“Poteva finire in modo molto diverso.”

Quella che sembrava un’influenza innocua si è rivelata una malattia mortale. Meryl (33 anni) finisce in coma a causa della sepsi e per diversi giorni è sull'orlo della morte. Ma è sopravvissuta e ha un solo obiettivo: mettere in guardia gli altri.

“Apro attentamente gli occhi. Mio marito e il mio migliore amico sono seduti accanto al mio letto. Le lacrime scendono lungo le loro guance. Cosa sta succedendo? Dove sono? Sono confusa e mi fa male il corpo. Non posso parlare perché del tubo di respirazione in gola. Sento i segnali acustici delle macchine e gli infermieri che parlano. Sono così stanco che mi sono addormentato di nuovo molto velocemente. “Hai avuto un incidente?” “Non ricordi cosa è successo?” “Siamo andati in ospedale una settimana e mezza fa perché ti sentivi così male. “Ti hanno messo in coma molto velocemente lì perché stavi così male e i tuoi organi stavano collassando.” Alcune immagini mi sono passate velocemente, ma non riesco a ricordare esattamente. Mi hanno tenuto in coma per dieci giorni e ho combattuto per la mia vita per dieci giorni. “Sono davvero passato dalla “cruna dell'ago” dicono sempre le infermiere.

Velocità del treno espresso

“Era l’inizio di dicembre quando non mi sentivo bene, avevo mal di testa e influenza e sentivo una certa pressione al petto. Con grande riluttanza mi sono dato malato al lavoro, lavoro come allenatore per l’autismo e dopo ho appena ricominciato mi stavo riprendendo da un intervento chirurgico importante per endometriosi in cui è stato rimosso anche un pezzo del mio intestino. Ero molto delusa, ma sentivo che il travaglio non era un'opzione e poiché anche mia figlia maggiore non si sentiva bene, abbiamo deciso di visitare il medico e dopo. una serie di esami, durante i quali sono stati ascoltati i miei polmoni e sono stati controllati i valori dell'infezione, siamo stati rimandati a casa e il medico non ha visto nulla di strano, forse solo un'influenza o un coronavirus. Il messaggio era di ammalarsi. ma invece di migliorare, i giorni successivi ho avuto vertigini, nausea e vomito continuo. Anche se ero a letto, mi sono addormentata e nel cuore della notte mi sono svegliata all'improvviso Non riuscivo quasi a respirare perché avevo già avuto attacchi di panico. Mio marito ha cercato di calmarmi: “Respira. Passerà presto”. Mio marito ha chiamato lo studio del medico e quando anch'io ho vomitato sangue, ci ha detto di venire immediatamente in ospedale. Lì è successo tutto così in fretta. Sono stati eseguiti test, sono state scattate foto e diversi medici sono apparsi al mio capezzale. Si è scoperto che i miei livelli di infiammazione erano estremamente alti e soffrivo di una grave polmonite. “Vi riceveremo”, ha detto uno dei medici. Ero così infelice che a malapena mi rendevo conto di cosa stava succedendo. Non riesco a ricordare molto da quel momento in poi. Mio marito è stato mandato a casa la mattina per dormire un po', ma circa due ore dopo ha ricevuto una telefonata dicendo che le mie condizioni erano così gravi che forse sarebbe dovuto venire a salutarmi. Ero attaccato a un ventilatore, il mio cuore, il mio fegato e i miei polmoni funzionavano male e i miei reni non funzionavano affatto. Sono stati i dispositivi a tenermi in vita in quel momento. “È molto probabile che muoia”, è stato detto più volte a mio marito.

