Ricerca sul diplomatico della sindrome dell’Avana a Vienna

Il governo degli Stati Uniti sta indagando su una serie di casi di malattia tra diplomatici e personale dell’ambasciata a Vienna, in Austria. Più di due dozzine di persone hanno segnalato denunce simili alla sindrome dell’Avana, una condizione emersa per la prima volta tra i diplomatici nella capitale cubana, L’Avana.

I sintomi vanno da vertigini, disturbi dell’equilibrio, perdita dell’udito e ansia a ciò che i malati descrivono come “nebbia del cervello”, manifestata da problemi di concentrazione e dimenticanza, tra le altre cose.

I diplomatici statunitensi e canadesi sono stati i primi a lamentarsi di questi sintomi nel 2016 e nel 2017. La causa della malattia non è ancora nota, ma gli scienziati affermano che la malattia è molto probabilmente causata da radiazioni elettromagnetiche focalizzate.

centro di spionaggio

Scienziati statunitensi hanno scoperto anomalie minori nel cervello dei pazienti nel 2019. Cuba ha respinto questa indagine.

Il governo degli Stati Uniti sta indagando su nuovi casi con il ministero degli Esteri austriaco. Casi sono stati segnalati prima fuori L’Avana, ma non così tanti come ora a Vienna.

Vienna, dove hanno sede molte organizzazioni internazionali, è stata a lungo sede di molti diplomatici e aveva una buona reputazione come centro di spionaggio, soprattutto durante la Guerra Fredda. Gli Stati Uniti hanno anche una grande rappresentanza diplomatica lì.

Si tengono regolarmente discussioni internazionali, compresi i negoziati attualmente indiretti con l’Iran sul rilancio dell’accordo nucleare del 2015 con l’Iran.

READ  Il Nyiragongo continua a chiacchierare: Goma rabbrividisce davanti al vulcano più feroce d'Africa | all'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24