Secondo la Banca Mondiale, per ricostruire l’Ucraina saranno necessari circa mezzo trilione di dollari al di fuori

Il costo della ricostruzione dell’Ucraina nei prossimi dieci anni è stimato a non meno di 486 miliardi di dollari (453 miliardi di euro). Lo riferisce la Banca Mondiale in un nuovo rapporto un report.

Il rapporto è stato preparato congiuntamente dalle Nazioni Unite, dalla Commissione Europea e dal governo ucraino. Il rappresentante della Banca Mondiale per l'Europa dell'Est parla di una “somma incredibilmente grande”.

Secondo il rapporto, quasi 2 milioni di case e appartamenti sono stati danneggiati o distrutti. Si dice che siano stati danneggiati anche circa 8.400 chilometri di strade, duecento stazioni ferroviarie e quasi trecento ponti.

I condomini e le case distrutti o distrutti rappresentano la componente più grande dei danni, ma anche riparare strade, ponti e reti elettriche costerà molto denaro. Inoltre, giocano un ruolo importante anche la rimozione dei detriti e la perdita di commercio e di reddito.

Si stima che circa 5,9 milioni di ucraini siano fuggiti nei paesi dell’Unione Europea. In Ucraina, altri 3,7 milioni di persone sarebbero fuggite dalle violenze.

L’anno scorso i costi erano stimati a 411 miliardi di dollari. Il rapporto copriva il periodo che va dall’invasione russa nel febbraio 2022 fino all’ultimo giorno dello scorso anno.

Il governo olandese ha annunciato a novembre che avrebbe stanziato due miliardi di euro per sostenere l’Ucraina. Più di 100 milioni di euro sono stati riservati per il sostegno nel 2024. Di questi, 83 milioni di euro sono destinati al lavoro di recupero e sanitario.

READ  Un uomo armato è stato ucciso nella chiesa del famoso predicatore televisivo americano Joel Osteen

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24