Si prevede che in autunno Berlino prenderà una decisione sull’interesse per la divisione difesa della Thyssenkrupp

Si prevede che Berlino deciderà entro poche settimane se prendere una partecipazione nella divisione navi da guerra della ThyssenKrupp, di cui il gruppo vuole sbarazzarsi, ha detto venerdì un alto funzionario sindacale, aggiungendo che questa è una condizione per qualsiasi vendita.

Daniel Friedrich, del più grande sindacato tedesco IG Metall, ha affermato che la questione del coinvolgimento statale o di un più ampio sostegno governativo alla Thyssenkrupp Marine Systems (TKMS) è cruciale nei colloqui in corso con i potenziali acquirenti.

“Non c’è alcun rifiuto riguardo alla partecipazione statale”, ha detto Friedrich, che dirige la divisione IG Metall che rappresenta i lavoratori nelle zone costiere, riguardo alla TKMS, che costruisce sottomarini e fregate.

“Era chiaro che lo Stato avrebbe dovuto agire in modo diverso rispetto al passato”, ha detto, riferendosi alla riluttanza di Berlino a svolgere un ruolo nel consolidamento del settore che le aziende da tempo ritenevano necessario.

Il Ministero degli Affari Economici non ha rilasciato commenti immediati.

Thyssenkrupp è alla ricerca di un futuro indipendente per TKMS e ha menzionato una IPO, una vendita parziale o una fusione come opzioni per raggiungere il suo obiettivo.

Il sostegno dei dipendenti è vitale per qualsiasi transazione importante alla Thyssenkrupp, dove IG Metall ha tradizionalmente goduto di una grande influenza. Il sindacato ha invitato Berlino ad acquisire una quota di minoranza del 25,1% in TKMS.

Un ulteriore punto critico nelle discussioni sono le cosiddette garanzie che TKMS deve fornire ai clienti per garantire ordini e pagamenti anticipati, secondo due persone informate sulla questione. Secondo uno di loro, il valore di questi titoli supera i 10 miliardi di euro (10,7 miliardi di dollari).

READ  Le obbligazioni dell’Eurozona rimangono stabili dopo che i funzionari della BCE hanno rifiutato i tagli anticipati dei tassi di interesse – 21 novembre 2023 13:03

“Conto che i ministeri competenti e la Cancelliera forniscano chiarimenti nelle prossime settimane”, ha detto Friedrich, “ci deve essere qualche movimento su questo tema prima della fine dell’autunno”.

Thyssenkrupp è ancora in trattative con un piccolo gruppo di potenziali acquirenti, tra cui la società di private equity Carlyle, per vendere una partecipazione in TKMS, secondo persone a conoscenza della questione.

ThyssenKrupp e Carlyle hanno rifiutato di commentare.

A luglio, l’amministratore delegato della rivale italiana Fincantieri ha dichiarato che il gruppo era aperto a colloqui con Thyssenkrupp su potenziali accordi relativi a TKMS, aggiungendo che qualsiasi collaborazione tra le due società creerebbe nuovo valore. ($1 = 0,9344 euro) (Segnalazione di Christoph Stetz e Tom Kaeckenhof; Segnalazione aggiuntiva di Reham Al-Kousa; Montaggio di Emilia Sithole-Matarise)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24