Ricercatori tedeschi: scoprire la causa di un raro ictus dopo la vaccinazione

Il mistero degli effetti collaterali molto rari ma gravi dei vaccini AstraZeneca e Janssen potrebbe essere stato risolto. I ricercatori tedeschi hanno rivelato una debolezza nell’effetto molecolare di questi vaccini. La ricerca è stata condotta da Rolf Marshallek dell’Università Goethe di Francoforte sul Meno È apparso questa settimana come prestampaArticolo accademico non ancora sottoposto a peer review.

Molti paesi hanno smesso di usare AstraZeneca e talvolta anche Janssen o lo hanno limitato a un gruppo meno grave a causa di gravi effetti collaterali. L’Autorità europea per i medicinali (EMA) afferma ancora che i benefici della vaccinazione per questi vaccini superano gli svantaggi. Un portavoce del Medicines Evaluation Board ha dichiarato in risposta: “La valutazione è ancora in corso per scoprire le possibili cause dei gravi e rari effetti collaterali”. Tuttavia, è ancora troppo presto per commentare obiettivamente questo argomento. Questo è ora un post pre-rilascio. Stiamo aspettando la pubblicazione finale “.

Unghie vaganti

Secondo il team di Marschalek, una cattiva gestione nel nucleo della cellula ospite può portare alla produzione di segmenti incompleti della proteina spike. Questi pezzi mancano dell ‘”ancora” che normalmente lega la proteina spike alla membrana cellulare. Ciò consente loro di muoversi intorno al corpo. Può legarsi ai recettori cellulari nella parete dei vasi sanguigni, proprio come il coronavirus che causa l’infezione. Queste porzioni limitate della proteina estranea sono riconosciute anche dagli anticorpi generati dal vaccino, che possono causare infiammazioni localizzate, con conseguente occlusione e perdita vascolare.

Questo potrebbe anche essere l’effetto nei pazienti con Covid-19 in condizioni critiche, che potrebbero sviluppare coaguli di sangue in qualsiasi parte del corpo. Scienziati tedeschi parlano provocatoriamente della “sindrome mimica indotta dal vaccino del virus Covid-19”.

READ  1,5 milioni di colpi di richiamo, un rapporto di pesanti contraccolpi

Ufficialmente, il raro effetto collaterale dei vaccini contro l’areola è chiamato “trombocitopenia immunitaria indotta da vaccino” (VITT). È una combinazione di formazione di coaguli di sangue e trombocitopenia (trombocitopenia).

I ricercatori britannici l’hanno scoperto già ad aprile Una spiegazione convincente per la scomparsa delle piastrine dopo la vaccinazione con AstraZeneca. Molto raramente, le proteine ​​del vaccino possono produrre anticorpi che attaccano il fattore piastrinico PF4 nel sangue. PF4 stimola la produzione di piastrine necessarie per la coagulazione. Infatti, gli anticorpi diretti contro PF4 sono stati trovati in molti, ma non in tutti, i pazienti con VITT.

Pochi giorni dopo lo scatto

Pertanto, secondo il tedesco Marschalek Team, è in funzione un secondo meccanismo, che potrebbe spiegare molte altre caratteristiche di VITT. Primo, nel momento in cui sono comparsi i sintomi; Non immediatamente, ma spesso da quattro giorni a un mese dopo l’iniezione. Ciò corrisponde all’incirca al tempo necessario al corpo per produrre anticorpi contro la proteina spike. Il fatto che l’effetto collaterale colpisca principalmente giovani uomini e donne può essere che il loro sistema immunitario reagisce in media in modo più aggressivo.

Ma l’argomento più forte nella teoria di Marschalek è che può essere utilizzato per spiegare perché gli effetti collaterali si verificano più frequentemente in AstraZeneca rispetto a Janssen, rispettivamente in 1 su 120.000 vaccini e 1 su 500.000. Le istruzioni per la proteina spike nel vaccino AstraZeneca contengono molti “breakpoint”, che sono luoghi in cui la conversione delle istruzioni del DNA in RNA messaggero può essere interrotta. I biologi molecolari chiamano questo meccanismo Connettività È un processo che avviene esclusivamente nel nucleo cellulare.

READ  Influenza e raffreddore: dovresti chiamare malato con il naso che cola?

Questo spiega anche perché non ci sono tali effetti collaterali per gli altri due vaccini approvati, Pfizer-BioNTech e Moderna. Questi vaccini forniscono direttamente RNA messaggero pronto per l’uso dalla proteina spike, che non entra mai nel nucleo cellulare.

Negli esperimenti con le cellule, Marschalek ha dimostrato che tale accorciamento potrebbe effettivamente verificarsi, innescando potenzialmente il vagabondaggio delle mutazioni.

In teoria, la sua ipotesi sembra essere corretta, ma le mutazioni vaganti e vaghe nel corpo umano devono ancora essere dimostrate, né nei pazienti con VITT né nei pazienti con Covid-19 grave.

“È un’ipotesi interessante con l’esperienza di accompagnamento, ma non è stata studiata nei pazienti”, afferma il professore di medicina interna Menno Huisman del LUMC di Leiden. Dovrebbe diventare.

19:50 Aggiunta: questo articolo è stato integrato dalla risposta di Mino Huisman

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24