Una capsula Boeing sta per trasportare gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale

Se tutto andrà bene, il CTS-100 Starliner effettuerà il suo primo volo di prova con gli astronauti a bordo martedì sera, 21 maggio. Gli astronauti esperti Sunita Williams e Butch Wilmore si recheranno quindi nell'orbita terrestre alla Stazione Spaziale Internazionale. Attraccano e tornano a terra una settimana dopo. La navicella spaziale, sviluppata da Boeing, decollerà su un razzo Atlas 5 da Cape Canaveral in Florida alle 22:43, ora olandese.

“È un evento storico per le persone andare di nuovo nello spazio con una nuova navicella spaziale”, afferma Eric Lan della società di consulenza spaziale iOn Orbit “Seguirò sicuramente il lancio”.

Dopo il ritiro dello Space Shuttle nel 2011, lo Starliner è diventato il secondo veicolo spaziale americano in grado di trasportare nuovamente persone sulla Stazione Spaziale Internazionale. SpaceX, la compagnia spaziale di Elon Musk, ha già raggiunto questo obiettivo nel 2020 con la sua capsula Crew Dragon.

Ciò ha finalmente posto fine alla precaria dipendenza della NASA dai razzi e dalle capsule russe Soyuz dopo nove anni. I voli in taxi della Crew Dragon da e per la Stazione Spaziale Internazionale sono ormai una routine. Lo Starliner offre ora un'altra alternativa, ma anche un volo di prova impeccabile rappresenterebbe solo un successo parziale per Boeing.

Le spese impreviste costano alla Boeing 1,5 miliardi di dollari

L'astronave avrebbe dovuto volare nel 2017, ma la serie di problemi tecnici durante lo sviluppo è stata troppo lunga, anche per il settore spaziale sensibile ai ritardi. Ad esempio, un volo di prova senza astronauti nel 2019 è andato storto a causa di un bug del software, che ha fatto sì che l’astronave sprecasse troppo carburante per raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale. Il volo di prova ha dovuto essere annullato, il che ha rappresentato una spesa importante. Problemi tecnici alle valvole e ai paracadute, tra l'altro, hanno portato ad un ulteriore rinvio a questa settimana. Le spese impreviste costano alla Boeing 1,5 miliardi di dollari.

READ  'Durante la visita di maternità, mia suocera ha iniziato a piangere e urlare'

Nel 2014 le carte sembravano molto diverse. Il gigante aerospaziale, della difesa e spaziale Boeing ha ricevuto 4,2 miliardi di dollari dalla NASA per sviluppare un taxi spaziale con equipaggio. Solo dopo aver esercitato pressioni, anche la rivale SpaceX si è assicurata un contratto del genere per 2,6 miliardi di dollari.

Un dettaglio importante era la forma del contratto. Boeing è abituato al tradizionalismo Costo eccessivoContratti: la NASA progetta qualcosa e la società lo costruisce per una somma concordata, più costi aggiuntivi se si verificano problemi tecnici e inevitabili ritardi. Tali contratti, con scarsi incentivi all’innovazione, all’efficienza o addirittura alla fretta, erano diventati una mucca da mungere per le aziende spaziali, quindi i manager della NASA hanno preso una strada diversa.

Ai concorrenti è stato permesso di imparare come progettare i propri taxi spaziali e sono stati pagati quando hanno raggiunto traguardi importanti. I problemi tecnici sono di responsabilità dell'azienda, così come il risparmio derivante dalle innovazioni. Questo è più competitivo Costo fissoIl modello contrattuale ha avuto successo nello sviluppo del veicolo spaziale commerciale Cargo Dragon di SpaceX. Ma la Boeing ne rimase strozzata, nello stesso periodo in cui lo scarso controllo di qualità nel settore dell'aviazione portò a numerosi disastri e incidenti aerei.

Completamente innovativo

Ma lo Starliner, un tronco di cono dal diametro di 4,56 metri che ricorda fortemente le precedenti capsule Apollo, è piuttosto innovativo dal punto di vista tecnico. Ciò la rende la prima capsula americana ad atterrare sulla terra, piuttosto che in mare, rendendone molto più facile la raccolta. Lo scudo termico, che evapora parzialmente al ritorno nell'atmosfera e brucia per assorbire calore, viene scartato dopo l'uso. In questo modo, la capsula può sopravvivere indenne al battesimo del fuoco, rendendo lo Starliner riutilizzabile fino a dieci volte.

READ  Zorginstituut consiglia: Un farmaco anti-obesità da rimborsare dal pacchetto base

La capsula può anche essere montata su quattro diversi veicoli di lancio, il primo nel suo genere. Oltre al razzo Atlas V che questa volta verrà lanciato nello spazio, ci sono il razzo Delta 4, il razzo Falcon 9 e il nuovo Vulcan Centaur apparso per la prima volta nel gennaio di quest'anno. Ma la dorsale Atlas V è stata ritirata e effettuerà solo sei ulteriori voli operativi Starliner. Il Falcon 9 della rivale SpaceX e il Delta 4 sono già stati messi fuori servizio.

Anche la Starliner sembra perdere il treno quando si tratta di destinazione. Negli ultimi dieci anni, la fine della stazione spaziale è stata regolarmente posticipata di quattro anni. Ma ormai è chiaro che la stazione spaziale ritornerà effettivamente sulla Terra intorno al 2030.

Diverse parti stanno lavorando a un successore commerciale, dove turisti spaziali e ricercatori potrebbero vivere e lavorare a pagamento. Boeing sta collaborando con Starliner sulla prevista stazione spaziale Orbital Reef. Ma resta da vedere se tali stazioni spaziali commerciali verranno effettivamente realizzate e se attingeranno a un mercato serio. Tuttavia, SpaceX, con il suo veicolo Crew Dragon, probabilmente sarà più economico.

Leggi anche
La Stazione Spaziale Internazionale è quasi vuota. Quello che viene dopo?

Tuttavia, Eric Lan di Eye on Orbit è ottimista riguardo al futuro dello Starliner. “Le organizzazioni che acquistano le lance vogliono avere un'opzione in caso di problemi. Finché la differenza di prezzo tra i due non è grande, c'è spazio per due panettieri nel villaggio.



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24