Uno studio “deludente” rivela che la falsità dei composti organici nel meteorite marziano è di origine biologica | Scienza

Il meteorite ALH 84001 è stato oggetto di dibattito da quando è arrivato sulla Terra. Dopotutto, il primo gruppo di ricerca che ha lavorato con il meteorite marziano pensava che fornisse prove della vita passata. Altri ricercatori hanno a lungo smentito questo. Il team di ricerca di Andrew Steele (Carnegie Institution for Science) ha anche scoperto che i composti organici non hanno un’origine biologica, ma sono il risultato di un’interazione tra acqua e rocce.




Allan Hills 84001, un meteorite vecchio fino a quattro miliardi di anni e del peso di circa 2 chilogrammi, è atterrato sulla Terra diversi decenni fa. È stato scoperto in Antartide nel 1984. Il meteorite ha completato un lungo viaggio ed è arrivato da Marte, secondo una ricerca della NASA. ALH 84001 è diventato rapidamente famoso in tutto il mondo perché nel 1996 un team di ricerca della NASA lo ha descritto come “prova di vita extraterrestre”.

Negli anni successivi, un numero crescente di scienziati scettici, che non furono coinvolti nella ricerca iniziale, elaborò teorie che smentirono le “prove di vita extraterrestre”. L’ultimo studio pubblicato in Rivista professionale “Scienza”Sembra che stia ignorando questa prova dal tavolo.

acqua salata

Funziona così: in origine si pensava che i composti ricchi di carbonio nel meteorite dovessero indicare la vita passata. Tuttavia, secondo la ricerca attuale, queste connessioni sono il risultato dell’acqua – possibilmente acqua salata – che scorre per lungo tempo attraverso un pezzo di roccia su Marte. Di conseguenza, si è verificato il processo geochimico di denudazione, in cui rocce ignee ricche di ferro o magnesio entrano in reazioni chimiche con l’acqua circolante.

READ  Virologo Osterhaus: i bambini della scuola primaria vengono testati molto | interni

Dopotutto, prima che il masso si trasformasse in un meteorite, si sono verificati tre impatti nelle vicinanze. I primi due fattori hanno causato il leggero collasso delle rocce, consentendo all’acqua di risalire. Nella terza collisione, il pezzo di roccia di 2 kg è stato finalmente rilasciato e alla fine è atterrato a terra.

La superficie di Marte. © Agenzia per la protezione dell’ambiente

litigi

Katie Thomas Kiberta e Simon Klimt, due astronomi della NASA coinvolti nello studio iniziale della meteora, sono rimasti delusi dalle scoperte di Andrew Steele. “Mentre i nuovi dati contribuiscono gradualmente alla nostra comprensione del meteorite, la speculazione non risolve il mistero che circonda l’origine della materia organica”.

Steele, a sua volta, elogia le scoperte originali del team della NASA, sottolineando che la loro ipotesi precedente era una “spiegazione ragionevole” all’epoca (editore degli anni ’80). Ma da allora le tecnologie sono state migliorate e sono di grande importanza per “la nostra comprensione del Pianeta Rosso”.

Marsrover

Secondo Steele, la vera prova della vita su Marte risiede nei campioni portati direttamente da Marte sulla Terra. Perseverance, la sonda Marte della NASA, ci sta attualmente lavorando. Sono già stati raccolti sei campioni che saranno rispediti sulla Terra entro dieci anni.

Perseverare, il robot Marte sta attualmente raccogliendo campioni dal Pianeta Rosso.

Perseverare, il robot Marte sta attualmente raccogliendo campioni dal Pianeta Rosso. © Agenzia per la protezione dell’ambiente

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24