Sligro dovrebbe diventare un’azienda di supermercati?

attraverso: J lume

· Il tempo di lettura è di 3 minuti

opinione

Ieri il gruppo Sligro Food è stato aggredito nella sezione “Bartjens” di Het Financieele Dagblad. la ragione? La settimana scorsa, questa specialità aziendale nel settore dell’ospitalità era “in movimento” con i numeri del terzo trimestre. Le prime frasi del comunicato dicono basta. “Dopo un’estate dal clima mite, abbiamo visto il sentiment dei consumatori sia nei Paesi Bassi che in Belgio invertirsi e la spesa diminuire a causa del clima economico e dell’incertezza sulla loro situazione finanziaria”.

“Ciò si riflette anche nelle spese per ristoranti e luoghi di intrattenimento. Assistiamo anche a un numero crescente di fallimenti e scioperi nel settore della ristorazione, che causano un calo dei volumi sul mercato. Considerando l’elevato tasso di inflazione, lo sviluppo di il fatturato resta positivo”, continua Sligrow.

Bene. Elevato turnover solo a causa dell’inflazione. Ciò che sentiamo nel settore dei supermercati, lo sentiamo ancora di più nel settore della ristorazione, ed è comprensibile. Partjens sottolinea che negli affari a volte viene venduta la cosa sbagliata. In retrospettiva, Philips non avrebbe mai dovuto vendere ASML e NXP. Anche se non sai se queste parti vendute hanno “pagato” sotto la casa madre.

Sligro Food Group ha venduto la catena di supermercati Emté a Jumbo e Coop nel 2018 per 410 milioni di euro (Foto: ……., Fonte: archivio FoodPersonality). Bartjens riferisce: Emte non ha avuto abbastanza spazio per prendere posizione contro Albert Heine e Jumbo. “La formula ha perso quote di mercato”.

Da qui la storia successiva dello Sligrow Food Group. Sligro Food Group ha iniziato con i ricavi in ​​Belgio, per costruire in quel paese la stessa posizione di mercato che abbiamo qui nei Paesi Bassi. Ma le cose non sono andate bene. Poi è arrivato il periodo Corona, un periodo disastroso per tutto ciò che riguarda la ristorazione. Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, i costi e quindi i mezzi di sostentamento dei consumatori sono aumentati vertiginosamente al punto che sono stati costretti a chiudere i bilanci. Ma non puoi vivere senza cibo, quindi compri cibo e bevande al supermercato. Ma puoi evitare di mangiare fuori.

READ  La mafia italiana rappresenta una minaccia strisciante per l’economia olandese

Quindi “ancora una volta”, dice Bartens, “Sligro è nell’angolo dove cadono i colpi”. Da quando è stata annunciata la vendita di Emté, le azioni di Sligro Food Group sono scese della metà, mentre le azioni di Ahold Delhaize e Tesco – anch’esse misurate dal giorno di quell’annuncio – sono aumentate rispettivamente dell’80 e del 70%. Messaggio agli investitori in Sligrow Foods Group; Scommettere sul cavallo sbagliato.

Non c’è molto di cui discutere. Stiamo solo cercando di immaginare se Sligrow avesse fatto il contrario. Pertanto Sligro Food Group ha mantenuto il ramo di vendita al dettaglio di prodotti alimentari e ha venduto il ramo di servizi di ristorazione alcuni anni fa. Con la pandemia di Corona e il picco dell’inflazione in arrivo: sì, una buona idea. Ma poi ignori alcune cose importanti. Presso Sligro Food Group i servizi di ristorazione hanno sempre rappresentato due terzi del fatturato e la vendita al dettaglio di generi alimentari un terzo. Il servizio di ristorazione era in realtà il DNA di Sligro, con Prisma Food Group acquisito solo nel 2000 o 2001, e l’allora piccola azienda regionale del Brabante Emté solo nel 2006.

Erano poco più di venti filiali. Sligro Food Group ha passato tutto a Emté, ma alla fine Sligro Food Group non è riuscito a generare rendimenti sufficienti dalla formula Emté. Anche il CEO Koen Slippens ha dichiarato in seguito: Quando C1000 è diventato troppo grande ed è stato acquistato dal suo concorrente Veghel Van Eerd, la grande opportunità di raggiungere dimensioni sufficienti e rendimenti sufficienti è andata perduta.

Bartjens ha ragione mentre riflette, senza ulteriori indugi. Ma il contrario potrebbe essere molto peggio. Inoltre: con 130 filiali, Emté non era certo grande come AH o Jumbo, ma era sicuramente molto più grande di Vomar, Hoogvliet, Jan Linders e altri “colleghi della Superunie” dell’epoca. Perché Emté non ha avuto abbastanza successo da ottenere il rendimento del 3% che Sligro Food Group voleva dalla sua filiale di vendita al dettaglio di prodotti alimentari? La formula era “così carina” con tutti quei versetti speciali e quelle aree del ministero?

READ  Cresce l'insofferenza per la resistenza dell'Italia alla rete di sicurezza delle banche in difficoltà

La strategia dei “campioni dell’assortimento” non è stata abbastanza efficace o era semplicemente troppo poco, come le torte Den Bosch, questi gourmet, la pasta italiana, ecc.? Un tempo si sussurrava nei corridoi che anche Sligro Food Group non sapeva perché il cliente non si “realizzasse” di tutte quelle iniziative e di tutti i vantaggi della formula. Cosa succederebbe se la tua filiale di servizi di ristorazione realizzasse un profitto e quella filiale aprisse un grossista Sligro dopo l’altro e andasse bene? Quindi il ragionamento di Bartjens è: solo teorico.

Poi questo. Quando Sligro Food Group ha deciso di acquisire grossisti di ristorazione in Belgio, gli imprenditori belgi della ristorazione non sono stati subito entusiasti. Gli chef belgi, patriottici per la loro “cucina borgognona”, non furono immediatamente colpiti dai fornitori di prodotti olandesi. Secondo loro, i Paesi Bassi sono una cucina calvinista. Le emozioni possono essere crude.

Ciò è un po’ esagerato, ma certamente comprensibile per chi segue gli affari e la geopolitica olandese; Prova a immaginare cosa accadrebbe se Huawei facesse un’offerta per acquistare ASML.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24