Questo nuovo hacking della batteria è stato reso possibile dal caffè macinato

Scienziati del Kazakistan e della Corea del Sud sono riusciti a creare un materiale dai rifiuti del caffè che può essere utilizzato come parte delle batterie. Ciò renderebbe la produzione di un certo tipo di batteria più rispettosa dell’ambiente.

Il materiale, che ha il nome poco fantasioso di acciaio al carbonio drogato P, può essere utilizzato dopo la lavorazione come anodo, l'elettrodo attraverso il quale scorre la corrente verso un dispositivo, per batterie agli ioni di sodio. Sebbene esistano altri materiali che possono essere utilizzati come anodi nelle batterie agli ioni di sodio, questo materiale può essere prodotto dai fondi di caffè.

Anche ogni anno 60 milioni di tonnellate Viene prodotto il caffè macinato. L’utilizzo di questo materiale per produrre batterie non dovrebbe solo ridurre i rifiuti, ma anche rendere la produzione stessa delle batterie meno inquinante.

Bravo a immagazzinare energia

Secondo la ricerca pubblicata dagli scienziati sulla rivista Conversione delle risorse di carbonioIl materiale è molto bravo a immagazzinare energia. A una determinata intensità di corrente è possibile ottenere una capacità inversa di 341 mAh di energia per grammo di materiale.

Si riferisce alla quantità di energia che la batteria può immagazzinare e rilasciare ad ogni ciclo di carica e scarica. La capacità inversa tipica di un anodo di grafite nelle batterie agli ioni di litio è di circa 300 Fino a 372 mAh per grammo.

READ  I vasi sanguigni nel cervello svolgono un ruolo importante nello sviluppo della febbre

Perchè lo ione sodio?

A differenza delle batterie agli ioni di litio, per produrre batterie agli ioni di sodio sono necessari meno metalli delle terre rare. Funzionano meglio anche alle alte e basse temperature. Tuttavia, la densità energetica è molto inferiore a quella delle batterie agli ioni di litio. Di conseguenza, non lo troverete immediatamente nelle auto elettriche, ma forse nelle future batterie domestiche.

Le batterie agli ioni di sodio sono state sviluppate a partire dagli anni ’90. Ora la tecnologia sembra prossima alla commercializzazione. Alcuni importanti produttori di batterie, come l’azienda cinese CATL e l’azienda svedese Northvolt, vogliono portare presto questa tecnologia sul mercato.

Scopri di più sull'energia e rimani informato con la nostra newsletter.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24