Può il moderno paese gigante sopravvivere senza denaro gratuito?

I soldi non mancano: i paesi occidentali hanno affrontato la pandemia con un sostegno governativo senza precedenti al di fuori del tempo di guerra. Ha aiutato. La recessione economica nel 2020 è stata significativa, ma il danno duraturo non è così grave. In Europa, il business è stato preservato e le imprese sono ancora in piedi. I lavoratori autonomi hanno ricevuto un sostegno al reddito. Negli Stati Uniti, dove non esiste una rete di sicurezza sociale coerente, è stato utilizzato il sostegno diretto al reddito per i cittadini.

Quindi la ripresa economica del 2021 è l’immagine speculare dell’implosione dello scorso anno. La maggior parte dei paesi tornerà ai livelli di ricchezza pre-pandemia entro la fine di quest’anno o entro il prossimo, anche se la crescita della ricchezza persa che si sarebbe verificata senza la pandemia probabilmente non sarà compensata.

Ora che l’economia si è ripresa – con l’eccezione delle nuove catastrofi del coronavirus – il dibattito si sposta sulla questione di quanto tempo dovrebbe durare il sostegno. L’economia e le imprese non sembrano pronte per un’improvvisa fine degli aiuti governativi. E così i budget governativi gonfiati possono rimanere lì per un po’.

Se fai una foto dello stato attuale dei bilanci, incontrerai una società in cui il ruolo del governo è cambiato radicalmente.

Nella zona euro, la spesa pubblica è stata in media di circa il 48% del PIL. L’eccezione è sempre stata la Francia, dove il potente Paese rappresenta circa il 55 per cento del PIL. Gli Stati Uniti preferiscono un ruolo minore per il governo, con una quota del PIL di circa il 40 per cento o talvolta inferiore.

L’epidemia ha provocato una frana. Nella zona euro, i pacchetti di sostegno hanno causato deficit di bilancio in media di oltre il 7% del PIL nel 2020 e nel 2021. E nei paesi anglosassoni, questo va molto oltre: il Regno Unito ha un deficit di bilancio medio dell’11% durante questi anni di pandemia. Anche gli Stati Uniti generano il 16% del PIL.

L’entità di questi importi diventa chiara se confrontati non con il PIL, ma con la stessa spesa pubblica. Più del 13% della spesa pubblica totale nei paesi dell’euro è ora a credito. Ma per gli Stati Uniti il ​​numero è davvero sbalorditivo: un terzo della spesa pubblica è ora preso in prestito lì.

READ  Il ritorno di Van Gaal è un segno di povertà

spazio di bilancio

Tutto questo denaro pubblico ha notevolmente aumentato il ruolo del governo. Il governo degli Stati Uniti ora spende il 48% del PIL, una cifra improvvisamente simile a quella che era una volta comune nella zona euro. I paesi dell’Eurozona spendono circa il 54 per cento del PIL: adesso tutti assomigliano alla Francia. Lo stesso governo francese ora spende il 61% del PIL.

L’intera zona euro ha ora un debito nazionale del 125 per cento del PIL. Cosa è possibile?

La domanda ora è se questo può continuare. Perché tutto questo deficit ha portato all’aumento del debito nazionale a un livello senza precedenti in tempo di pace. L’intera zona euro ha un debito nazionale del 125 percento del PIL, il Regno Unito per il 144% e gli Stati Uniti per il 141 percento. Tutto questo secondo la definizione standard dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Cosa si può ancora fare e cosa si può ancora fare? Qual è lo spazio finanziario rimanente, il cosiddetto spazio finanziario? Dobbiamo tagliare la spesa adesso?

Nei mercati finanziari, gli investitori sembrano mantenere la calma. I tassi di interesse sul debito pubblico sono ai minimi storici, il che significa che nessuno è preoccupato. Ad esempio, i Paesi Bassi e la Germania ricevono un interesse rispettivamente dello 0,36 e dello 0,49% sui loro titoli a 10 anni. Anche paesi come la Grecia e l’Italia pagano a malapena gli interessi sul loro debito: l’Italia paga lo 0,56 percento per i titoli a 10 anni e la Grecia lo 0,55 percento. Ma le apparenze ingannano.

Dati i livelli di debito, i deficit di bilancio annuali e lo stato dell’economia, questi tassi di interesse sono difficili da immaginare storicamente. Un Paese come l’Italia, con un debito strutturale superiore al 100 per cento, pagava in media il 4,5 per cento prima della crisi finanziaria del 2007. Ora il rapporto debito/PIL è salito a 140 e il tasso di interesse è appena dello 0,5 per cento .

