Roma e Parigi porgono a Berlino i migliori saluti

Guardando avanti e scavando più a fondo: ecco la tua dose settimanale di Europamania: tutto ciò che devi sapere sugli sviluppi in Europa. In questa edizione: nuove amicizie nell’UE e nostalgie francesi.

Il presidente francese Emmanuel Macron (a sinistra) e il primo ministro italiano Mario Draghi in un recente incontro a Parigi.
Foto: Reuters

1. Gli italiani lottano all’Asse franco-tedesco…

Se l’asse franco-tedesco non gira, l’Unione Europea si fermerà. Il predominio di Parigi e Berlino a volte porta a disagio in altre capitali, ma dopo alcuni insulti tutti soccombono al destino e tornano agli affari come al solito. Ma ora l’hub potrebbe avere un terzo partner: l’Italia.

Il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro italiano Mario Draghi hanno firmato questa settimana un trattato per intensificare la cooperazione franco-italiana. L’accordo dovrebbe chiamarsi Trattato del Quirinale, dal nome del palazzo presidenziale di Roma dove le due parti firmeranno l’intesa.

Con il precedente governo italiano, sotto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, i rapporti tra Parigi e Roma erano a dir poco contraddittori. Ad esempio, l’Eliseo ha impedito all’italiana piazza Fincantieri di mettere le mani sulla francese piazza STX. I due paesi erano anche ai ferri corti sull’immigrazione (le guardie di frontiera francesi hanno violato i confini italiani per fermare le persone) e sulla Libia, dove Parigi e Roma hanno sostenuto diverse fazioni nella guerra civile.

Ma Macron è stato a lungo un migliore amico di Draghi, che ha assunto la carica di primo ministro nel febbraio di quest’anno. Ora le parti si trovano su più livelli. Parigi e Roma si sforzano di ottenere una maggiore indipendenza strategica per l’Unione Europea e condividono la stessa visione per la politica economica dell’Unione Europea.

Sebbene il testo del trattato che sarà firmato non sia ancora chiaro, sappiamo già che sia Macron che Draghi ritengono che le regole fiscali e sul debito dell’UE dovrebbero essere più flessibili. Ciò significa che i vecchi standard del Patto di stabilità e crescita non torneranno per quanto li riguarda.

READ  L'Italia lavorerà attivamente per i familiari del Coronavirus nell'Unione Europea

…e ora condividiamo le stesse visioni strategiche…

Che Roma attualmente abbia autonomia strategica, leggi: Nessun tappeto rosso per la Cina, sul serio, era evidente la scorsa settimana dalla notizia che Roma interviene nell’acquisizione cinese del produttore italiano di droni Alpi Aviation. Quella società era già nelle mani di investitori con legami con lo stato cinese nel 2018.

La Roma ora crede che lo Stato avrebbe dovuto giudicare l’acquisizione (Albi non è grande, i cinesi mettono sul tavolo 6 milioni di euro per il 75% delle azioni). Secondo la polizia italiana, la tecnologia militare potrebbe essere trapelata nella Repubblica popolare cinese e Alpi ora sta producendo droni in Cina.

Da allora il governo italiano ha chiesto chiarimenti ad Alpi e potrebbero essere in grado di annullare l’intero accordo. E il mese scorso, la Roma ha anche finalizzato l’acquisizione da parte di Syngenta (che era in mano cinese) di una società sementiera italiana. E prima dell’estate, Roma ha anche vietato alle società cinesi di acquisire LPE, produttore italiano di componenti per chip, e Iveco, produttore di camion.

Già in quel momento da Parigi c’erano applausi fragorosi per questi interventi. Se lo stesso rumore si sentirebbe a Berlino (o all’Aia) se francesi e italiani si inasprissero è discutibile quando si tratta di regole di bilancio dell’UE. A Berlino sta crescendo il Partito Liberale Democratico Assunzione del Ministero delle FinanzeCiò significa che la Germania seguirà un percorso attento nella revisione del Patto di stabilità.

Quindi, come girerà senza intoppi questo nuovo asse franco-italiano… Il trattato franco-tedesco arriva esattamente la settimana in cui il nuovo governo tedesco presenta il suo accordo di coalizione.

Michel Barnier si rifinisce i capelli per un po' in un vertice europeo di febbraio.
Michel Barnier si rifinisce i capelli per un po’ in un vertice europeo di febbraio.
Foto: Reuters

2. Il capo della Brexit Barnier parla della battaglia elettorale francese

In qualità di negoziatore dell’UE, Michel Barnier è stato, secondo diversi Stati membri, un campione europeo nei colloqui con il Regno Unito su un accordo sulla Brexit. Ma questo l’ha resa una federazione europea? Le sue memorie sulla Brexit pubblicate all’inizio di quest’anno suggeriscono che non è successo.

