Un macchinista spagnolo non ha voglia di fare gli straordinari e scende dal treno con 80 passeggeri a bordo

L'incidente è avvenuto la sera prima delle vacanze di Pasqua. Il treno era in viaggio da Madrid alla città di Leon, nel nord della Spagna, ma è rimasto bloccato 61 chilometri prima della sua destinazione finale, nel villaggio di Sahagon. Ci vivono 2.600 persone. Prima di partire, il macchinista ha annunciato che il treno non poteva proseguire perché il binario tra Sahagún e Leon era chiuso.

Proseguire lungo l'autostrada

Quando i passeggeri pensarono che ci sarebbe voluto molto tempo e alcuni andarono a vedere cosa stava succedendo, si scoprì che l'autista era scomparso. Successivamente, i passeggeri leggevano sugli schermi dell'auto che l'autista era assente per fine orario di lavoro e che dovevano utilizzare mezzi di trasporto alternativi.

La compagnia ferroviaria statale spagnola Renfe difende il suo macchinista riferendo che ha avuto una giornata lavorativa estremamente lunga. All'inizio della giornata, stava guidando un treno che aveva un ritardo di 88 minuti. Di conseguenza, secondo Renfe, il suo orario di lavoro è cambiato e Sahagún ha superato il suo orario di lavoro massimo.

Secondo le leggi

Renfe aggiunge che, sebbene i conducenti spagnoli abbiano una giornata lavorativa di 8 ore, possono guidare un treno solo per 5,5 ore alla volta. Questa regola ha lo scopo di garantire che i conducenti rimangano concentrati. Secondo Renfei, gli 88 minuti trascorsi dall'autista sul treno fermo a causa del ritardo all'inizio della giornata non sono stati considerati una pausa.

Alla fine, dopo due ore, tutti i passeggeri sono stati prelevati dagli autobus e gli autisti li hanno portati alla destinazione finale. Un passeggero ha deciso di condividere la storia sui social media

READ  Gasdotti russi verso l'Europa: uno si è già fermato e ora l'altro perde

una gara

La notizia non è affatto tempestiva per Renfei. La compagnia ferroviaria spagnola ha recentemente partecipato ad una competizione ferroviaria. Ci sono due compagnie ferroviarie private, una di proprietà francese, l'altra di azionisti italiani, il che rende le cose molto difficili per Renfe. I due rivali vendono i biglietti del treno a prezzi molto più bassi rispetto alla Renfei, di proprietà statale, che è finita in rosso a causa della concorrenza.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24