Non è stato molto divertente per un momento, ma le parole “Annemarie Jorritsma” e “umorismo” da sole hanno fatto ridere involontariamente la gente.

Alex Mazerio

Questi sono tempi strani per l’umorismo. Per anni non hai sentito altro che: “Di questi tempi non è permesso scherzare su nulla” (om Passerella del parco– Alunno Ton Kass: Non puoi nemmeno più flirtare!) Poi la soluzione al “problema dell'umorismo” viene improvvisamente presentata in un normale venerdì sera a In 1.

Nel programma settimanale “Politics Friday” di questo talk show ci stavamo davvero scuotendo la pancia. Naturalmente, queste parole ora creano anche aspettative per te. Chi diavolo era seduto al tavolo laggiù? Tiggle pickand di nuovo?

No, l'esca comica di questa settimana si è rivelata niente meno che Anne-Marie Jorritsma, che, in quanto membro senior del partito VVD (Ton Elias e Ed Nijbels probabilmente non hanno potuto partecipare), è venuta a tenere una conferenza sulla scomparsa dell'umorismo in politica. Diavolo, avevamo bisogno di ridere un po' di più, quindi Jorritsma ha ricordato “il tempo in cui L'Aia a volte cominciava a ridere”.

Non ci sono stati esempi di successo, e non è mai stato divertente, ma le parole “Annemarie Jorritsma” e “umorismo” da sole hanno fatto ridere involontariamente la gente.

Annemarie Jorritsma tiene una conferenza sull'umorismo dall'Aia.Una foto

Forse più interessante è il “Venerdì politico”. In 1 Inoltre non è possibile riassumerlo. I redattori di talk show una volta ebbero l'idea (non illogica) che presentatori come Paul De Leeuw e Astrid Joosten dovessero iniziare il fine settimana in modo spensierato. Quei giorni sono ormai passati: il venerdì sera è ormai essenzialmente una serata di seria azione politica, con Sven Kockelmann come suo fidato interrogatore. In tali trasmissioni riceviamo, ad esempio, una dura intervista con il ministro delle partenze Ernst Kuipers e una conversazione con l'intero consiglio comunale di Lelystad sull'accordo comunale lì. Passa un bel weekend!

READ  Il principe Harry ritira la causa per diffamazione contro Mail on Sunday e paga le spese | famiglia reale

Dopo la conferenza sull'umorismo di Jorritsma, fortunatamente abbiamo ricevuto altre lezioni di commedia sabato sera, all'inizio della seconda stagione di Con Van Duyne sul sedile posteriore. In questo programma, il favorito del pubblico Andre Van Duyne invita un collega comico a sedersi sul sedile posteriore di una vecchia macchina, dove l'ospite parla con Van Duyne della professione e delle fonti di ispirazione mentre si reca sul palco. Nel mezzo, Van Duyne e il suo ospite (questa volta Richard Groenendijk) discutono se – sì, è successo di nuovo! -C'è ancora qualcosa di cui ridere in questi giorni.

Van Duyne non è un comunicatore naturale, ma è il miglior interlocutore che si possa immaginare, come il nonno gentile e saggio seduto su una panchina del parco, che da tempo ha visto e sperimentato tutto e soprattutto mette il suo ospite al posto che gli spetta. Facilita. Questa è la migliore televisione artistica, che celebra le arti in modo vivace e accessibile, come uno spettacolo Classici con Kleinsma L'ho fatto di recente con le canzoni del cabaret olandese. Soprattutto i programmi dimostrano che celebrare la (piccola) arte non deve essere una faccenda tremendamente seria.

La domanda che mi frulla in mente da giorni è: è possibile chiedere davvero all'esperta di umorismo Anne-Marie Jorritsma?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24