READ  La croata Rimac condivide la proprietà del marchio di auto sportive Bugatti

Questo diventa chiaro in vista del sondaggio. Il 4 dicembre, il suo partito conservatore di destra Les Républicains dovrà decidere chi adottare come candidato alla presidenza, con Barnier che sceglierà Xavier Bertrand e Valérie Pecres al secondo posto.

Il veterano 70enne si mette in agilità mentale nell’angolo dove si sentono a casa anche i suoi ex avversari di Londra. Mira a “fermare l’immigrazione” e per raggiungere questo obiettivo vuole ripristinare la “sovranità giuridica” dalla Corte di giustizia dell’Unione europea alla Francia. Ha suggerito che il giudice francese dovrebbe avere l’ultima parola sui casi di asilo qualche mese fa, nel panico a Bruxelles.

questa settimana Barnier (come il rivale Bertrand) abbracciò il muro che la Polonia voleva costruire Lungo il confine con la Bielorussia, ha scatenato in se stesso la nostalgia. Suggerisco che la Francia sia ricca Saggio di opinione su Le Figaro. Ma da quando i socialisti sono saliti al potere nel 1981, il paese è in declino, afferma Barnier.

Non è chiaro se si candiderà per il Partito della Repubblica. Se ciò accade, e Barnier raggiunge il secondo turno delle elezioni presidenziali, il presidente Macron (che ora guida le elezioni) avrà tempi molto più difficili. Gli analisti non danno per scontato che i candidati della destra radicale Zeymour o Le Pen, se raggiungono il secondo turno, abbiano una grande possibilità contro il capo dello Stato.

È chiaro, tuttavia, che l’immigrazione con questi candidati sarà il tema principale della campagna. Anche attraverso il presidente Macron, che spinge per la riforma della politica europea sull’immigrazione La punta di diamante è stata dichiarata Alla prossima presidenza francese dell’Unione Europea.

Europamania nella tua casella di posta?

Vuoi ricevere questa newsletter per l’Europa via e-mail ogni settimana? Allora registrati qui. Ecco gli episodi passati.

READ  Verstappen accolto come re dopo il GP Austria: "Prost spodestato dal trono"

A cosa dovremmo prestare attenzione questa settimana?

• Sta arrivando la Commissione Europea Martedì Con una proposta per la European Capital Markets Association. Leggi qui cos’è questo Perché il sindacato ne ha bisogno?

• Punti salienti del CEPS Brussels Research Center mercoledì come Modifica il processo di adesione Fino allo svuotamento dell’UE.

• Eletti i Democratici Cristiani Europei mercoledì Il loro candidato alla presidenza del Parlamento europeo. Esther de Lange (CDA) in gara; Leggi questo pezzo Scritto da F.D. Matigs Chivers.

• Sta arrivando la Commissione Europea giovedì Con una nuova edizione del Semestre Europeo, l’esercizio in cui misura gli Stati membri economicamente, finanziariamente e in termini di riforma. Leggi l’edizione 2020 qui.

• Anche giovedì I ministri dell’Economia dell’Unione Europea hanno discusso di regole rigide per i mercati digitali, che si applicano in particolare alle aziende tecnologiche come Google, Apple e Facebook. Leggi questa storia del giornalista FD Mattijs Chivers in preparazione.

• Offerte di Think Tank Bruegel giovedìseminario Web Sulle regole finanziarie che dovremmo applicare dopo la pandemia. Per coincidenza, FD ha anche una serie su questo.

Per saperne di più?

Ominius E la mobilitazione delle forze russe al confine con l’Ucraina? Kiev prendere in considerazione prossimo attacco invernale.

modificare Un partito anticorruzione ha vinto le elezioni in Bulgaria. Leggi questa analisi Sulle prospettive dell’alleanza. Il presidente rumeno Radev Da allora è stato rieletto.

il supporto Il governo francese sostiene il settore turistico gravemente colpito da Corona, con 1,9 miliardi di euro. L’industria deve Lavora in modo più sostenibile.

QED Come annunciato dalla precedente versione di Europamania, Bruxelles ha inviato un messaggio all’Ungheria e alla Polonia Richiesta di chiarimento sulle violazioni dello stato di diritto. Questo è un primo passo formale che potrebbe portare alla revoca del sostegno.

rosso Tradizionalmente, il rapporto tra partiti socialdemocratici e sindacati è stato intimo. Ma i sindacati devono pensarci, In questa analisi Dal sito web dell’economista Makronom.

FD Europamania è stato scritto da Han Dirk Hecking. Segui anche il profilo FD-Bruxelles Entra Rea Katz Matejs Chivers. Hai commenti o notizie? Dicci tramite [email protected]

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24