Recensione La Scuola Cattolica [Netflix]

direzione: Stefano Mordini | Scenario: Massimo Gaudioso, Luca Invasili | sputo: Luca Vergoni (Angelo Izzo), Francesco Cavallo (Gianni Guido), Giulio Brano (Andrea Guerra), Giulio Fosti (Alessandro Arbus), Benedetta Porcaroli (Donatella Colasanti), ecc. | tempo di gioco: 90 minuti | anno: 2021

Nel 1975 l’Italia fu scossa dalla famigerata strage di Cercio, in cui due adolescenti furono torturate, violentate e uccise da tre giovani di buona famiglia vicino a Roma. La Scuola Cattolica Cerca di spiegare come in questo evento traumatico sessualità nascente, mascolinità tossica e sessismo si siano uniti in modo mortale, ma sfortunatamente lo fanno senza profondità.

Ciò che rende buono il vero dramma criminale è che può approfondire la psiche dei suoi autori, fornendo contesto e spiegazione per le atrocità commesse. purtroppo ci riesce La Scuola Cattolica Non qui affatto. Ciò è in gran parte dovuto alla configurazione confusa con enormi salti temporali, che mancano di una corretta sequenza di scene.

Inoltre, il cast è troppo grande per il breve tempo di gioco, il che lascia poca coesione. Il gruppo di ragazzi in una scuola cattolica a cui vengono presentate le scene è così numeroso che ogni persona può ricevere solo una frase di presentazione. È un inizio molto caotico e sfortunatamente nessuno viene a ripulire il tempo di gioco rimanente. Non è del tutto chiaro dove sia diretta la storia e chi siano i personaggi importanti.

È un peccato che il film sia ambientato in un modo così caotico e illogico, perché a volte il potenziale è visibile. Ad esempio, viene prestata attenzione all’influenza del patriarcato sui giovani, che si manifesta nella mascolinità e nel sessismo tossici, sebbene questo fatto sia difficilmente spiegato in dettaglio. Una bella scena in cui l’insegnante insegna ai ragazzi il male attraverso un dipinto di Gesù è un presagio terrificante. Sfortunatamente, ci sono pochissimi di questi momenti.

READ  I 3 film più visti su Netflix dello scorso fine settimana

Esamina come i ragazzi scoprono e sperimentano la sessualità, anche se con una sofisticatezza notevolmente ridotta. Questo potrebbe essere stato inteso per mostrare che gli uomini gestiscono la cosa in modo freddo, ma per questo motivo il film a volte flirta con lo sfruttamento. Le scene sembrano essere state create solo per mostrare dei nudi, senza avere alcuna attinenza con la storia.

Gran parte del film manca di scopo, motivo per raccontare la storia. Non è chiaro per qualche tempo dove sia diretto il film o quale sia il suo messaggio. Ecco perché l’ultimo atto si avvicina improvvisamente e lo spettatore avrà più domande alla fine che all’inizio.

A proposito, l’ultimo verbo non è una bella panchina. Le atrocità sono rappresentate in modo sproporzionato con sfrontatezza e persistono per molto tempo. È sempre stato ovvio cosa sta succedendo, ma sembra che il regista abbia improvvisamente messo gli occhi su un pubblico scioccante. Sembra sconnesso, soprattutto quando vengono tralasciati aspetti importanti dell’atto reale. In nessun caso risparmierà lo spettatore, che cade sul tetto di casa tua dopo settanta minuti intensamente noiosi.

I set respirano l’Italia degli anni ’70 e il cast fa un ottimo lavoro; Soprattutto gli uomini colpevoli sono cattivi a guardare i loro ruoli. Sfortunatamente, queste sono solo gocce nell’oceano. Per un film con questo materiale originale essere così noioso è quasi intelligente. È un peccato che questo argomento non ottenga il rispetto che merita.

La Scuola Cattolica può essere visto in Netflix.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24