Preoccupato per l’intervista “molto bella” del giornalista Usa a Putin: “Avrebbe dovuto distrarlo” all’estero

Un’intervista tra un giornalista americano e il presidente Vladimir Putin, 69 anni, ha suscitato scalpore in Russia. Secondo vari media statali, CNBCLa giornalista Hadley Gamble si è descritta come un “oggetto sessuale” e ha cercato di “distrarre” Putin con il suo aspetto. Lo stesso Putin ha detto che la donna era “troppo bella” per rispondere ad alcune domande. Il 39enne Gamble può ridere anche lui del polverone che è sorto.




L’intervista è avvenuta la scorsa settimana Settimana dell’energia russa A Mosca una conferenza internazionale. Le foto mostrano come Putin guardi spesso l’America con ammirazione.

Secondo i media statali russi, Gamble stava rilasciando un’intervista con cattive intenzioni. Secondo il commentatore Dmitry Kiselyov, avrebbe agito “in modo inappropriato” e avrebbe lanciato uno “sguardo cinico” a Putin. Conosciuto come “il portavoce di Putin”, Kislyov ha affermato che la giornalista ha mosso le gambe nude in modo provocatorio.

Secondo il critico, ha anche deliberatamente giocherellato con i suoi capelli e si è leccata le labbra. “Indossava una gonna nera attillata, scuoteva i capelli fluenti e indossava un paio di Louboutin che le facevano sembrare le gambe più lunghe di quanto non fossero già”, si legge nella dichiarazione. Si dice che le sue gambe fossero “ricoperte di olio per il corpo lucente, come se non funzionassero davvero”.

vendetta

Si dice che il “lavoro” del giornalista statunitense sia arrivato in risposta a un incidente nel 2019, quando Putin ha assunto un traduttore attraente per destabilizzare l’allora presidente Donald Trump. Quest’ultimo può essere letto in un libro pubblicato di recente dall’ex portavoce della Casa Bianca Stephanie Grisham.

READ  Gli Stati Uniti si aprono di nuovo sui numeri delle armi nucleari dopo Trump

Lo stesso Gamble potrebbe ridere del trambusto che ne è scaturito. Su Instagram condivide una foto in cui si vede con un giornale russo che la mette in prima pagina. “Il mio lato migliore”, ha scritto, integrato con gli hashtag #femminista e #russia.

© AP


Puoi rispondere in fondo a questo articolo. I commenti verranno pubblicati solo con il nome completo. Lo facciamo perché vogliamo avere una discussione con persone che approvano ciò che dicono e ci mettono il loro nome. Se hai ancora bisogno di inserire il tuo nome, puoi farlo cliccando su “Accedi” in alto a destra del nostro sito.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24