Sempre più aziende stanno adottando carburanti alternativi e soluzioni di mobilità per la loro flotta

Arval Mobility Observatory, un esperto del settore nel monitoraggio e nella previsione delle tendenze della mobilità, ha pubblicato i risultati dell’ultimo indicatore nei Paesi Bassi. L’indicatore 2022 è stato condotto tra il 5 gennaio e il 9 marzo 2022. Sebbene l’indagine sia stata nuovamente condotta in un ambiente di incertezza, le prospettive per la crescita della flotta rimangono sostanzialmente positive. Continua il passaggio all’elettrificazione e le soluzioni di mobilità alternativa confermano le tendenze attuali.

Quali tendenze stiamo vedendo?

1. Le aziende olandesi si fidano della loro flotta

Il barometro mostra che un’ampia percentuale di aziende olandesi ha fiducia nel futuro. Fino al 95% degli intervistati prevede che la propria flotta rimanga stabile o cresca nei prossimi tre anni. Solo il 5% prevede una diminuzione della propria flotta. L’incremento atteso è dovuto principalmente a ragioni economiche, seguite a breve distanza da problematiche legate alle risorse umane quali il reclutamento e la fidelizzazione dei talenti. Quest’ultimo punto è passato dal 26% al 48% (rispetto al 2021).

È anche degno di nota il fatto che, nonostante gli sviluppi legati al lavoro da casa, questo nuovo modo di lavorare non ha un impatto significativo sui piani di mobilità dei datori di lavoro. Solo il 9% delle aziende ha iniziato o sta valutando la possibilità di modificare la propria flotta e politiche di mobilità in risposta a questa tendenza.

2. Continuare l’elettrificazione delle flotte

Quest’anno, 6 aziende su 10 hanno offerto almeno un carburante alternativo per le loro autovetture. I Paesi Bassi sono in testa alla media europea in questo senso. Ciò vale anche per l’adozione di ibrido(36%), Spina ibrida(33%) e 100% BEV (32%) all’interno delle flotte.

READ  Il Napoli frusta in casa. Peter Boss segna 3-4 vittorie

Il motivo principale del passaggio a carburanti alternativi sia per le autovetture che per le targhe grigie (autobus commerciali) è e continua ad essere l’impatto sull’ambiente. Per le autovetture, la percentuale di aziende che motivano questo motivo è aumentata dal 53% al 59% rispetto al 2021. Con targhe grigie dal 40% al 52%. Questo dovrebbe diventare sempre più importante anche in futuro. Le obiezioni citate al passaggio a una flotta di veicoli 100% elettrici sono principalmente l’alto prezzo di acquisto e le sfide relative alla spedizione.

“Sorprendentemente, il prezzo di acquisto di un veicolo elettrico è un’obiezione molto citata. Perché il costo totale di proprietà (costo totale di proprietà) per un’autovettura completamente elettrica è inferiore al mese rispetto a un’auto a benzina simile con un acquisto inferiore prezzo.” – Argus Butt, capo dell’Osservatorio sulla mobilità di Arval nei Paesi Bassi

3. Vengono utilizzate sempre più soluzioni di mobilità alternativa

In termini di soluzioni di mobilità, anche i Paesi Bassi superano la media europea. Più di 8 aziende su 10 hanno dichiarato di aver implementato almeno una soluzione di mobilità. Circa il 29% di questi prevede di utilizzare una piattaforma o un’app anche per questo. In particolare, le grandi aziende stanno aprendo la strada qui. Queste soluzioni alternative sono spesso offerte (in 9 aziende su 10) come complemento al sistema esistente. Non sostituire le auto aziendali. La maggior parte degli intervistati ha indicato di non voler rinunciare a tutta o parte della flotta aziendale.

4 aziende su 10 sono interessate a fornire un budget di mobilità per i propri dipendenti. Lo stesso problema ha anche una strategia per ridurre le emissioni di anidride carbonica. Ancora una volta, la maggior parte di queste aziende sono più grandi.

READ  Ricercato: gli chef del sud Europa vogliono essere ai fornelli qui

Metodologia 2021/2022

In questo studio indipendente, 7.576 gestori di flotte sono stati intervistati dalla società di ricerca indipendente Ipsos tra il 19 novembre 2021 e l’11 marzo 2022. I partecipanti sono stati reclutati telefonicamente e intervistati in vari modi: tramite un’intervista telefonica completa o tramite un sondaggio online. Quest’anno l’ambito è stato ampliato da 20 a 26 paesi: Austria, Germania, Belgio, Spagna, Francia, Grecia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, Svizzera, Finlandia, Danimarca , Norvegia Svezia, oltre a Russia, Turchia, Marocco, Cile, Perù e Brasile. Le aziende della gamma hanno almeno un veicolo nella loro flotta.

La distribuzione degli intervistati nei Paesi Bassi era la seguente:

  • Il 33% erano aziende con meno di 10 dipendenti
  • Il 20% erano aziende con 10-99 dipendenti
  • Il 27% erano aziende con 100-499 dipendenti
  • Il 20% erano aziende con 500 o più dipendenti

Informazioni sull’Osservatorio sulla mobilità di Arval

L’Arval Mobility Observatory è ampiamente riconosciuto come uno dei principali centri di ricerca e informazione del settorePiattaforme di interscambio nel settore flotte e mobilità. Mira a raccogliere e presentare informazioni obiettive e accurate da condividere con pubblici diversi, aiutarli a comprendere meglio il nuovo mondo della mobilità in cui operiamo e supportarli nella navigazione nella giungla che deve fare i conti con la scelta sempre crescente di soluzioni di mobilità disponibili.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24