Quindi, la domanda è chi è disposto a ritirare quei debiti a bassi tassi di interesse. È qui che diventa un problema. Un’analisi dell’International Institute of Finance (IIF) pubblicata questa settimana mostra che ci sono paesi in Europa in particolare Raggiungi a malapena i margini del mercato Quando si tratta di ottenere prestiti. L’Institute of International Finance osserva che il mercato dei titoli di stato, nella misura in cui esiste ancora, continua ad essere gestito dalle banche centrali.

READ  L'Italia sta investendo miliardi dal Fondo Corona Anti-Corona dell'Unione Europea in Internet ad alta velocità, anche in villaggi remoti

pressione sui soldi

Quando è scoppiato il coronavirus, le banche centrali di tutto il mondo hanno attivato le loro presse moneta per consentire ai governi di fornire enormi pacchetti di salvataggio per sostenere le loro economie. Per prevenire l’aumento dei tassi di interesse – che rendono più costoso il prestito e potrebbero quindi esacerbare le conseguenze economiche della pandemia – la banca centrale ha dimostrato la propria volontà di acquistare nuovo debito pubblico e includerlo nel proprio bilancio.

Questa pratica è diventata comune tra i banchieri centrali sulla scia della crisi finanziaria del 2008, ma il loro intervento nel mercato dei titoli di stato è stato bilanciato dal coronavirus. Negli Stati Uniti, l’anno scorso la Federal Reserve ha acquistato il 60% di tutto il nuovo debito. La stragrande maggioranza del nuovo debito USA Ecco come è arrivato senza forze di mercato. In confronto, nel 2009, durante la crisi precedente, la Fed ha acquistato il 20% del nuovo debito e il mercato ha acquistato il resto.

In Europa, gli indicatori sembrano più seri. Paesi come Spagna, Italia e Grecia sono finanziati al 100% dalla Banca centrale europea (BCE). I nuovi prestiti vanno quasi subito nel bilancio della Banca Centrale Europea, e operatori di mercato come investitori istituzionali, banche e compagnie assicurative si sono attivamente ritirati dai prestiti italiani, spagnoli e greci. Anche gli Stati Uniti hanno visto un calo della quota di debito pubblico dei partecipanti al mercato lo scorso anno. Gli investitori erano ancora interessati al debito di economie relativamente sane come Germania, Paesi Bassi e Francia.

L’afflusso di capitali commerciali dal debito pubblico è una chiara indicazione che paesi come Spagna, Grecia, Italia e Stati Uniti non hanno più spazio per prendere in prestito più denaro, secondo il mercato. In tempi normali, i tassi di interesse sul debito aumenterebbero rapidamente, segno che i paesi devono tagliare le spese e regolare le loro economie. Coloro che non ristrutturano né aumentano la capacità di guadagno della loro economia pagheranno un prezzo pesante poiché i rimborsi dei prestiti diventano più opachi. Ciò è interamente dovuto all’influenza dirompente delle banche centrali nel dibattito sul bilancio, poiché questo segnale non si traduce ora in tassi di interesse più elevati per i paesi problematici.

READ  Sembra che ho scritto Grand Hotel Europa per niente

Panico in borsa

Ora che le economie si sono riprese e la pandemia si sta ritirando in alcune parti del mondo, la domanda ora è per quanto tempo i governi e le banche centrali dovrebbero continuare a sostenere l’economia. In particolare negli Stati Uniti, dove il ruolo della Federal Reserve nel deficit di bilancio si sta riducendo, Questa discussione è già in corso?. I 120 miliardi di dollari di debito che la Federal Reserve acquista ogni mese potrebbero essere ridotti nel prossimo futuro. Ma anche l’inizio di una discussione provvisoria su questo potrebbe facilmente trasformarsi in un panico nei mercati azionari. Questo è stato rivelato questa settimana quando il verbale della riunione di luglio della Federal Reserve, che sembrava essere discusso su una possibile riduzione degli acquisti mensili. Le azioni sono subito scese dell’1%.

Ciò conferma la conclusione scioccante dell’analisi dell’Institute of International Finance: il sostegno monetario alla politica fiscale non può essere interrotto al momento, perché semplicemente non esiste un mercato per il debito pubblico in un certo numero di paesi. Gli Stati Uniti possono ancora farla franca, sebbene il tasso di interesse sul debito pubblico – ora mantenuto artificialmente basso – aumenterà una volta che la Fed si ritirerà dall’essere un acquirente. Molte valutazioni del mercato azionario si basano su un basso tasso di interesse.

Ma in Europa? Italia, Grecia, Spagna e un certo numero di altri paesi perderanno senza dubbio il loro spazio fiscale in un colpo solo. In altre parole, le banche centrali dovrebbero continuare ad acquistare debito pubblico. Sta diventando sempre più difficile trovare una via d’uscita senza l’aiuto dei loro “denaro gratis”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24