Quentin Hermans vince in volata il round dei Paesi Baschi, con Roglic e Ayuso caduti

Mercoledì 3 aprile 2024 alle 17:32

Quentin Hermans ha vinto la terza tappa del Giro dei Paesi Baschi. Il corridore dell'Alpecin-Deceuninck è stato il più veloce del gruppo. Primoz Roglic ha avuto una brutta caduta lungo il percorso, ma è riuscito a rimontare e rimanere in testa alla classifica generale. Negli ultimi chilometri anche Juan Ayuso ha avuto un grave incidente.

Nuova edizione di Rivista di equitazione È disponibile ora! La nostra nuova edizione primaverile di 188 pagine è ricca di affascinanti storie di ciclismo su Mathieu van der Poel, Lotti Kubicki, Demi Vollering, Sepp Koss e Matej Mohorek. Assicurati la tua copia e Ordinalo online adesso A soli 9,95 euro. Desideri ottenere un RIDE ad un costo aggiuntivo? Allora iscriviti adesso E ottieni uno sconto del 20%!

La terza tappa del Giro dei Paesi Baschi ha portato il gruppo da Ezpeleta ad Altsasso, una distanza di 190,9 chilometri. Non è stata una tappa facile, perché nella lista erano ben sei le piste classificate. La salita finale verso Lizarrusti (6,4 km al 4,7%) è stata la più alta a 18 km dal traguardo. Seguì un finale piatto, soprattutto per gli standard baschi.

Battaglia per il volo anticipato
Nella prima fase sono piovuti attacchi. Più volte viene dato spazio al gruppo, ma il gruppo ritorna sempre. Fino a quando Alain Gossum (TotalEnergies) ha aperto un varco dopo una cinquantina di chilometri. Ha visto passare poco dopo il francese Tom Bacot (Intermarche-Wante) ed Eric Antonio Fagundes (Burgos-PH), formando un gruppo di tre uomini di testa. Dopo un lungo inseguimento, è riuscito a farcela anche James Foucher (Euskaltel-Euskadi). Il quartetto ha colorato gran parte della gara.

Foto: Cor Foss

Il vantaggio massimo dei quattro leader è stato di circa quattro minuti. A sessanta chilometri dal traguardo la Bora-Hansgrohe, la squadra leader della classifica, Primoz Roglic, è riuscita a ridurre il distacco a un minuto. INEOS ha quindi acquisito Grenadiers. La formazione britannica aveva già colmato il gap finale quando il gruppo è rimasto travolto da un contatto a meno di quaranta chilometri dal traguardo. Una delle vittime era Primoz Roglic, che indossava la maglia gialla.

READ  Perché Williams e Alpine sono le scelte più sensate in F1 per De Vries | Attualmente

Roglic ritorna dopo la pesante caduta
Il leader della BORA-hansgrohe sembrò irritato e indicò il suo fianco. Tuttavia, dopo un po' si alzò di nuovo. Due suoi compagni di squadra, Emanuel Buchmann e Mateo Sobrero, lo stavano aspettando e hanno cercato di riportarlo nel gruppo, ma il portatore della maglia gialla era più di due minuti indietro a 36 chilometri dalla fine. Poiché hanno rallentato un po' e un altro compagno di squadra aspettava Roglic, il leader della classifica è riuscito a rientrare nel gruppo durante la salita a Lizarrusti. Più tardi si sarebbe semplicemente piazzato di nuovo negli avamposti.

È successo poco in questa salita. I filtri sono rimasti silenziosi e si è verificato (anche se a ritmo sostenuto) E gruppo Guidavo. Fino a circa due chilometri prima della vetta, quando Louis Meintjes ha accelerato. Il sudafricano di Intermarché-Wanté è stato il primo a superare la vetta, ma i suoi progressi sono stati limitati. Dopo pochi chilometri, la folla lo ha arrestato nuovamente.

Evenpoel prende l'erezione e Ayuso cade
C'è stato uno sprint moderato a otto chilometri dal traguardo. Remco Evenepoel è arrivato primo davanti a Isaac del Toro e Jonas Fingegaard. Hanno ottenuto rispettivamente tre, due e un secondo in più. Subito dopo la gara c'è stato un momento di silenzio. Marc Soler ha visto il suo momento ed è partito. Lo spagnolo era accompagnato dagli Emirati Arabi Uniti da Nelson Oliveira (Movistar) e Gorka Izaguirre (Cofidis). I tre hanno creato un bel divario.

Bora-Hansgrohe, Alpecin-Deconinck e DSM-Fermenich Post NL sono stati quelli che hanno guidato l'inseguimento. Successivamente anche Lidl-Trek è venuta in aiuto. Hanno riunito Oliveira, Izaguirre e Soler a tre chilometri dal traguardo, quindi la tappa si è comunque conclusa in volata. Prima della gara si è verificato un grave incidente che ha coinvolto Brandon McNulty, Matthias Skilmoz e Juan Ayuso. Lo spagnolo in particolare non era in forma, ma si è ripreso. Ha terminato la tappa e poiché l'incidente è avvenuto negli ultimi tre chilometri, non ha perso tempo nella competizione.

READ  Occupato Sparta a bordo campo Warmerdam a lungo infortunato lontano dall'FC Utrecht | calcio

Hermans è il più veloce
Poi al nemico. È attratto da Michał Kwiatkowski, che lavora per Ethan Hayter. Tuttavia, Quentin Hermans si è rivelato quello con le gambe più veloci. Il belga è uscito molto velocemente dall'Alpecin-Deceuninck e ha vinto davanti a Edoardo Zambanini e Alex Aranburu.

Foto: Cor Foss

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24