Taiwan si prepara alla possibile invasione della Cina: 'Dobbiamo contare su noi stessi'

Taiwanesi nella capitale Taipei

Noos Notizie

  • Sjoerd den das

    Corrispondente dalla Cina

  • Sjoerd den das

    Corrispondente dalla Cina

“E quelli che giocano con il fuoco si bruciano.” A parole, Wang Yi ha messo ancora una volta in guardia i taiwanesi a margine del Congresso popolare contro la scelta dell'indipendenza formale.

Il ministro degli Esteri cinese sa anche che recenti sondaggi d’opinione mostrano che la stragrande maggioranza dei taiwanesi vuole mantenere lo status quo, che di fatto significa indipendenza. Sullo sfondo degli avvertimenti di Pechino, l'isola sta conducendo un addestramento completo in previsione di una possibile invasione cinese.

“Assicurati di stare fermo”, dice la voce dal piano di sotto in una strada sconosciuta alla periferia di Taichung. Tieni traccia di diversi scatti. “Ruota i piedi di lato, in questo modo sarai più flessibile durante le riprese.” All'inizio di quest'anno il servizio militare a Taiwan è stato prolungato da quattro mesi a un anno, ma per gli apprendisti in questo bunker questo non basta.

“Vogliamo che il maggior numero possibile di taiwanesi abbiano l'opportunità di imparare a usare le armi da fuoco in modo sicuro e corretto sul campo di battaglia, quando necessario”, ha affermato l'istruttore Amiibo. Da un anno la sua organizzazione Hemlock offre corsi di formazione ai taiwanesi che vogliono prepararsi allo scenario che nessuno spera si realizzi mai: un'invasione cinese.

Per molti dei suoi studenti, alcuni dei quali indossavano l’uniforme, l’erosione delle libertà a Hong Kong è stato un campanello d’allarme: Taiwan potrebbe facilmente essere il prossimo. Amiibo ritiene che l'invasione dell'Ucraina e la guerra tra Israele e Hamas stiano preoccupando i taiwanesi. “Le persone a Taiwan stanno diventando sempre più consapevoli che anche noi potremmo dover affrontare aggressioni. Ecco perché molte persone si stanno preparando”, ha aggiunto.

READ  CNN: L'esercito americano ha lasciato 7 miliardi di equipaggiamenti in Afghanistan | all'estero

“Prima il rapporto non era così teso”, ha detto Hsu, uno degli studenti che hanno partecipato alla formazione. “In questo momento, le relazioni non sono esattamente eccezionali”, dice con un leggero eufemismo. Quasi ogni giorno si vedono aerei e navi navali dell'Esercito popolare di liberazione nello stretto di Taiwan. La guardia costiera cinese pattuglia le isole Kinmen a Taiwan.

Nel giorno di apertura del Congresso del Popolo all’inizio di questa settimana, Pechino sembra aver inasprito verbalmente le restrizioni. La parola “pacifico” è stata omessa quando il primo ministro ha parlato di “riunificazione”. Durante la conferenza stampa completamente preparata, nella quale potevano essere poste solo domande pre-approvate, il ministro degli Esteri Wang ha affermato che la sua politica era “chiara”.

Ha letto dal giornale: “Con la massima sincerità, continuiamo a lottare per la riunificazione pacifica”. “Le attività separatiste sono distruttive per la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan”. Secondo l’agenzia di ricerca Pew, ben due terzi dei taiwanesi vedono la Cina come una “grande minaccia”. Questo numero è leggermente più alto tra i giovani e un gruppo crescente partecipa ad allenamenti difensivi.

Impostazione più lunga

E giù a Taichung nessuno vuole scommettere su un buon risultato. “Ho ricevuto un addestramento al tiro al Ministero della Difesa”, dice Chou, un giovane studente. Una donna che ha già svolto il servizio militare. “Ma voglio continuare ad allenarmi per sapere cosa fare anche in tempo di guerra”, dice. Amiibo ritiene inoltre che “la formazione ricevuta in precedenza fosse del tutto inadeguata”. Continuare a praticare è il suo motto.

Si riferisce alla situazione degli ucraini che cercano di difendersi dall’aggressione russa. “Alcuni potrebbero aver seguito due settimane di addestramento prima di essere mandati sul campo di battaglia. Dopodiché, i soldati diventano insicuri e nervosi”. L'idea è che le sessioni di allenamento con gli amiibo dovrebbero garantire che i partecipanti siano in grado di prepararsi per un periodo di tempo più lungo in tutta tranquillità.

READ  Gli analisti della televisione di stato russa hanno criticato i leader occidentali, dicendo che "nulla li fermerà" | all'estero

NOS op 3 ha realizzato questo video su Taiwan più di 2 anni fa:

A proposito, Amiibo non è il suo vero nome. Preferisce non condividerlo con i media. Non perché abbia paura, ma perché non vuole ripercussioni dalla Cina. “Il nostro avversario è un regime non democratico che vuole invaderci”, dice. “Hanno le loro forze armate ovunque oppure useranno i media per attaccarci e screditarci online, ed è per questo”.

Gli esperti ritengono che l’invasione cinese di Taiwan sia imminente È improbabile. Nei prossimi cinque anni vedono la quarantena o il blocco come lo scenario più probabile. Pechino cercherà di reprimere i taiwanesi via aria o via mare, senza impegnarsi immediatamente in una guerra su vasta scala o sbarcare sulla spiaggia in stile normanno.

“Ci sono grossi problemi economici in Cina e Xi Jinping potrebbe cercare un parafulmine per i problemi interni”, dice lo studente Zhang. “Dobbiamo scoraggiare la Cina e imparare come proteggerci al meglio. La Cina è più forte della Russia”, dice, mentre le persone corrono per il seminterrato con pistole BB, pistole con piccole palline di plastica.

Taiwan spesso dipende da Washington per le sue armi, e ora ci sono almeno dozzine di soldati americani di stanza a Taiwan. Ma gli studenti qui non osano fare affidamento ciecamente sul sostegno degli Stati Uniti in caso di guerra. “Accogliamo con favore l’aiuto di tutti”, ha detto lo studente Hsu. “Ma se guardi all’Ucraina, la cosa più importante alla fine è che possiamo contare su noi stessi”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24