Tom Pidcock ora vola verso la vittoria nell'Amstel Gold Race, sostenendo Van der Poel

Domenica 14 aprile 2024 alle 16:44

Tom Pidcock ha vinto la 58a edizione dell'Amstel Gold Race. Dopo un'emozionante finale – nello sprint – il britannico dell'INEOS Grenadiers ha sconfitto i compagni di fuga Marc Hirschi e Tiesj Benoot e si è così preso una rivincita sportiva. Il favorito Mathieu van der Poel non è riuscito a svolgere un ruolo di leadership.

Nuova edizione di Rivista di equitazione È disponibile ora! La nostra nuova edizione primaverile di 188 pagine è ricca di affascinanti storie di ciclismo su Mathieu van der Poel, Lotte Kubicki, Demi Wohlring, Sepp Koss e Matej Mohorek. Assicurati la tua copia e Ordinalo online adesso A soli 9,95 euro. Desideri ottenere un RIDE ad un costo aggiuntivo? Allora iscriviti adesso E ottieni uno sconto del 20%!

L'Amstel Gold Race, la corsa più grande sul suolo olandese, ha avuto un ampio palmarès negli ultimi anni con corridori come Tadej Pogacar, Wout van Aert e Matthew van der Poel. Presente anche quest'ultimo oggi e il campione del mondo è stato subito il favorito per la vittoria, anche se non è da sottovalutare la concorrenza con top performer come Tom Pidcock, Ben Healy, Benoît Cosnefroi, Matthias Skilmoz e Matthieu Jorgenson.

Dopo la partenza da Maastricht, il gruppo ha percorso un anello lungo Sittard, situato a nord, verso la famosa salita del Limburgo meridionale. La serie di salite di Eyserberg, Keutenberg, Cauberg (ovviamente), Geulhemmerberg e Bemelerberg hanno costituito il finale assoluto e anche quest'anno hanno fornito i necessari colpi di scena e, soprattutto, lo spettacolo delle corse. Adatto per una gara di 253,6 chilometri e più di trenta (!) piste.

Il viaggio di oggi – Foto: Cor Vos

TDT-Unibet su un volo oggi, cambiato a causa di un incidente
C'era molto entusiasmo per la corsa fin dall'inizio, ma i primi attaccanti della giornata dovevano ancora ricevere un comportamento sicuro da parte del gruppo. Dopo il primo attacco sul nascere, quattro corridori sono riusciti a fare buoni progressi, interrompendo la pausa della giornata. Nomi? Tosh van der Sande (Visma | Noleggio biciclette), Enzo Lignes (DSM PostNL), Aleksander Hajek (BORA-Hansgrohe), Zeb Kiffin (Tour de Tietema-Unibet).

Con questi quattro leader sembrava che fossimo sulla buona strada per la terza pista della giornata, il Bergseweg. Tuttavia, a causa di un grave incidente che ha coinvolto un agente di polizia a margine della gara femminile, l'organizzazione dell'Amstel Gold Race è stata costretta a modificare leggermente il percorso maschile. Bergseweg è omesso dal percorso. I corridori ora hanno guidato verso il Korenweg attraverso una curva. A dire il vero, Van der Sande, Lijnes, Hajek e Kevin non ne hanno ricavato molto e sono riusciti a estendere il loro vantaggio a circa cinque minuti.

La maggior parte degli occhi erano puntati sul campione del mondo – Foto: Cor Vos

Questo è stato anche il vantaggio più lontano per i quattro fuggitivi, che sono stati riconquistati subito dopo la corsa di Geulhemmerberg – a più di settanta chilometri dal traguardo. Ciò è accaduto in un momento in cui c'erano già molte gare nel gruppo. Abbiamo già visto una certa accelerazione nella prima sezione da Cauberg, ma non ha fatto alcuna differenza. E sulle piste successive – Keerderberg e Bemelerberg – Louis Verwaeke è stato particolarmente impegnato.

READ  Lasciamo che RKC batta l'Excelsior, che alla fine prende un punto

Anticipazione è la parola magica
Il belga di Soudal Quick-Step ha provato più volte ad anticipare ed è riuscito a prendere il largo al terzo tentativo con l'altrettanto attivo Mikkel Honoré (EF Education-EasyPost) e la rivelazione stagionale Paul Lapeira (Decathlon AG2R). A questi tre corridori è stato concesso un piccolo spazio, ma con sangue, sudore e lacrime sono riusciti a finire con mezzo minuto di vantaggio fino alla gara di Gulberberg. Su questa salita breve ma difficile, il campione del mondo Van der Poel ha deciso di mettere alla prova le sue gambe per la prima volta, ma non ha ancora mostrato il retro della lingua.

Lapira, Honoré e Vervaeke hanno deciso di tenere gli occhi aperti – Foto: Cor Vos

Dopo un primo colpo del primo, il ritmo dell'inseguimento rallenta nuovamente, permettendo ai tre leader di guadagnare qualche secondo. Tuttavia, Vervaeke, Honoré e Lapeira sembravano uccelli al proverbiale gatto, soprattutto con l'emergere di Kruisberg, Eyserbosweg e Fromberg. Era questa la zona della verità e il momento giusto perché i grandi nomi liberassero i loro demoni? Alpecin-Deceuninck si è accorto del pericolo e ha preso saldamente il comando del gruppo.

