Prova: è così che fai nuove amicizie

Lascia che gli altri parlino da soli

Effetto: le domande attivano il centro di ricompensa del cervello.

Perché?

Le persone amano parlare di se stesse. Le scansioni cerebrali mostrano che il centro di ricompensa del nostro cervello diventa più attivo quando ci è permesso parlare di noi stessi rispetto a quando parliamo di altri o fatti. Un’attività cerebrale simile si verifica quando mangiamo o facciamo sesso.

Quindi stai facendo un grande favore al tuo interlocutore dandogli il tempo di parlare. Altri studi dimostrano che le persone ti trovano più comprensivo quando chiedi loro la loro opinione.

Come?

Trattieniti un po’ e chiedi dell’altra persona. Ascolta attentamente in modo da poter continuare la conversazione alla prossima riunione. Ricorda, questa non è una competizione tra di voi, quindi se l’altra persona ti dice qualcosa di importante, menzionalo, ma non prendere il controllo della conversazione o cercare di superare in astuzia il tuo nuovo amico.

Come buon ascoltatore, non solo fai un favore al tuo interlocutore, ma lo conosci anche meglio e aumenti così le tue possibilità di diventare un amico.

Condividi qualcosa

Impatto: l’onestà cementa i legami.

Perché?

La ricerca mostra che la maggior parte delle persone prova più empatia per le persone che parlano apertamente di se stesse che per le persone che non mostrano la lingua così spesso.

La connessione funziona anche in un altro modo: inconsciamente inizi a preoccuparti di più delle persone con cui hai condiviso i tuoi pensieri e sentimenti più profondi. Gli studi hanno anche dimostrato che quando gli amici intimi condividono informazioni molto intime, la loro amicizia diventa ancora più stretta.

Come?

Le chiacchiere con una nuova conoscenza vanno bene, ma se vuoi conoscere meglio qualcuno e senti di poterti fare un buon amico, puoi tagliare rapidamente la conversazione superficiale e passare ad argomenti più personali.

Parla onestamente di come ti senti, di cosa ti rende felice o spaventato, mostrati non solo attraverso i tuoi punti di forza, ma anche attraverso le tue debolezze.

Trova persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Effetto: maggiori possibilità di amicizia con personaggi simili.

Perché?

Numerosi studi dimostrano che le buone amicizie tendono a svilupparsi tra persone simili in termini di età, istruzione e interessi, nonché tratti della personalità come l’apertura e la coscienziosità.

Tuttavia, uno studio del 2004 ha mostrato che le somiglianze possono essere nascoste dietro le differenze. Quindi devi passare del tempo con uno sconosciuto prima di poter scoprire se avete qualcosa in comune.

Come?

Puoi aumentare le tue possibilità di trovare un amico cercando comunità di persone che condividono i tuoi interessi e valori. Ad esempio, puoi unirti a un club, fare sport, frequentare corsi di lingua o fare volontariato, se hai una vera passione per questo.

In queste comunità incontri persone che la pensano allo stesso modo e l’interazione regolare spesso significa che hai molte opportunità per conoscerti a un ritmo lento e rilassato.

Investi molto tempo nell’amicizia

Impatto: 300 ore di stare insieme costruiscono forti amicizie.

Perché?

L’amore a prima vista è raro, ma l’amicizia a prima vista è ancora meno comune. L’amicizia richiede tempo e più tempo trascorri con il tuo nuovo contatto, più stretta diventerà l’amicizia.

Ad esempio, uno studio del 2019 ha rilevato che gli studenti guardano gli amici l’uno dell’altro solo dopo aver trascorso 50 ore insieme. Ci sono volute 140 ore insieme per diventare buoni amici, mentre sono diventati amici intimi solo dopo più di 300 ore l’uno in compagnia dell’altro.

Come?

Devi investire il tempo per fare nuove amicizie, anche se devi mettere da parte delle attività per farlo. Quindi devi sacrificare qualcosa. Ad esempio, se ti trasferisci in un’altra città, potresti essere tentato di visitare i tuoi vecchi amici nei fine settimana, ma questo limita le tue possibilità di fare nuove amicizie.

Puoi vedere fare nuove amicizie come un po’ di lavoro e trovare il tempo per loro nel tuo programma.

Distogli lo sguardo dopo tre secondi

L’effetto: il contatto visivo breve è più credibile.

Perché?

Il contatto visivo può essere sia attraente che fastidioso per gli altri. Ad esempio, uno studio ha dimostrato che ti senti connesso quando uno sconosciuto ti guarda brevemente negli occhi e sorride. Ma si tratta di trovare l’equilibrio, perché se uno sconosciuto non stabilisce un contatto visivo, un’espressione facciale neutra sembrerà più accogliente di un sorriso.

Inoltre, è stato dimostrato che sei considerato inaffidabile se mantieni il contatto visivo diretto per più di tre secondi.

Come?

Sii amichevole e mostra interesse per il tuo interlocutore fissando occasionalmente un contatto visivo e sorridendo leggermente. Ma fai attenzione a non esagerare con i sorrisi o il contatto visivo o rischi di fallire i tuoi sforzi. Ad esempio, il tuo interlocutore potrebbe sentirsi sopraffatto o trovare fastidiosa tutta questa attenzione.

Nella maggior parte dei casi, puoi inviare gli stessi segnali di saluto apparendo positivo e partecipando alla conversazione.

READ  Combattere l'invecchiamento cerebrale? Puoi fare questa divertente attività

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24