Ricerca: l’Italia sa che la nave dei migranti affondata è in pericolo

Quasi sei ore prima che la Summer Romance affondasse al largo delle coste meridionali italiane a febbraio, uccidendo 96 migranti, tra cui 35 bambini, le autorità marittime italiane sapevano già che la nave era in pericolo. Lo emerge da una ricerca della European Media Alliance guidata da una società di ricerca Fari. Tuttavia, la Guardia Costiera non ha tentato un salvataggio.

I ricercatori hanno ottenuto documenti riservati, raccolto video girati a bordo, dati sulla posizione e note vocali, hanno parlato con diciotto sopravvissuti ed eseguito la ricostruzione visiva. Da uno studio che coinvolge i giornali Le Monde, El Pie E questo Zeitung della Germania meridionale Anche il servizio europeo di controllo delle frontiere Frontex e le autorità italiane, che hanno partecipato, sembrano puntare il dito l’una contro l’altra sul motivo per cui la nave non è stata recuperata.

Per saperne di più: A una settimana dal naufragio: ‘Nessuno è venuto in aiuto’

È già noto che Frontex ha segnalato la barca ore prima del naufragio. La nuova inchiesta invalida la difesa degli italiani secondo cui il servizio di controllo delle frontiere non ha inviato il messaggio di emergenza.

La barca in legno Summer Love è affondata a 50 metri al largo di Steccato di Cutro, paese ai piedi dello stivale italiano, nella notte tra il 26 e il 27 febbraio. Un aereo di Frontex ha localizzato la nave intorno alle 23 e ha informato le autorità italiane. Frontex afferma che spetta all’Italia decidere se effettuare un’operazione di salvataggio.

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha dichiarato dopo il disastro che Frontex non avrebbe riferito che la barca rischiava di affondare. Anche i funzionari della guardia costiera italiana non sono stati in grado di confermare che la nave trasportasse migranti. La Guardia di Finanza, un servizio di polizia militare che spesso viene in soccorso in questi casi, è uscita in mare ma ha dovuto tornare indietro a causa delle onde agitate.

READ  Batman aumenta il suo valore di scambio, i combattimenti "olandesi" erano pari all'Italia

Telefonate satellitari

Un rapporto segreto della missione mostra che Frontex ha effettivamente avvertito di “venti forti” nel Mar Ionio, un tratto del Mediterraneo tra Italia, Grecia e Albania. Frontex ha rintracciato la nave monitorando le telefonate via satellite effettuate dai passeggeri in Turchia per tutto il giorno.

L’agenzia di frontiera ha chiarito fin dall’inizio che si trattava di una nave di migranti, non c’erano giubbotti di salvataggio e le immagini della termocamera indicavano diversi passeggeri sottocoperta. Secondo l’agenzia di stampa Frontex, ciò indica un numero “anomalo” di persone a bordo. Summer Love di solito aveva posto per sedici persone.

Per saperne di più In preda alla disperazione salirono a bordo della barca

I documenti mostrano che le informazioni catturate dall’aereo di Frontex sono state inviate direttamente alle autorità italiane. Il maltempo, la mancanza di giubbotti di salvataggio e il sovraccarico della barca sono tutti segnali di pericolo che richiedono un’azione, secondo Frontex e le normative italiane. Frontex non ha menzionato che dopo l’incidente, il pilota ha segnalato forti venti.

Gli Stati membri dell’UE sono legalmente obbligati a cercare una nave in pericolo quando si trova nella loro zona di “ricerca e soccorso”. Qui era chiaro. Secondo gli inquirenti, se l’Italia lo avesse fatto, avrebbe scoperto i problemi meccanici della nave.

La magistratura italiana sta indagando su sei persone, tra cui tre giocatori della Guardia di Finanza. L’identità degli altri tre non è nota, ma anche loro sono operatori umanitari che avrebbero trascurato i loro doveri.

Francia

La scorsa settimana è stato annunciato che cinque membri del personale della guardia costiera francese erano stati accusati di essersi rifiutati di aiutare i migranti che attraversavano la Manica in difficoltà. 27 persone sono state uccise in questo disastro nel 2021.

READ  Una villa da sogno a Specia, nel sud Italia

e dalle comunicazioni tra la Guardia Costiera e gli annegati Indagato da Le Monde, la Guardia Costiera ha lasciato intenzionalmente le vittime a cavarsela da sole. Ad esempio, un dipendente promette di inviare aiuto ma non intraprende alcuna azione. A un altro uomo annegato fu detto che non era arrivato alcun aiuto e che nessuno gli aveva chiesto di andare in Inghilterra.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24