Sydney riapre ai turisti, il resto dell’Australia resta chiuso | All’estero

Finora, solo gli australiani o i residenti permanenti in Australia possono entrare nel Paese, soggetti a un obbligo di quarantena di 14 giorni. Ma il Nuovo Galles del Sud, che è recentemente emerso dal blocco e dove è stato vaccinato oltre il 70% della popolazione ammissibile, sta ora assumendo un ruolo guida nel modificare le regole.

Dal 1° novembre, gli stranieri potranno recarsi all’aeroporto di Sydney se possono dimostrare di essere stati vaccinati e presentare un test di coronavirus negativo prima di salire a bordo dell’aereo. In questo caso, saranno esentati da qualsiasi forma di quarantena. I viaggiatori non vaccinati rimarranno in quarantena in un hotel medico.

È previsto l’annuncio del Nuovo Galles del Sud del piano nazionale per riaprire i confini dell’Australia. “Non possiamo vivere qui in un regno eremita. Molte aziende dipendono dal turismo per il loro commercio e affari”, ha affermato Dominic Perrottet, Primo Ministro del Nuovo Galles del Sud. Le regole attuali consentono ad almeno 2.000 turisti a settimana di accedere all’aeroporto di Sydney, che è stato uno degli aeroporti più trafficati al mondo prima della pandemia.

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha accolto con favore la decisione del NSW, ma ha affermato che la riapertura dello stato sarà in fasi. “Voglio essere chiaro: non tutti potranno entrare in Australia allo stesso tempo”, sembra.

READ  L'ex presidente kazako Nazarbayev fa un passo indietro

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24