Uno degli scheletri meglio conservati mai scoperti a Pompei

Anche ciuffi di capelli e parti delle orecchie hanno resistito alla prova del tempo.

“Pompei continua a stupirla”, ha detto Dario Franceschini, ministro della Cultura italiano. Non c’è niente di sbagliato in questo. Gli archeologi hanno trovato resti umani ben conservati nella famosa antica città romana. I resti sembrano appartenere a uno schiavo liberato, il cui corpo apparentemente non fu cremato – come la maggior parte dei suoi contemporanei – ma fu sepolto.

schiavo liberato
Gli archeologi hanno trovato resti mummificati in un antico cimitero a est dell’antico centro urbano di Pompei. Il nome “Marcus Venerius Secundio” si legge su una lastra di marmo fissata alla facciata. Quest’uomo era un ex schiavo, che godeva di un certo status socio-economico dopo la sua liberazione, i ricercatori deducono dalla tomba piuttosto massiccia e da un’iscrizione commemorativa.

caso eccezionale
Ma ciò che è particolarmente notevole è l’eccezionale condizione dei resti. È uno degli scheletri meglio conservati di sempre a Pompei. L’uomo aveva circa sessant’anni quando è morto ed è stato sepolto in una piccola cella di 1,6 per 2,4 metri. Grazie a questo spazio ermeticamente chiuso, lo scheletro era eccezionalmente ben conservato. Anche ciuffi di capelli e parti delle orecchie hanno resistito alla prova del tempo.

In questa foto si distinguono chiaramente ciuffi di capelli e parti dell’orecchio. Foto: Parco Archeologico di Pompei

È anche notevole che lo schiavo liberato sia stato trovato in una tomba. Durante il periodo romano, la maggior parte delle persone veniva cremata a Pompei. Solo i bambini sono stati sepolti. È quindi insolito che si svolgano i funerali di Marco Vinerio, un uomo sulla sessantina.

READ  Aspettatevi presto una fumata bianca intorno all'allenamento nazionale di Van Gaal

Grave
La tomba risale agli ultimi decenni di vita cittadina ed è costituita da un muro in pietra con tracce di pittura. I ricercatori sono stati in grado di distinguere le piante verdi su uno sfondo blu. Inoltre, sono stati trovati oggetti tombali, tra cui due piccole bottiglie e diversi pezzi di quella che sembrava essere polvere. Nella tomba è stato trovato anche un barattolo di vetro appartenente a una donna di nome Novia Amabilis.

Grave. Foto: Parco Archeologico di Pompei

Spettacoli in greco
Il memoriale afferma anche che l’uomo “si esibì in greco e latino per quattro giorni”. Anche questo è molto speciale. “È la prima chiara testimonianza di spettacoli in greco a Pompei”, ha affermato Gabriel Zustregel, direttore del Parco Archeologico di Pompei. In precedenza, c’erano solo indicazioni indirette di questo. Ma ora abbiamo trovato un’iscrizione che menziona il greco, che era una lingua franca nel Mediterraneo orientale, insieme al latino. Ospitare spettacoli in greco è una testimonianza del clima culturale vivace e aperto che caratterizzava l’antica città di Pompei”.

Un’iscrizione commemorativa è stata trovata nella tomba di Marco Vinerio. Foto: Parco Archeologico di Pompei

Intenzionale o no?
I ricercatori non vedono l’ora di studiare ulteriormente la tomba. Perché ci sono ancora molte domande a cui gli archeologi sperano di rispondere. «Ad esempio, dobbiamo ancora capire se l’imbalsamazione parziale del defunto sia stata intenzionale o meno», spiega il professor Lawrence Allaponte. “Un’analisi del materiale trovato può fornire maggiori informazioni su questo argomento”.

Ma non c’è dubbio che questa tomba sia una scoperta straordinaria. “Anche per uno come me, specializzato da tempo in archeologia funeraria, la vastissima ricchezza di informazioni che offre questa tomba – dalle iscrizioni ai corredi funerari e alla facciata dipinta – è eccezionale”, nota Allaponte. Da allora i resti umani sono stati portati in laboratorio, dove saranno analizzati e studiati ulteriormente.

Lo sapevate…

… I ricercatori si imbattono ancora regolarmente a Pompei in reperti particolari? Ad esempio, in precedenza erano state trovate due nuove vittime della famosa eruzione. I due uomini sono sopravvissuti alle prime fasi dell’eruzione, ma non sono stati poi in grado di sfuggire al secondo flusso di lava spietatamente veloce. Leggi l’emozionante storia qui!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24