Secondo la CIA, non ci sono prove che la Russia o altri paesi causino la sindrome dell’Avana

La CIA non presume che la Russia e altre potenze straniere siano responsabili della cosiddetta sindrome dell’Avana dei diplomatici e delle loro famiglie. Il servizio di sicurezza statunitense ha esaminato mille casi, in soli 24 casi non sono state escluse interferenze straniere.

Casi di sindrome dell’Avana si sono verificati in Cina e Vietnam, Austria in un Colombia. È un caso misterioso visto per la prima volta tra diplomatici americani e canadesi a Cuba nel 2016. I reclami vanno da vertigini a difficoltà di concentrazione, disturbi dell’equilibrio, perdita dell’udito e ansia. A volte è anche una combinazione di lamentele descritte come “nebbia del cervello”.

Le ragioni delle denunce non sono completamente spiegate. Si è fatto riferimento, tra l’altro, alla Russia, che causerebbe denunce Armi a microonde concentrate. Anche altri paesi come Cina e Cuba sono stati identificati come possibili colpevoli.

Stress e condizioni mediche non rilevate

Ci sono teorie molto diverse sul perché la colpa sia del suono del corteggiamento dei grilli o degli insetticidi usati per uccidere le zanzare.

Secondo la CIA, la maggior parte dei casi può essere spiegata da stress, condizioni mediche non diagnosticate in precedenza o condizioni ambientali. Molte vittime sono rimaste scioccate dai risultati, scrive per il New York Times. Non è stato fatto abbastanza con i risultati che si sentono suoni estranei nell’ambiente o che si misurano radiazioni elettromagnetiche inspiegabili.

Non ancora finito

La CIA afferma che i risultati non mettono in discussione “il fatto che i nostri dipendenti riferiscano esperienze reali e abbiano sintomi reali”. La CIA inoltre non esclude la possibilità che armi a microonde schierate da altri paesi possano essere la spiegazione nei 24 casi la cui causa non è stata ancora determinata.

READ  Una madre che combatte contro un puma trascina il figlio di 5 anni nel cortile di casa negli Stati Uniti: "Salvare la vita di un bambino" | All'estero

In risposta, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha affermato che l’indagine è ancora in corso e ha affermato: “Continueremo a fare tutto il possibile per capire cosa è successo, perché e chi potrebbe essere responsabile”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24