Putin vincerà le elezioni in Russia e milioni di russi non sono rappresentati

Un cartellone pubblicitario con l'immagine di Putin nella città russa di San Pietroburgo

Noos Notizie

  • Gert Groot Koerkamp

    Corrispondente dalla Russia

  • Gert Groot Koerkamp

    Corrispondente dalla Russia

Gli elettori russi potranno recarsi alle urne venerdì, sabato e domenica per eleggere il nuovo presidente per i prossimi sei anni. Non ci sono dubbi su chi sarà. Le elezioni dovrebbero dare a Vladimir Putin il via libera per il suo quinto mandato, che durerà fino al 2030. Se lo svolgerà, rimarrà al potere per più di trent'anni, compresi i pochi anni in cui ha governato il paese come primo ministro. ministro.

Si prevede che le elezioni saranno le più noiose della storia russa moderna. Non ci sono dubbi su nessuna battaglia, a meno che non si tratti di una battaglia tiepida su chi arriverà secondo.

La lotta per il secondo posto

Questa battaglia si svolge tra i tre candidati in ballo insieme a Putin (71) e rappresentanti dei partiti politici fedeli al Cremlino e che sostengono senza riserve i progetti di legge presentati dall'attuale autorità parlamentare. Tutti e tre sostengono l'”operazione militare speciale” in Ucraina e sono quindi presenti in vari elenchi di sanzioni occidentali. Se stanno criticando qualcosa, non è certamente Putin.

A nome del Partito Comunista partecipa Nikolai Sharitonov, 75 anni. Lo aveva già fatto una volta, nel 2004. Il partito ha scelto Sharitonov invece di Gennady Zyuganov, 79 anni, che sarebbe stato coinvolto inizialmente. Zyuganov ha partecipato alle elezioni presidenziali quattro volte dal 1996.

Leonid Slutsky, 56 anni, rappresenta il Partito Liberal Democratico di destra, che ha guidato dalla morte del suo fondatore, Vladimir Zhirinovsky, nel 2022. Il suo slogan principale della campagna è “Lunga vita alla causa Zhirinovsky”. Zhirinovsky si è candidato a tutte le elezioni presidenziali russe dal 1991 (quando esisteva ancora l'Unione Sovietica), quindi questa è la prima elezione tenuta senza di lui. Ma grazie alla campagna di Slutsky, è stato in qualche modo coinvolto.

READ  Indagine sugli abusi sessuali su donne e ragazze morte negli obitori britannici | All'estero

L'intruso è Vladislav Davankov, il più giovane del gruppo, ha 40 anni. Davankov è vicepresidente della Duma, la camera bassa del parlamento russo, a nome del Nuovo Partito Popolare, il progetto del Cremlino dal 2020. Cerca di presentarsi come una “alternativa ragionevole” e usa regolarmente la parola “pace”, che rende lui attraente per alcuni elettori. Alcuni sondaggi d'opinione lo prevedono al secondo posto dietro Putin con circa il 6% dei voti. L'attuale presidente può contare su quasi l'80% dei voti.

Le persone non vengono ascoltate

Milioni di russi non sono rappresentati a queste elezioni. Queste sono le persone che condannano le azioni della Russia in Ucraina e l'opposizione extraparlamentare a Putin. Tra loro c'erano anche decine di migliaia di persone che sono venute a rendere l'ultimo omaggio al leader dell'opposizione Alexei Navalny a Mosca, scandendo ad alta voce slogan contro la guerra.

A due candidati che volevano dare voce a questi gruppi non è stato permesso di partecipare alla corsa presidenziale. La politica regionale Ekaterina Dontsova si è inizialmente allontanata, citando errori procedurali nella nomina. Ora vuole creare un proprio partito politico per partecipare alle prossime elezioni.

Al politico liberale Boris Nadezhdin è stato permesso di avanzare al turno successivo, dove avrebbe dovuto raccogliere almeno centomila firme per sostenere la sua candidatura. Ha avuto più che successo. Le lunghe code di persone che venivano a sostenerlo in tutto il Paese non lasciavano dubbi al riguardo. Ma anche la Commissione elettorale centrale ha messo fine alle sue ambizioni.

In assenza di un proprio candidato, molte di queste persone vorranno partecipare nel giorno elettorale più importante, domenica, a una campagna ideata dal politico di San Pietroburgo Maxim Reznik e sostenuta con tutto il cuore da Navalny. “Contro Putin a mezzogiorno” è lo slogan della campagna, il che significa che coloro che si oppongono al presidente in carica si recano alle urne intorno a mezzogiorno, né prima né dopo. Ciò dovrebbe dimostrare che molte persone sono effettivamente contro Putin e contro la guerra, e dimostrare che il presidente non ha una maggioranza schiacciante che lo sostiene, qualunque sia l’esito.

READ  L'offensiva di primavera della Russia sembra essere in fase di stallo, "i fallimenti si stanno accumulando"
Anche nelle regioni occupate dell’Ucraina, come qui a Mariupol, sono state allestite urne elettorali, dove le persone possono votare in anticipo. Ciò non avviene senza pressione.

I risultati ufficiali delle elezioni devono essere visti con un certo scetticismo. Secondo le analisi statistiche delle urne, le elezioni passate sono sempre state caratterizzate da diffusi brogli alle urne. A parte questo, la normale campagna elettorale in Russia è ostacolata dalla mancanza di media liberi, dall’esclusione di candidati sgraditi e dall’opposizione degli osservatori elettorali indipendenti. Anche il voto elettronico, che il governo incoraggia attivamente, rende le elezioni meno trasparenti.

“La libera espressione della volontà è diventata impossibile”, ha concluso l’organizzazione indipendente russa di monitoraggio elettorale Golos (De Vote) in un nuovo rapporto sulla campagna. Ha aggiunto: “Le elezioni attuali non possono fornire un quadro di ciò che pensano veramente i cittadini e non danno loro l'opportunità di prendere una decisione indipendente sul futuro del Paese”.

L’organizzazione è attiva in Russia dal 2000 e nel 2013 è stata dichiarata “agente straniero”, per poi continuare come movimento senza personalità giuridica. Ad agosto, il leader del movimento, Grigory Melkonjanets, è stato arrestato con l'accusa di collaborare con una ONG dell'Europa orientale vietata in Russia. Per questo potrebbe ricevere fino a sei anni di carcere. Il suo periodo di custodia cautelare è stato prolungato fino ad aprile, cioè fino a dopo le elezioni.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24