Un vaccino contro la malaria incompleto potrebbe salvare la vita di decine di migliaia di bambini

In effetti, non tutti gli scienziati erano entusiasti di Mosquirix, il primo vaccino contro la malaria. Il farmaco non è molto efficace, l’effetto diminuisce dopo pochi mesi e sono necessarie quattro iniezioni. “Qualche anno fa abbiamo pensato: ce ne occupiamo da più di vent’anni?” dice l’epidemiologo Theon Busssima, affiliato a Radbodomic.

Leggi anche questa intervista con il microbiologo medico Sauerwein: Un vaccino contro la malaria molto complesso

Tuttavia, la professione celebra che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) Questa settimana ha dato il via libera a Mosquirix per iniziare nell’Africa sub-sahariana e in altri paesi in cui si verifica la malattia infettiva. “È una pietra miliare: esiste un modo ufficialmente nuovo di curare la malaria”, afferma per telefono dalla Francia il microbiologo medico Robert Sorwin di TropiQ Health Sciences. “Questo è un grande passo, perché non abbiamo molto nella nostra cassetta degli attrezzi”.

Strumenti aggiuntivi benvenuti: più di 400.000 persone muoiono ogni anno a causa della malattia infettiva trasmessa dalle zanzare. Quasi tutti gli adulti nelle aree in cui è già presente la malaria sono stati infettati più volte, quindi hanno l’immunità e la nuova infezione non è fatale, ma la malattia è pericolosa per la vita dei bambini. Più della metà dei decessi annuali ha meno di cinque anni. La malaria è più comune in Africa: Nel 2019 molto Il 94% dei morti si trova nel continente africano.

Mosquirix o RTS, S è il primo vaccino contro la malaria riconosciuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il farmaco è stato sviluppato negli anni ottanta e 2015 approvato dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA). Per colpa di Chi è il Dubbi sull’efficacia e sugli effetti collaterali, ha avviato un progetto pilota in Ghana, Kenya e Malawi. Nel 2019, quei paesi hanno iniziato a vaccinare 800.000 bambini in aree con alti tassi di malaria.

READ  Il 'pacemaker del cervello' rende curabile la depressione incurabile
Residenti del villaggio di Tomale, Malawi, stanno aspettando nel 2019 con i loro figli in Sperimentazione del vaccino contro la malaria.
Jerome ritarda foto/AP

I risultati di questo programma pilota hanno spinto l’Organizzazione mondiale della sanità a raccomandare un dispiegamento su larga scala del vaccino in Africa mercoledì. Lo studio ha dimostrato che il farmaco non ha effetti collaterali gravi. Ha anche mostrato che il numero di casi di “malaria acuta fatale” è diminuito del 30% nelle aree in cui è in corso la vaccinazione.

Questa percentuale è di decine di punti percentuali inferiore rispetto ai vaccini contro malattie come il Covid-19 e il morbillo, e quindi inizialmente ha suscitato delusione tra gli scienziati. Ma, afferma Sorwin, “mezzo milione di persone muoiono ogni anno di malaria, quindi una riduzione del 30% è un numero molto buono”. Quindi un programma di vaccinazione efficace potrebbe salvare la vita di decine di migliaia di bambini ogni anno.

Leggi anche questo rapporto: ‘Ebola non esiste, lo sai anche tu’

Bousema e Sauerwein vedono maggiori benefici da un vaccino incompleto. “Lo sviluppo di questo vaccino non è la fase finale, è un uno strumento Che dovresti usare per ulteriori ricerche”, afferma Busssima Studio dal Mali Il che ha dimostrato che Mosquirix con le pillole antimalariche protegge anche il doppio e conferma che il prossimo vaccino è già in corso. “L’approvazione di questo vaccino dovrebbe stimolare la riflessione: cosa possiamo migliorare, cosa possiamo aggiungere e quale combinazione di vaccini possiamo correggere”.

Tutti nell’Africa subsahariana conoscono qualcuno che è morto di malaria

Non solo è possibile migliorare l’efficacia del vaccino, ma la necessità di quattro dosi può anche complicare il programma di vaccinazione. Soroen afferma di “non essere particolarmente preoccupato” per questo perché la malaria è così onnipresente nell’Africa sub-sahariana: i bambini si ammalano più volte all’anno e tutti conoscono qualcuno che è morto a causa della malattia. Crede che “la gente vede il problema e si metterà in fila per ottenere un vaccino del genere”. Tuttavia, riconosce che alcuni potrebbero essere scettici sui vaccini occidentali – come con Ebola in passato – e che potrebbe essere difficile raggiungere tutte le persone nelle aree rurali.

READ  I batteri producono nuove proteine ​​dopo aver scambiato il trucco con il DNA

Al momento, è importante preparare un programma di vaccinazione. Diversi i fondi pronti dall’approvazione dell’EMA e dai primi colloqui tra l’Unione Africana e l’Organizzazione Mondiale della Sanità pianificato. In definitiva, l’obiettivo è integrare la vaccinazione nei sistemi sanitari esistenti dei paesi interessati. Ora si spera che l’attuazione del programma non richieda tanto tempo quanto lo sviluppo di un vaccino.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24