Recensione di Skull and Bones – Tossicodipendenti

Ossa del cranio

Skull & Bones è un gioco di pirati open-world con servizio live in cui il giocatore deve farsi un nome come pirata nelle acque tra la costa orientale dell'Africa e la regione precedentemente nota come Indie Orientali. Questo è accompagnato da numerose battaglie navali e operazioni di saccheggio, che aumentano il potere del giocatore e gli danno anche una nave più forte. Il combattimento è divertente, ma sfortunatamente Skull & Bones non c'entra molto. Ad esempio, il gioco sembra un po’ datato, presenta missioni ripetitive e spesso lascia i giocatori bloccati per lunghi periodi. Skull & Bones è pensato per essere un gioco dal vivo, quindi l'idea è che i giocatori continueranno a giocarci per molto tempo e ogni volta verranno presentati nuovi contenuti stagionali, ma se Skull & Bones rimarrà popolare abbastanza a lungo per quello resta da vedere. Dubbioso.

Adoro i pirati. Quando ero bambino, avevo una nave pirata LEGO, la grande nave con tre alberi e vele rosse e bianche, e mi piacevano i film Disney Pirati dei Caraibi. Bene, dai primi tre, prima che le cose diventino troppo folli. I pirati sono immortali e nella nostra cultura popolare sono molto meno terrificanti di quanto lo fossero in passato, o addirittura lo sono ancora se includiamo la pirateria che ancora esiste. È spaventoso e indesiderato, ma Capitan Uncino e Capitan Jack Sparrow vivono nei nostri cuori. È d'aiuto il fatto che non sia mai realmente esistito, e quindi possiamo usarlo senza alcuna duplicazione come punto di partenza per come appare “interpretare un pirata”, senza dover pensare a tutti i tipi di orrori.

READ  Afferrare miliardi nello spazio: "Mining, solo in un ambiente diverso"

Lo stesso vale per Edward Kenway, il personaggio principale di Assassin's Creed IV: Black Flag. Guardando indietro, in quel momento il franchise era a un bivio. Dopotutto, eravamo appena usciti da “AC's Classic” e avevamo avuto un tipo di gioco leggermente diverso con Assassin's Creed III. Più spazi aperti, più vuoti e anche meno navigazione. Quest'ultimo elemento divenne la base di Black Flag, in cui come giocatore dovevi lavorare con Edward Kenway, che, oltre ad essere un assassino, era anche il capitano della Jackdaw: la sua nave. Nei panni di Kenway, hai reso insicuri i Caraibi con Jackdaw. Hai saccheggiato altre navi e fattorie, attaccato forti e alla fine sei diventato così potente da poter sconfiggere le navi più forti del gioco. Le guerre dell'uomo. La bandiera nera si è rivelata popolare. C'è stato anche un seguito nello stesso stile con Assassin's Creed: Rogue, ma poi la serie è andata in una direzione diversa. La vela, ovviamente, è tornata brevemente nella trilogia finale, specialmente in Assassin's Creed Valhalla, ma non ha mai più interpretato lo stesso ruolo importante.

Tuttavia, abbiamo visto il gameplay di Black Flag in un altro gioco molto prima di Valhalla. Ubisoft ha annunciato Skull & Bones all'E3 nel 2017. Questo gioco, che ruota interamente attorno alle battaglie navali, era giocabile al Los Angeles Convention Center. Anche se avevamo domande sull'idoneità del combattimento uno contro uno al gioco, l'introduzione è stata molto positiva. Sono passati quasi sette anni e sappiamo che la stessa Ubisoft non sapeva bene che tipo di gioco avrebbe dovuto essere durante l'E3. Il progetto tornò al tavolo da disegno e non riemerse se non anni dopo. Ciò ha portato a una delle mie anteprime fieristiche meno positive di sempre, perché quello che ho visto durante la Gamescom 2022 nel teatro allestito da Ubisoft non era buono. Il gioco non aveva un bell'aspetto e il gameplay sembrava poco interessante. All'epoca, il gioco avrebbe dovuto essere rilasciato nel novembre dello stesso anno, ma Skull & Bones subì nuovamente un ritardo.

READ  I provider VPN estraggono i server dall'India a causa di nuove regole | Attualmente

Siamo nel 2024 e Skull & Bones è finalmente uscito. Questo dà speranza, perché c'è molto tempo tra la Gamescom 2022 e adesso e Ubisoft ha visto chiaramente un motivo per lavorare sul gioco più a lungo. La fase iniziale del gioco non è eccezionale e non capita spesso di vedere un gioco con una storia come questa diventare davvero buono, ma ci sono almeno ragioni sufficienti per dare al gioco una giusta possibilità. Ho passato decine di ore nella mia carriera da hacker digitale (no, Stichting Brein, non un hacker digitale), ora sono il Kingpin e proprietario del bellissimo Brigantijn e devo dire… pensavo che fosse meno male di quanto pensassi in precedenza, ma cosa succederebbe se Skull & Bones fosse o meno un buon gioco è discutibile.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24