READ  Preoccupazioni per il cancro della pelle in crescita: cinque consigli per proteggere meglio il tuo bambino

In coma

“Per tutto il tempo in cui sono stata in coma, mio ​​marito aveva paura di perdermi. I medici gli hanno detto che la causa era la sepsi. Questa risposta infiammatoria estrema del mio corpo mi ha lasciato sull’orlo della morte giorni, mentre cercava di tenere alto il coraggio delle nostre due figlie, che hanno 2 e 5 anni, a casa. Sono rimaste con i nostri genitori, vicini o amici quando era in ospedale e per fortuna non hanno vissuto molto di questo Mio marito di solito è molto aperto e condivide tutto con loro, ma sono così felice che siano sopravvissuti a questo Che abbiano dovuto salutarsi e che non avrei potuto dire loro altro rimane un pensiero terribile.
Questo è stato un periodo molto intenso per chi mi circondava. Gli amici mi chiamavano ogni giorno, i miei genitori si sedevano accanto al mio letto per ore e i vicini mi tenevano la mano. Tutti tenevano conto che non sarei sopravvissuto. Nemmeno io ne ho presi. Adesso so che hanno provato cinque volte a farmi uscire dal coma, ma ogni volta hanno fallito. Mi sento ancora molto triste per il fatto che i miei cari abbiano dovuto affrontare tutto questo, e a volte mi sento in colpa per questo. Anche se so che non posso farci niente.
Tutto quello che ricordo è che ho sognato che ero in una zona di guerra e che ero intrappolato sotto un edificio crollato. In preda al panico ho cercato di liberarmi. In retrospettiva, questo incubo potrebbe essere legato al fatto che ero bloccato in un letto d’ospedale. Ho visto anche mia nonna e lei in qualche modo ha notato che ero in coma, perché ricordo di aver pensato: devo svegliarmi per il compleanno di mia figlia il 21 dicembre. Mi è dispiaciuto così tanto che non abbia funzionato. Finalmente mi sono svegliato il giorno di Natale. Completamente disorientato ed esausto. Passarono quattro giorni prima che rivedessi le mie ragazze. Piangevo, ma soprattutto ero tanto felice di rivederli e poterli abbracciare. Anche se l’hanno trovato anche un po’ scomodo e spaventoso a causa di tutti i fili e della ferita nella mia testa”.

Verifica nuovamente

“È strano che non mi sia mai stato detto che la causa fosse la sepsi. I medici hanno spiegato le cose a mio marito mentre ero in coma, ma ho scoperto cosa è successo solo quando ho esaminato la mia cartella clinica quando sono tornata a casa di sepsi e non avevo idea che fosse. Può essere molto grave, o addirittura fatale. Ciò spiegava perché ero in uno stato così pessimo dopo essere uscito dall'ospedale che non mi riconoscevo affatto, le mie gambe erano come ciocche. di spaghetti e tutto era debole O tenere il telefono è davvero molto difficile. La mia massa muscolare era completamente scomparsa dopo dieci giorni a letto, così come la mia forma fisica dopo il mio grave intervento di endometriosi e ora posso ricominciare da capo. Ero così arrabbiato in quel momento. Perché è dovuto succedere a me solo un momento perché questi pensieri lasciassero il posto alla gratitudine. Forse ho ancora molta strada da fare, ma sono così grato di essere ancora qui di poter vedere le mie ragazze crescere e strisciare tra le braccia di mio marito di notte. Non sempre le cose vanno a buon fine, ma mi rendo sempre più conto che avrebbe potuto finire in modo molto diverso. I medici dissero anche a mio marito che se non fossimo andati in ospedale quella notte, probabilmente mi avrebbe trovata morta a letto la mattina dopo. Sono stato molto fortunato. Mi sono svegliata nel cuore della notte e c'erano le mie figlie, quindi potevamo andare direttamente in ospedale e i medici ci prendevano sul serio. Il fatto che tutti abbiano agito così velocemente mi ha salvato. Questa è anche la cosa spaventosa della sepsi: spesso non viene riconosciuta. Successivamente, abbiamo anche avuto una spiegazione dal GP sul perché ci siamo persi, perché accade così velocemente. Anche per questo ora racconto la mia storia. La sepsi è una risposta immunitaria violenta alle infezioni che può danneggiare i tessuti e causare un declino pericoloso per la vita della funzione degli organi. Pertanto, agire rapidamente è molto importante. È una delle malattie più pericolose per la vita, ma la maggior parte degli olandesi non ne ha mai sentito parlare prima. Spero che, condividendo la mia storia, sia qualcosa a cui le persone presteranno attenzione quando qualcuno si ammala gravemente in un breve periodo di tempo.

