Uno scienziato francese studia l’effetto dei falsi coralli sulle onde in un laboratorio d’acqua | Scienze

Entro il 2100, a meno che le emissioni di anidride carbonica non vengano ridotte, la maggior parte delle barriere coralline morirà, ha affermato l’UNESCO in un rapporto allarmante nel 2017. Ma molte di queste meraviglie naturali scompariranno molto prima. “Entro 10-30 anni, la maggior parte delle barriere coralline iscritte nella Lista del Patrimonio Mondiale dovrebbero perdere la capacità di sopravvivere al riscaldamento globale”, si legge nell’avvertimento.

rugosità

Secondo il dottor Tessier, le spiagge coralline sono tra le più complesse di tutti i tipi di costa. Perché se il fondo della zona costiera “normale” digrada sott’acqua, c’è uno spostamento improvviso con il corallo. “Può rompere le onde in una grande tempesta”, spiega. Secondo lo scienziato, anche la forma e la rugosità del corallo hanno un effetto inibitorio. Poi c’è anche una specie di onda che in determinate condizioni viene spinta verso l’alto in una casa alta in una pianura di barriera corallina, il che può causare l’innalzamento delle acque al largo della costa.

Per comprendere meglio le coste complesse e fermare la morte dei coralli, è importante sapere esattamente come stanno cambiando le onde al largo della costa, afferma lo scienziato francese. Non solo ha condotto ricerche per mesi presso Zandmotor a Kijkduin, ma è stato ristabilito anche un laboratorio dell’acqua con un bacino a Delft. Contiene 384 repliche 3D Reef.

essere artificiale

“Stiamo cercando di simulare la realtà con un’onda”, spiega l’esperto costiero del paradiso del surf francese Biarritz. “Possiamo imitare le onde forti, ma anche le onde lunghe”. In un laboratorio d’acqua privato vengono variate anche la quantità e la distanza tra i tagli dell’oggetto artificiale. “Noi notiamo cosa succede alle onde e quanta energia perdono a causa della presenza del corallo”. Per poter valutare veramente l’impatto dei rulli estremi, Marion spera di potersi immergere canale delta Di Deltaris Technical Institute of Water, una grondaia lunga 300 metri con una profondità di circa dieci metri, può generare onde fino a 4,5 metri.

READ  C'è la primavera, c'è un asteroide che spazza via i dinosauri dalla terra

Tutto questo con l’obiettivo finale di sviluppare modelli per prevedere le condizioni delle onde sulla spiaggia, il movimento costiero e le potenziali inondazioni. “Queste idee possono in definitiva aiutare a sviluppare strategie di protezione costiera o preparare programmi di ripristino della barriera corallina”, afferma l’ispiratore Breakbreaker.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24