Rotta verso l’Italia per la consultazione con il PM Troki: ‘Investimento profondo’

Milioni di rifugiati, migliaia di civili morti e città massicciamente devastate: questa è esattamente l’oscura realtà dopo sei settimane di guerra. Nel frattempo, i leader mondiali cercano quasi quotidianamente una soluzione diplomatica. Il Primo Ministro Mark Rutte è oggi in Italia per parlare con il Primo Ministro italiano Mario Troy su possibili nuove sanzioni contro la Russia.

L’ex comandante dell’esercito Mart de Groove parla di “valore dell’indice” e “investimento profondo” quando viene a questo incontro nei Paesi Bassi di Good Morning. “Per molti anni abbiamo avuto rapporti un po’ difficili con i Paesi del Sud. Attualmente è in restauro. E che l’unità europea è essenziale anche in futuro.

Immagine generica

Secondo l’esperto italiano Sven Vanhout, l’incontro sarà fondamentale per diffondere un’immagine comune. “Sebbene abbiamo delle differenze per quanto riguarda il mercato del gas e dell’energia, possiamo raggiungere un accordo comune in Europa”.

A causa del conflitto in Ucraina, le relazioni si fanno più intense e l’Italia sta chiaramente scegliendo la parte europea e quella NATO, afferma Van Hout. L’incontro tra Rutte e Draghi mostra che “potremmo aver vissuto alcune lotte tra Olanda e Italia negli ultimi anni, e in questo senso i primi ministri sono dalla stessa parte”.

L’Italia applica le sanzioni meglio dell’Olanda

Inoltre, l’attuazione delle sanzioni contro la Russia in Italia è molto migliore che nei Paesi Bassi. Dall’inizio della guerra, il Paese ha chiuso le ville e le barche degli oligarchi russi per un valore di quasi un miliardo di dollari. Secondo l’economista Edin Mujagic, ciò è dovuto alla pluriennale esperienza del governo italiano nel trattare con la mafia. “Quell’esperienza è molto utile in tutta Europa in questo momento, quindi posso solo immaginare che Rutte ci vada”, dice.

READ  Remco Evenpol lascia la Coppa del Mondo e corre in Italia, con tre belgi al suo fianco

Mujajik ha anche sottolineato che nel contesto dell'”unità europea”, Paesi Bassi e Spagna si sono uniti la scorsa settimana con una proposta su come gestire la finanza finanziaria nell’UE. Il piano prevede più tempo per ridurre il debito nazionale della zona euro.

“Spagna e Paesi Bassi saranno sempre completamente contrari in questa materia”, ha detto Mujajik. “Quindi puoi vedere i Paesi Bassi che cercano di migliorare le relazioni con paesi che prima non erano ottimali”.

Per saperne di più: Nuove sanzioni europee prendono di mira le figlie di Putin, ma Zhelensky ne sente di più

Fonte: Marinka Wagemans

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24