Un trend estivo di antirazzismo in Italia, ha sospirato l’influencer

Bellamy OakFoto Bellamy Okak

Sollievo dal dolore. Bellamy O’Keefe lo ha capito quando il primo lock-in è entrato in vigore in Italia lo scorso anno. Certo, aveva paura del virus e preoccupata per le condizioni degli ospedali, ma c’era gioia nella sua vita personale.

O’Keefe (“Millennial”, non volendo menzionare la sua età esatta sul giornale) è un attivista, influencer e fondatore di Afro-Italian Souls, un sito online di radici africane e giovani italiani. “Vedo pochissime persone all’anno, quindi devo fare i conti con meno razzismo ogni giorno”, spiega via collegamento video dalla sua elegante casa vicino a Milano.

Dopo il primo lockdown, dopo l’assassinio di George Floyd lo scorso anno, la gente è scesa in piazza nelle principali città italiane. Okak guardò le piazze affollate con emozioni contrastanti. “È come se l’Italia avesse scoperto il razzismo nel giugno 2020. È assurdo. Fa male vedere che i neri americani sono più preziosi degli italiani neri”.

Gli afro-italiani si lamentano invano da anni del razzismo sul proprio suolo, non c’è proprio bisogno di cercare. La consapevolezza del razzismo è ancora bassa non solo nei famigerati stadi di calcio, ma anche nei media. Ad esempio, l’emittente pubblica Roy di recente nei panni di un rapper italiano, non c’è nulla di male nell’usare Blackface. Dopo una tempesta di critiche attiviste, Roy ha annunciato alla fine di aprile che non avrebbe più mostrato una faccia nera.

‘Non affittare a stranieri’

Le anime dell’Africa hanno numerosi video in cui gli italiani neri parlano delle loro esperienze quotidiane: dalla parola n comunemente usata ai proprietari che onestamente dicono “non affittare agli stranieri”. “Le persone in questo paese fanno tutto il possibile per farti sentire come se non fossi un uomo di colore”, riassume O’Keefe.

“La tendenza antirazzista dell’anno scorso era una tendenza”, afferma l’attivista Dark. “È stata un’estate e siamo tornati dove eravamo l’anno scorso.” Alla radice del problema, dice O’Callaghan, c’è l’Italia che non solo dichiara il razzismo una barriera, ma continua a negare il suo passato coloniale.

L’Italia stabilì le sue prime colonie in Eritrea, Etiopia e Somalia alla fine del XIX secolo e occupò la più vasta area sotto Mussolini. Il fascismo non è sempre stato manipolato – i discendenti di Mussolini continuano le sue idee, con Freddellie de Italia, il partito post-fascista, che ha ricevuto i voti più alti nel referendum – quindi l’Italia non ha affrontato la sua sanguinosa storia coloniale. Si stima che nelle colonie italiane siano state uccise 1 milione di persone, circa l’8,5 per cento della popolazione totale.

‘Non lo impariamo a scuola. A differenza della Germania, non abbiamo mai fatto una Cuba. Mettiamo una pietra, è negata. Lo stesso vale per il razzismo. La gente dice: “No, non siamo qui negli Stati Uniti”. Non c’erano grandi comunità dalle ex colonie in Italia, quindi la popolazione divenne bianca uniformemente per decenni con l’arrivo degli immigrati. Soprattutto dopo la crisi dei rifugiati del 2014 e del 2015, c’è un forte sentimento anti-immigrazione che è fortemente rappresentato in parlamento.

Bellamy Okok Film Bellamy Okak
Bellamy OakFoto Bellamy Okak

Atterrato

Secondo O’Keefe, il razzismo si riflette non solo nella cultura ma anche nel diritto. Come i Paesi Bassi, l’Italia lo sa Il diritto al sangue. In altre parole: devi essere italiano da un italiano, la nascita nel paese non conta. Ecco perché il sindaco di New York (Phil de Blasio, di origini italiane) poteva facilmente reclamare un passaporto e Bellamy O’Connor, che abitava vicino a Milano, ha dovuto affrontare un iter burocratico complicato e snervante.

I figli di genitori stranieri possono presentare domanda solo di età compresa tra i 18 e i 19 anni. Se non sei in grado di presentare moduli minacciosi e affidavit comunali prima del tuo 19° compleanno, il titolo scadrà e dovrai attendere almeno tre anni per un nuovo tentativo. I partiti di sinistra chiedono da anni la riforma della legge obsoleta, ma i venti di destra che soffiano in Italia non lo consentiranno per ora.

Oka ha ambizioni politiche? I suoi occhi sono spalancati e scuote la testa con decisione. ‘Assolutamente no. Questo sarebbe il mio obiettivo contro il mio attivismo, perché la politica italiana non funziona. «Le piccole vittorie ottenute dalla lotta italiana contro il razzismo avvengono principalmente nel campo della cultura relativamente progressista e di orientamento internazionale.

Ad esempio, una serie Netflix italiana con un’attrice protagonista di colore è stata presentata in anteprima la scorsa estate (Estate) Ed è stato seguito ad aprile Zero, Una serie con protagonista un supereroe nero e quasi tutti attori neri. O’Keefe ha intervistato il cast e ha partecipato a una campagna promozionale. Paradossalmente, è visibile anche in Roy, e lei ride. La serie era rivoluzionaria perché l’Italia ora è rappresentata da neri all’estero. Un passo avanti, ma una serie non basta. ‘

Oak non è ottimista per il futuro. Stima che se riuscirà a convertire l’Italia, ci vorranno almeno dieci anni per raggiungere uno status accettabile. Okak non sa se si divertirà perché spesso pensa di lasciare il paese. “Essere neri in Italia è faticoso e frustrante”.

READ  Aumenta il numero dei contagi da corona in Italia a causa delle feste dei campionati europei

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24