ricercatore di armi Robert Dickerson, crede che un tornado possa essere mitigato facendolo esplodere con potenti impulsi laser.

READ  Il parente umano arcaico Australopithecus sediba "camminava come un uomo, ma si arrampicava come una scimmia"

I tornado turbolenti e le nuvole temporalesche sono certamente troppo grandi per questo. Ma resterà così o arriverà un momento in cui avremo di nuovo il controllo del tempo? “L’atmosfera è troppo turbolenta per controllare il tempo”, afferma Hermann Rauschenberg, capo del Climate Institute della Delft University of Technology. “Quindi il caso gioca sempre un ruolo e non puoi controllarlo. Penso che le tecnologie stiano migliorando e noi stanno gradualmente imparando di più su come influenzare il tempo”. Ma c’è un limite a questo”.

la pioggia come arma

L’effetto meteo può essere utilizzato anche come arma. Tra il 1967 e il 1972, durante la guerra del Vietnam, gli Stati Uniti effettuarono l’operazione Popeye per respingere il nemico. Facendo scorrere le nuvole con iodio d’argento, gli americani tentarono di prolungare il periodo dei monsoni, rendendo impraticabile una via di rifornimento cruciale attraverso la foresta. Il motto dei piloti che hanno svolto queste missioni era “Fare fango, non guerra”. Gli effetti atmosferici ora non sono più consentiti come arma. Il 18 maggio 1977, appena cinque anni dopo l’operazione Popeye, fu bandito dalle Nazioni Unite.

Testo: Vedi, Coen van Eckeren / Montaggio: Andre Kessler

Foto: Adobe Stock / Ints

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24