Al Kruisberg abbiamo aspettato invano un'esplosione e anche l'Eyserbosweg sembrava partorire un topo, ma con la vetta in vista Richard Carapaz ha deciso di scuotere l'albero. L'accelerazione del campione olimpico è stata rapidamente neutralizzata, ma sembrava ispirare gli altri corridori a continuare l'attacco. Marc Hirschi ha approfittato di un momento di calma nel gruppo ed è stato raggiunto da Roger Adrià, Valentin Maduas e PAOK Mollema.

Risoluzione per Keutenberg? Van der Poel sotto repressione
Tuttavia, le differenze sono rimaste molto piccole dopo Fromberg e nel periodo precedente alla partita decisiva di Kjötenberg. Honoré e Lapira – Vervaeke ora liberato – erano ancora davanti a trenta chilometri dalla fine. Nei chilometri che portavano a Kjötenberg tutto sembrava scorrere di nuovo insieme, ma Pinot e Pidcock sono riusciti a inserirsi nel gruppo degli inseguitori con Mollema, Morey Vansevenant, Maduas e Hirschi con una mossa intelligente. E van der Poel. Non si vedeva da nessuna parte.

READ  L'allenatore della Juventus incolpa Boris Johnson per il fallimento della Premier League | calcio

Questa era una situazione pericolosa per il campione del mondo, sapendo che altri favoriti come Pidcock e Pinot potevano improvvisamente partire con mezzo minuto di vantaggio allo stadio Kutenberg. Pinot ha continuato la stessa salita, ma tutto si è riunito sul bordo perennemente ventoso di Küttenberg. Sull'altopiano sopra Kjeutenberg abbiamo visto Van der Poel isolato, mezzo minuto dietro al leader. Il favorito ha dovuto sperare nel sostegno delle altre squadre, ma non è andata bene.

Pinot è stato uno degli attori principali – Foto: Cor Vos

Controreazione a Cauberg
I dodici concorrenti erano consapevoli della situazione unica e si sono voltati rapidamente in modo perfetto. Pinot, Pidcock, Hirschi, Honoré, Vansevenant, Adria, Molema, Lapira, Vaukelin, Maduas, Quentin Butcher e Belo Bilbao hanno continuato ad aumentare il divario. A venti chilometri dalla fine, la differenza era di circa un minuto. Libri per stalker? No, perché in gruppo Jayco-AlUla e Alpecin-Deceuninck, le due squadre che hanno mancato la battaglia, hanno deciso di dare il massimo.

Di conseguenza, il vantaggio nel periodo precedente al recente evento di Cauberg è rimasto entro i limiti. Questo è stato il segnale per Skjelmose di scatenare i suoi demoni dell'arrampicata, ma il campione danese si è rivelato incapace di effettuare il salto. La risposta attesa da Van der Poel non si è concretizzata, ma l'uomo con la maglietta iridata è rimasto notevolmente in disparte, facendo rallentare il gruppo degli inseguitori. Ciò fece ancora una volta il gioco del gruppo dei pionieri, dal quale Honoré fu ora liberato.

Il gruppo di testa si è diviso
A causa del ritiro del danese, EF Education-EasyPost improvvisamente non è stata più rappresentata nel gruppo di testa, quindi è toccato al team americano raccogliere la sfida nel gruppo Van der Poel. Fin dall'inizio non c'era più una buona collaborazione. Pinot, Pidcock, Hershey e Vansevenant sembrano avere le gambe più forti e sono riusciti a staccarsi dagli altri dopo Goulehmerberg. Questo quartetto sembra destinato a vincere.

READ  Arne Slot: "John de Wolf ti dà una meravigliosa sensazione del Feyenoord quando entri" | calcio

Il divario tra i quattro leader e i primi inseguitori è aumentato notevolmente, mentre il gruppo Van der Poel – sempre guidato da EF Education-EasyPost – è rimasto fermo a poco più di mezzo minuto. Sulla pista finale della giornata – Bemelerberg – abbiamo visto un attacco tutto o niente da parte del potente Lapeira. Il francese ha provato a correggere la posizione sbilenca e sembrava dirigersi verso i leader dei quattro, ma poi Pidcock ha lanciato il putter in birdie.

Pinot, Pidcock e Hershey corrono per la vittoria – Foto: Cor Vos

Pidcock ottiene la vendetta sportiva
Sullo sperone in cima al Bemelerberg il britannico ha accelerato e questa sembrava essere la mossa vincente. Pinot e Hershey scricchiolavano e scricchiolavano, ma riuscivano a rientrare nel personaggio. Anche il Vansevenant liberato ha avuto un momento per rientrare e così siamo arrivati ​​all'ultimo chilometro con quattro potenziali vincitori. Bennot non riuscì a controllarsi e fu il primo a farsi attirare fuori dalla tenda, ma la sua fretta non servì a nulla. E così è arrivato il momento di correre forte dopo oltre 250 chilometri di corsa.

Sulla carta, Pidcock sembrava essere il corridore più veloce del gruppo di testa ed è riuscito a mantenere il suo status di favorito nella gara sprint affrontando Hershey e Pinot. Tre anni fa, ha dovuto ammettere di aver battuto Wout van Aart in una gara molto veloce e controversa, ma ora ha ottenuto un grande successo per il pilota dell'INEOS Grenadiers. Hershey è arrivato secondo e Pinot è arrivato terzo. Mollema è stato il primo olandese a finire settimo. Van der Poel è finito fuori dai primi dieci.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24