Puoi anche ammalarti di glutine senza glutine

Le persone possono essere intolleranti al glutine senza mangiare glutine. Le aspettative giocano un ruolo importante nella sensibilità al glutine. Questo è ciò che la ricerca mostra questa settimana Lancet Gastroenterologia ed Epatologia Situazioni.

Dolore addominale, gonfiore o diarrea, ma anche stanchezza e mal di testa. Per prevenire questo tipo di disturbi, molte persone evitano il pane e altri prodotti a base di grano che contengono glutine. Queste denunce sono reali, ma non è chiaro cosa le causi.

Il glutine, dal latino colla, è un gruppo di proteine ​​presenti nei cereali. I ricercatori delle università di Maastricht, Wageningen e Leeds hanno offerto a più di ottanta persone colazione e pranzo a base di panini con o senza glutine. Queste persone avevano disturbi ma non avevano la celiachia o l’allergia al grano. Ai partecipanti è stato detto se avrebbero mangiato glutine o meno. I due gruppi sono stati poi divisi in due sottogruppi: la metà ha ottenuto ciò che gli era stato detto che avrebbe ottenuto, l’altra metà no.

Nel gruppo che si aspettava il glutine e lo ha ottenuto, le persone hanno segnalato il maggior numero di lamentele. Ma i reclami sono stati segnalati più spesso anche nel gruppo che pensava di mangiare glutine e in realtà aveva ricevuto prodotti senza glutine. Nei due gruppi che si presumeva mangiassero pane senza glutine, le persone di entrambi i gruppi avevano meno disturbi gastrointestinali.

Tra le orecchie

È tutto nella tua testa, è la semplice spiegazione. La causa dei reclami sono le aspettative negative. Quindi i ricercatori parlano dell’effetto nocebo. Ma ciò non significa che le lamentele non siano reali, dice la dottoranda Marilyn de Graaf.

READ  È così che piove su altri pianeti - Wel.nl

L’interazione cervello-intestino può svolgere un ruolo nella sensibilità al glutine. Lo studio di Maastricht non mostra come funziona in questo caso la connessione tra intestino e cervello e quali parti del cervello sono coinvolte.

È anche possibile che qualcos’altro sia all’origine dei reclami. Altre sostanze presenti nel grano possono influenzare il sistema immunitario o la formazione di gas da parte dei batteri intestinali. Inoltre, la composizione dei batteri intestinali varia da persona a persona. Lo stress può anche influenzare i disturbi gastrointestinali. “Molte persone si renderanno conto che quando ci si sente stressati si ha anche mal di pancia o si deve andare in bagno”, aggiunge la ricercatrice Daisy Junkers. “La domanda è: alcune persone sono più sensibili a questo rispetto ad altre?”

I cereali integrali sono una fonte di energia, fibre, vitamine e minerali

La sensibilità al glutine non celiaca è una condizione riconosciuta, ma è diversa dalla celiachia, chiamata anche intolleranza al glutine. Circa l’1% della popolazione soffre di celiachia e queste persone possono ammalarsi gravemente a causa del glutine. La celiachia è una malattia autoimmune in cui anche una traccia di glutine può portare ad un’infiammazione della mucosa intestinale.

Il problema della sensibilità al glutine è che non può essere dimostrata con un esame del sangue. Non sono noti meccanismi biologici chiari e non si osservano effetti dannosi nelle persone sensibili al glutine. Junkers: “L’unico modo per fare una diagnosi è sottoporre le persone a un test in doppio cieco. Ma è chiaro che quasi nessuno lo fa. Solo per questo motivo non si sa quante persone abbiano una sensibilità al glutine. Stime varia da dallo 0,6 al 13%.. È più comune nelle persone con sindrome dell’intestino irritabile, una condizione in cui molti tipi di alimenti possono causare dolore addominale.

READ  La NASA lancerà una luna a settembre

Ai pazienti celiaci non è mai consentito mangiare glutine. Le persone che pensano di avere una sensibilità al glutine possono ricevere consigli da un centro nutrizionale consiglio Non iniziare una dieta priva di glutine senza una diagnosi. Junker. “Se elimini il glutine dalla tua dieta, non otterrai tanti nutrienti.” I cereali integrali sono una fonte di energia (carboidrati), fibre, vitamine e minerali. “Se riusciamo a chiarire che non ci sono indicazioni di effetti dannosi e che anche le aspettative possono avere un ruolo, le persone possono affrontare la questione in modo diverso”.

Diverse aziende di panificazione hanno contribuito allo studio, ma non sono state coinvolte nella progettazione dello studio o nella stesura del rapporto, hanno scritto i ricercatori.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24