I dipendenti di EBS chiedono le dimissioni dell'intero management al Vice Presidente del Suriname Herald

Una folla di dipendenti di EBS ha marciato verso il palazzo del governo in Dr. Street. Sophie Redmondstraat è dove si trova l'ufficio del Vicepresidente. I dipendenti, che sono in sciopero da diversi giorni per il licenziamento del presidente del sindacato Marciano Hellings, chiedono il licenziamento del direttore dell'EBS Leo Brunswick, nonché il licenziamento dell'intero gruppo dirigente.

Scandendo slogan come: “Un weri, Leo e gi un mankeri”, hanno espresso chiaramente la loro insoddisfazione.

Tra la folla c'era anche il presidente destituito dell'associazione. Martedì 14 maggio il giudice Susan Chu ha ordinato al sindacato EBS in sciopero di riprendere i lavori entro mezz'ora, dopo che la direzione dell'EBS si è rivolta al tribunale. Quindi questo non sembra essere successo. Al contrario, i dipendenti insoddisfatti sono scesi di nuovo in piazza.

Il gruppo è stato ricevuto e indirizzato dal vicepresidente Brunswijk presso il palazzo del governo. La petizione presentata al funzionario governativo affermava, tra le altre cose, che la direzione dell'azienda stava violando i diritti umani fondamentali dei suoi dipendenti. Ha chiesto l'immediato annullamento della destituzione del presidente dell'associazione.

Il vicepresidente Brunswick ha dichiarato di rispettare le opinioni dei dipendenti in sciopero. Ha detto: “Questo è un tuo diritto”. Tuttavia, il Vicepresidente ha sottolineato la necessità di risolvere i problemi e non di gettare altra benzina sul fuoco.

Dice anche che i negoziati non dovrebbero durare a lungo. Ha promesso di discutere la petizione durante la sessione del Gabinetto.

READ  L'UE teme la crisi dei rifugiati del 2015 da Macron e la volontà della Merkel di accogliere gli afgani nei paesi vicini

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24