Unione Europea: Harley-Davidson assemblate in Thailandia ma a pieno carico come una motocicletta americana – Notizie

Le Harley-Davidson raggruppate in paesi diversi dagli Stati Uniti dovranno pagare una tariffa di importazione elevata per le motociclette americane fino al 56%, invece del 6% che si applicherebbe alle motociclette oltre 800 cc progettate in altre parti del mondo. L’elevata tariffa di importazione negli Stati Uniti è il risultato della guerra commerciale tra Europa e Stati Uniti, poiché Harley (secondo l’Unione Europea) sta cercando di aggirare questo problema producendo in Thailandia. La grande domanda ora è se una Harley nuova di zecca (net Primo testato) Pan America 1250 Saranno in grado di offrire il prezzo molto competitivo che hanno menzionato.

Ora il ministero degli Affari economici belga ha annunciato a nome dell’Unione europea che questi motori non sono accettabili come prodotto non americano, dopodiché le autorità doganali belghe non desiderano emettere la cosiddetta decisione BOI (Binding Origin Information) per questi motori. Il risultato è che atterrano come motociclette americane in Europa, a cui si applicano tutti i dazi all’importazione. Harley-Davidson ha indicato che perseguirà tutte le vie legali per ribaltare questa decisione.

La guerra commerciale dell’ex presidente degli Stati Uniti con l’Unione europea ruota attorno ai sussidi dei produttori di aeromobili. Di conseguenza, sono stati imposti enormi dazi all’importazione su alcuni prodotti da entrambe le parti, in particolare su prodotti non correlati alla costruzione di aeromobili. È successo nel 2018 prima con motociclette superiori a 800 cc e successivamente nel 2019 con parti per quelle motociclette nel 2018, la tassa di importazione sulle motociclette è aumentata dal 25% al ​​31%, ma il 1 giugno 2021 questa tassa aumenterà a 56. %.

READ  L'Italia allenta le misure Corona | all'estero

È chiaro che l’Unione Europea si aspettava che i produttori negli Stati Uniti tentassero di aggirare questo problema attraverso una via estera, perché l’articolo 33 del Regolamento Autorizzato (UE) 2015/2446 descrive “qualsiasi lavoro o trasformazione che ha luogo in un altro paese o territorio che non c’entra nulla. “È economicamente giustificato quando si basa sui fatti disponibili che lo scopo dell’opera o della lavorazione è evitare l’applicazione delle misure di cui all’articolo 59 della legge. In altre parole: edilizia motori negli Stati Uniti e poi effettuare una (piccola) operazione in un altro paese è inaccettabile, ora l’Europa è di proprietà del Belgio. Decreto Dirigenziale 563/2021, Pertanto, i fondi di investimento non statunitensi non sono approvati.

Jochen Zeitz, Presidente, Presidente e CEO di Harley-Davidson: “Questa è una situazione senza precedenti e sottolinea i danni reali di una guerra commerciale in aumento sui nostri azionisti su entrambe le sponde dell’Atlantico. Le attività e la competitività complessiva dell’Europa sono importanti. Le tariffe di importazione sono in conflitto su tutte le motociclette Harley-Davidson.La ferocia di tutti i concetti di libero scambio e, se implementati, questi aumenti delle tariffe metteranno i nostri prodotti in una posizione competitiva rispetto ai nostri concorrenti europei.

Il successo ha colpito duramente Zitz e tutti coloro che hanno partecipato ad Harley-Davidson, perché oggi, per la prima volta da molto tempo, possono riportare di nuovo positivo il primo trimestre del 2021 (Q1), con un aumento del 10% del fatturato, un 272 % di aumento del fatturato In profitti e vendite del 30% negli USA ma una diminuzione del 36% in Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24