Scontri in Italia dopo che la polizia ha picchiato con i manganelli i manifestanti filo-palestinesi

Sono circolate online immagini di giovani manifestanti non violenti picchiati dalla polizia antisommossa, a volte fino a sanguinare. E tra i comuni cittadini e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha invitato il ministro dell'Interno Matteo Piantedosi a dire che “il potere non si esercita con il bastone”.

Eppure è successo venerdì nelle città toscane di Pisa e Firenze, dove diverse centinaia di giovani manifestanti – tra cui molti studenti – sono scesi in piazza in solidarietà con il popolo palestinese.

In quel giorno video Tra le altre cose, si possono vedere le forze di sicurezza che radunano giovani in tenuta antisommossa in un vicolo e li picchiano con i manganelli. I giovani si coprono la testa con le mani. Una giovane ragazza di nome Maria sanguina dal viso. In altre immagini, i giovani giacciono a terra.

Maria è una studentessa di economia di 21 anni che va ad una manifestazione a Firenze. La giovane donna ha riportato la rottura del naso e un taglio sotto l'occhio destro quando la polizia l'ha colpita al volto. In cambio media italiani Ha detto che aveva intenzione di presentare una denuncia e, come altri manifestanti, è rimasto a guardare quando la polizia ha improvvisamente caricato e ha iniziato a tirare pugni.

Scuola Media di Pisa

Gli insegnanti del liceo Russoli di Pisa, vicino al luogo della protesta avvenuta venerdì in città, hanno reagito con rabbia. “Abbiamo ricevuto ragazzi e ragazze della nostra scuola in totale shock per il pestaggio”, hanno detto in una dichiarazione su quello che hanno descritto come un “giorno di vergogna”. Chiedono a qualcuno di assumersi la responsabilità. Diciotto giovani, tra cui dieci minorenni, sono stati portati al pronto soccorso dell'ospedale locale per essere curati.

READ  Bruno Hoke (RKAVV) con Orange CB per il Campionato Europeo in Italia

Un passo Ricostruzione Per giornale Repubblica di La Il ministro dell'Interno Matteo Piantedosi (indipendente, ma vicino alla Lega, partito di destra) ha inizialmente reagito furiosamente alle immagini dell'azione della polizia. Quando ha ricevuto una telefonata dal presidente della Repubblica italiana, ha ammesso che ciò era inaccettabile. Ma il ministro ha poi fatto marcia indietro, dicendo che la polizia voleva proteggere solo “luoghi sensibili” come il consolato americano a Firenze e la sinagoga di Pisa.

Quel passo indietro è avvenuto di conseguenza Repubblica di La Dopo che il primo ministro Georgia Maloney ha decretato la tassa. “Siamo incondizionatamente dalla parte della polizia”, ​​disse all'epoca il governo, “a differenza della sinistra, dalla parte dei rivoltosi”: una provocazione all'opposizione, che pretendeva che il ministro dell'Interno si presentasse per dare spiegazioni al parlamento. “Se sono stati commessi atti illeciti personali, verranno indagati”, ha aggiunto il governo. “Ma tutto è iniziato con una manifestazione non autorizzata. Punto.”

Per saperne di più
La Meloni tace sulla manifestazione neofascista

ஞாயிற்றுக்கிழமை மாலை ரோமில் மூன்று நவ-பாசிஸ்டுகளின் நினைவேந்தலில் பாசிச வணக்கம்</strong>.” class=”dmt-article-suggestion__image” src=”https://images.nrc.nl/rTF32uXbx0r1yTH2TsjIQP_GkEY=/160×96/smart/filters:no_upscale()/s3/static.nrc.nl/images/gn4/stripped /data109990265-afc404.jpg”/></p>
<p>In uno piccante <a target=Analisi Su La Repubblica, rivista vicina all'opposizione, Massimo Giannini definisce le brutali azioni della polizia a Firenze e Pisa “manifestazioni del clima totalitario che questo governo alimenta ogni giorno”.

Gli eventi di venerdì non sono i primi. Da quando il campo di destra della Meloni è salito al potere in Italia nell’ottobre 2022, ci sono stati quattro scontri tra studenti in protesta e polizia.

In contrasto con altre manifestazioni

Molti italiani sono rimasti colpiti da questo contrasto: mentre le manifestazioni filo-palestinesi di scolari disarmati sono state duramente represse, centinaia di neofascisti a Roma in gennaio hanno potuto fare senza ostacoli il saluto fascista. Da allora in poi il governo è rimasto in silenzio. Ma la settimana scorsa la polizia ha effettuato controlli d'identità su una manciata di persone che avevano organizzato una piccola commemorazione a Milano per il dissidente russo Alexei Navalny. “Viva l'Italia antifascista!” durante uno spettacolo al Teatro alla Scala di Milano. Uno spettatore di un concerto che ha gridato che recentemente ha dovuto identificarsi alla polizia. egli esclamò.

READ  Il preside licenziato vince il premio in Italia per David nudo

“Questo è lo spirito del tempo”, scrive, “e anche le forze di sicurezza se ne divertono”. Questi non sono segnali che il fascismo tornerà presto in Italia, ammette, “ma questa destra morde tutto ciò che sembra strano, insolito o deviante. Tutto riceve una risposta immediata dalla polizia. È una forma di dittatura morbida”.

Sabato a Milano si è svolta un'altra, e molto più grande, manifestazione a favore della Palestina. Hanno partecipato migliaia di manifestanti. Un poliziotto ha riportato ferite lievi.



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24