READ  Le persone di età superiore ai 40 anni possono beneficiare di un bicchiere di vino o di birra al giorno | Cibo e bevande

futuro

“Ora, più di due mesi dopo, sto cercando di vivere un giorno alla volta. Noto che la mia testa è molto più lunga del mio corpo. Preferisco tornare al lavoro, perché mi mancano i miei clienti e colleghi tanto. Ma il mio corpo non è ancora lì. Se cammino per quindici minuti, le mie gambe iniziano a cedere a causa della polmonite, tossisco anche molto, mi sento molto a corto di fiato e mi manca il fiato velocemente e per fortuna. i miei reni si sono ripresi e il mio cuore e il mio fegato si sono quasi ripresi. Mi sveglio e aiuto a vestire le ragazze. Poi aspetto un po' finché non avrò di nuovo un po' di energia e mi vesto e poi devo riprendermi da quello e per il resto il giorno in cui guardo serie TV, leggo libri e raccolgo informazioni su quello che mi è successo e, nonostante l'impatto enorme, mi sento bene mentalmente, anche se ho paura di prendere di nuovo qualcosa, soprattutto perché la stagione influenzale è in pieno svolgimento e i bambini stanno portando tutto a casa, dall'asilo nido alla scuola elementare, non può essere prevenuto. Cerco di evitare il più possibile negozi, compleanni e grandi gruppi di persone per ridurre il rischio. Ho perso fiducia nel mio corpo e ci vorrà del tempo per riacquistarla. Per ora rimarrò sotto controllo ospedaliero e indagherò anche se si può fare qualcosa per la grande cicatrice sulla mia fronte, causata dal lungo periodo di coma a pancia in giù. Le persone a volte mi chiedono se vedo la vita in modo completamente diverso ora che ho vissuto qualcosa di così intenso, ma non ho questa sensazione. Sono già stato così grato per la mia vita e probabilmente potrei essere ancora più grato per tutto. “La mia vita, le mie due figlie, tutte le belle persone intorno a noi e mio marito che si è preso così tanta cura di me.”

READ  colonna | La bandiera è una grande multinazionale con molte divisioni

Cos'è la sepsi?

La sepsi è una grave risposta infiammatoria del corpo a un’infezione come la polmonite, un’infezione della vescica o una piccola ferita. È spesso accompagnato da un declino pericoloso per la vita della funzione degli organi e anche i tessuti possono essere danneggiati. A volte i pazienti sperimentano uno shock settico. Quindi la pressione sanguigna scende così tanto che non abbastanza sangue e ossigeno raggiungono gli organi. Questi elementi possono danneggiarsi o addirittura guastarsi completamente. Che ha portato alla morte. È quindi importante dare immediatamente l'allarme se si sospetta una sepsi, in modo che possa essere trattata rapidamente, ad esempio con antibiotici, liquidi, interventi chirurgici o farmaci aggiuntivi. Chiunque può contrarre la sepsi. Gli scienziati non sanno perché alcune persone con l’infezione sviluppano la sepsi e altre no. È noto che vari fattori possono aumentare il rischio di sepsi. Ad esempio, le persone con una bassa resistenza a causa di malattie o trattamenti come la chemioterapia corrono un rischio maggiore. Ma anche i neonati prematuri, gli anziani e le persone che usano la flebo da molto tempo. Dopo la guarigione dalla sepsi, potresti continuare a soffrire di disturbi residui come affaticamento, debolezza muscolare, diminuzione della resistenza, scarsa concentrazione e disturbi psicologici.

Testo: Ellen Rudink
Foto: Marielle Colmschot
Trucco: Nicolette Brondstedt

Più fidanzata? Seguici Facebook E Instagram. Puoi anche iscriverti alla newsletter settimanale di Girlfriend.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24