Un pianeta simile alla Terra è stato scoperto attorno a una vicina stella nana estremamente fredda

Nuovi pianeti vengono scoperti regolarmente. Tuttavia, questa scoperta di un pianeta simile alla Terra è molto speciale; Il pianeta orbita attorno a una stella nana estremamente fredda. E non abbiamo visto molto, anche se queste stelle sono rappresentate molto meglio nell'universo rispetto alle stelle simili al Sole.

Il nuovo pianeta è stato chiamato SPECULOOS-3b e si trova, per gli standard cosmici, nel nostro cortile. Il pianeta orbita attorno alla sua stella madre a soli 55 anni luce dalla Terra. Questa stella madre è una cosiddetta stella nana ultrafredda (vedi riquadro).

Le stelle nane ultrafredde sono le stelle di massa più bassa nell'universo. Ha le stesse dimensioni di Giove, è due volte più freddo, dieci volte meno massiccio e cento volte meno luminoso del nostro Sole. Sebbene queste stelle nane ultrafredde siano più comuni nell’Universo rispetto alle stelle simili al Sole, in realtà non sappiamo molto di loro. Ciò è dovuto principalmente alla sua luminosità limitata. Gli astronomi ipotizzano che molte delle stelle nane estremamente fredde della nostra Via Lattea ospitano anche molti pianeti (principalmente simili alla Terra), ma le prove di ciò sono finora scarse. Fino a poco tempo fa, conoscevamo solo un sistema planetario in orbita attorno a una stella nana ultrafredda: TRAPPIST-1. Questo sistema si trova a 40 anni luce dalla Terra e ospita almeno 7 pianeti, ciascuno delle stesse dimensioni della Terra. Utilizzando SPECULOOS-3b, i ricercatori hanno ora scoperto per la prima volta un pianeta in orbita attorno a una stella nana ultrafredda diversa da TRAPPIST-1. Anche questo pianeta è simile alla Terra o può essere paragonato per dimensioni al nostro pianeta.

INFORMAZIONI SU SPECULOOS-3b
“SPECULOOS-3b ha praticamente le dimensioni del nostro pianeta”, conferma il ricercatore Michael Gillon. Ma ci sono anche molte differenze tra questo pianeta extrasolare e la nostra Terra. Ad esempio, SPECULOOS-3b è molto vicino alla sua stella madre, il che significa che il suo periodo orbitale è di sole 17 ore. In confronto, il nostro pianeta impiega circa 365 giorni per completare una rivoluzione attorno al sole. Un'altra differenza interessante è che i giorni e le notti in SPECULOOS-3b non finiscono mai. Gli astronomi presumono che SPECULOOS-3b abbia una rotazione sincrona, in cui lo stesso lato del pianeta – il cosiddetto “lato giorno” è sempre focalizzato sulla stella madre, mentre l'altro lato – il “lato notturno” è immerso in infinite buio. .

READ  RIVM vuole eliminare più sapori dopo aver bandito quasi tutti i gusti di sigaretta elettronica | proprio adesso

Non c'è atmosfera
La stella attorno alla quale orbita SPECULOOOS-3b è circa due volte più fredda del nostro Sole e ha una temperatura media di soli 2.600 gradi Celsius. Sebbene questa stella sia “piuttosto interessante”, SPECULOOS-3b, poiché il pianeta è molto più vicino alla sua stella madre, riceve sedici volte più energia al secondo di quella che il nostro pianeta riceve dal Sole. Ciò significa anche che SPECULOOS-3b è costantemente bombardato da radiazioni ad alta energia. “In un ambiente del genere, è molto improbabile che il pianeta abbia un'atmosfera”, afferma il ricercatore Julian de Wit.

JWST
Se i ricercatori riusciranno a farcela, la scoperta di SPECULOOS-3b sarà solo il preludio a molte altre scoperte. Quindi sperano che i potenti Telescopio spaziale James Webb (JWST) sarà presto in grado di intravedere il pianeta. “Con il telescopio spaziale James Webb possiamo anche studiare i minerali sulla superficie del pianeta”, afferma la ricercatrice Elsa Ducrot.

Nel frattempo, continua la ricerca di pianeti in orbita attorno a stelle nane ultrafredde. Questo è il motivo del progetto di ricerca SPECULOOS – qual è il nome del pianeta e cosa simboleggia Alla ricerca di pianeti che oscurano le stelle ultrafredde – Creato appositamente per questo scopo. “Queste stelle sono sparse nel cielo, quindi bisogna osservarle una per una nel corso di diverse settimane per avere la possibilità di individuare i pianeti che passano davanti alla stella”, spiega Gillon. “Richiederebbe una rete completamente dedicata di telescopi robotici professionali”. La rete è attualmente composta da cinque telescopi: quattro in Cile e uno a Tenerife. Tuttavia, presto si aggiungeranno altri due telescopi a Tenerife. La speranza è che questo acceleri la ricerca di pianeti in orbita attorno a stelle ultrafredde.

READ  Molte persone affette da demenza non sono a conoscenza del diritto a un case manager: Marion e suo marito non possono più fare a meno di lui.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24