TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Stati Uniti e NATO: tutti i soldati lasciano l’Afghanistan | all’estero

Secondo il segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen, ora spetta agli afgani raggiungere una pace duratura nel loro paese. Secondo lui, ciò richiede un trattato di pace globale: “Questo pone fine alla violenza e pone fine alla violenza. Protegge i diritti umani di tutti gli afgani, in particolare donne, bambini e minoranze; sostiene lo stato di diritto. e questo garantirà che l’Afghanistan non sia mai più un rifugio sicuro per i terroristi “.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato il ritiro degli Stati Uniti, dicendo: “È ora di porre fine alla guerra più lunga d’America. È ora che le nostre truppe tornino a casa”. In precedenza era in contatto con il suo predecessore, George W. Bush, che ha inviato i primi soldati. Biden ha detto che ci è voluto troppo tempo. Ora sono il quarto presidente americano a supervisionare la presenza militare statunitense in Afghanistan. Due repubblicani e due democratici. Non trasferirò questa responsabilità a una quinta persona “.

Il Segretario di Stato uscente Steve Block ha dichiarato mercoledì alla riunione aggiuntiva del Consiglio NATO che anche l’Afghanistan dovrebbe ricevere sostegno dopo il ritiro, in modo che i guadagni in termini di sicurezza realizzati negli ultimi 20 anni non vadano persi.

Il ministro ha affermato che dopo vent’anni di esistenza della NATO, l’Afghanistan non è più una base per il terrorismo internazionale. Block ha sottolineato che i paesi dovrebbero prestare attenzione a questo.

Maggio

Gli Stati Uniti, come la NATO, inizieranno il loro ritiro definitivo il 1 maggio. Non ci sarà una gara di uscita rapida. Biden ha detto: “Lo faremo in modo responsabile, ponderato e sicuro, e lo faremo in piena collaborazione con i nostri alleati e partner, che ora hanno più forze in Afghanistan di noi”.

READ  Sei mesi dopo la sconfitta di Trump, il conteggio ricomincia

Biden ha detto che lasciare l’Afghanistan, dove la mente degli attacchi di Osama bin Laden era inizialmente radicata, non significava la fine della guerra al terrorismo. Gli Stati Uniti continueranno a lavorare per garantire che non si ripresenti. Ora l’attenzione dell’America sulle minacce terroristiche è necessaria altrove. Secondo il presidente, anche una Cina sempre più assertiva richiede maggiore attenzione.

Biden ha sottolineato che gli Stati Uniti continueranno a sostenere il popolo afghano attraverso progetti di sviluppo, aiuti umanitari e sostegno alla sicurezza. Washington e la NATO hanno anche messo in guardia i talebani dall’attaccare le forze internazionali.

I talebani rifiutano il programma di ritiro dei militari stranieri dall’Afghanistan. Il movimento islamico radicale è impegnato per la data del 1 maggio, concordata con gli Stati Uniti lo scorso anno, entro la quale tutti gli stranieri devono partire. “L’Emirato islamico dell’Afghanistan vuole il ritiro di tutte le forze straniere dalla nostra patria entro la data specificata nell’accordo di Doha”, ha detto mercoledì su Twitter il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid. E ha avvertito che la violazione dell’accordo di Doha avrebbe avuto conseguenze.

Il presidente afghano Ashraf Ghani ha pronunciato parole rassicuranti per il futuro prima del discorso di Biden mercoledì. “Le orgogliose forze di sicurezza e difesa sono pienamente in grado di proteggere il paese e la sua gente, cosa che hanno sempre fatto e la nazione afghana gli sarà sempre grata”.

Aggiornamento pranzo

Aggiornamento delle notizie più importanti ogni giorno durante il pranzo.

Indirizzo email non valido. Si prega di compilare di nuovo.

Leggere Qui La nostra politica sulla privacy.